Salta i links e vai al contenuto

Il mio fragile e simpatico castello di sabbia

Che dire? È fatta. Ho detto tutto quello che dovevo dire, e le risposte ricevute sono proprio quelle che mi aspettavo, ma non quelle che speravo.
Ho capito cosa si intende per “le parole fanno male”, e facevano più male le parole che dicevo io che quelle che mi diceva.
Crollato tutto. Un colpo di vento ha distrutto il mio fragile e simpatico castello di sabbia.
Mesi e mesi, granello dopo granello e poi PUM.. Finisce tutto.
Si riinizia sì, ma io speravo di finirlo questo mio castello e di viverci dentro.. almeno per un po’.. A quanto pare chiedevo troppo.
E ora qua dopo aver passato una strana giornata, o meglio.. io sono stato strano in una giornata normale.. Una mattinata piena di sbuffi e di isolamenti in bagno per rilassarmi.. un pomeriggio a casa a giocare a Fifa e a bestemmiare ogni qualvolta mi ricordavo il tutto.
E ora? Ascolto una canzone e scrivo questo “testo” così per rilassarmi un po’, per non pensare a quanto mi infastidiscano i comportamenti di tutti, a quanto credo sia difficile riuscire in qualcosa, a quanto sono coglione.. Ma non ci riesco, gira tutto intorno a questo.
E ora sarà meglio cercarsi altra sabbia e costruirsi un altro castello, magari sta volta va meglio.. Tanto vale provarci.

L'autore ha scritto 11 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

2 commenti

  1. 1
    Eagle -

    Ti ammiro per la tua forza…
    Solo un consiglio: questa volta, magari, prova a usare qualcos’altro piuttosto che la sabbia…

  2. 2
    Anonimamente io. -

    Ahah, grazie. La prossima volta vedrò di usare un qualcosa di più sicuro e resistente!

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili