Salta i links e vai al contenuto

Finanziare il debito pubblico con somme delle Fondazioni

Da qualche giorno si ripropone la necessità di un recupero ai fini di far fronte ad una situazione di possibile default. Da cittadino sensibile alle esigenze dello Stato mi permetto di indicare una via percorribile, molto semplice e senza dubbio indolore. Una volta dalla sera ala mattina si attinse ai conticorrenti dei cittadini decurtandoli di una percentuale che tutto sommato non fece fallire nessuno. Oggi non si potrebbero dalla sera alla mattina decurtare del 30 o 40 % le somme di cui dispongono le Fondazioni? Certamente nessuno resterebbe in mutande. Non si dica che non si può fare.

L'autore ha scritto 43 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook Finanziare il debito pubblico con somme delle Fondazioni

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Politica

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili