Salta i links e vai al contenuto

Il Paese dei disoccupati

Lettere scritte dall'autore  Carlalberto Iacobucci

Viene affermato che studiare, estenda le possibilità di trovar lavoro. E’ allora stravagante vedere i nostri figli, seppur laureati crogiolarsi e non per scelta nel vuoto mercato del lavoro. Domani, quando sarà più marcata l’ingiustizia, ci chiederanno quale metodo abbiamo adottato per cambiarne la condizione ed avranno tutte le ragioni, se ci imputeranno il poco realizzato.

L'autore ha scritto 140 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Il Paese dei disoccupati

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro

3 commenti

  1. 1
    guerriero -

    il bello che il primo art della costituzione dice che la repubblica delle banane italiana è fondata sul lavoro!!!!ahahahah BUFFONI. E’ doppiamente carta straccia, primo perchè non è vero (dovrbbero scrivere sul NON LAVORO) e secondo perchè proprio i nostri pseudorappresentanti (senza vincolo di mandato) sono i primi a prendere stipendi allucinanti senza aver mai fatto un c.. in vita loro,un vero e proprio insulto ai poveri ed alla gente che si spacca la schiena per 4 lire. E sfido chiuque a smentirmi. La laurea?? carta da c…., tanto si come si fa carriera e si trova posto di lavoro nella maggior parte dei casi, metodo del materasso e dela bustarella.
    Tranquilla che di questo passo presto succederà qualcosa di giustametne brutto, ed io me lo auguro di cuore, il sistema economico e sociale di questa repubblichetta è al collasso, diciamoci pure che le giovani generazioni tranne i raccomandati e lecchini vari, complici dei politici nullafacenti e ladri,sono spacciate e non hanno futuro, prima se ne rendono conto e prima ribalteranno questo schifo anche con la forza.La storia insegna. Nel frattempo meglio non andare a votare

  2. 2
    Nick -

    La convinzione diffusa trasversalmente in tutta la nazione tra ricchi e poveri, che un buon livello di studio implichi come conseguenza un buon posto di lavoro, e´ una BOIATA. Molte persone anche intelligenti cadono in questo tranello. Lavori non ce ne sono, e qui pochi che ci sono vengono trasmessi per diritto ereditario, oppure c´e´la graduatoria dei lecchini…

  3. 3
    Carlalberto Iacobucci -

    Il dramma sarà quello di altre reclite di disoccupati.
    Che tristezza

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili