Salta i links e vai al contenuto

Dopo 7 mesi che mi ha lasciato…

Ciao a tutti, voglio raccontarvi la mia storia per avere qualche veduta oltre alla mia ancora contorta.

2 anni fa viene a lavorare con me una ragazza, (rumena), ma questo poco conta, lei sposata con figlio, le 26 io 40,io uscito da poco da una relazione, (sono stato lasciato sempre sul posto di lavoro), avevo da poco ripreso me stesso, ho impiegato 5 mesi di sofferenza.

Lei dopo poco che lavora con me dice di essersi innamorata di me, dice che suo marito la picchia, io prendo a cuore questa ragazza, le dico che non me la sento di avere una storia visto che sono uscito da poco da una storia sul posto di lavoro.

Questo è il quello che ho detto a lei, in realtà io non mi fidavo, non perché era una ragazza rumena, ma per la sua età, si era sposata giovanissima e non aveva ancora fatto esperienze di vita, quindi non volevo innamorarmi e ritrovarmi a piedi dopo pochi anni, la mia esperienza e sofferenza passata mi ha insegnato, le esperienze bisogna farle, o prima o dopo, poi lei avendo perso la mamma da giovane e avendo avuto il padre ubriaco ha avuto un infanzia molto difficile, ha vissuto sempre in case famiglie fino a quando poi ha conosciuto suo marito e si è sposata solo dopo 1 mese, e fatto un figlio sebbene lui la picchiasse, cercato, quindi poca responsabilità.

Lei quando io respingevo le sue avance ha cominciato a fare ricatti, a farmi sentire sentire attardato e dicendomi che ero una persona che pensava solamente a scopare, cosa assolutamente non vera, certo ho fatto le mie esperienze ma pure io cerco una donna sulla quale fare o creare qualcosa.

Quindi con i suoi modi mi allontanava sempre più, poi una sera dopo che si è lasciata dal marito e risiedeva in una comunità perché senza soldi, mi chiede se la posso accompagnare a casa, io gli dico che non posso, (volevo evitare illusioni o legami fuori dal lavoro),lei insiste pregandomi e io l’accompagno, mi racconta la sua vita, difficile, ed io scorgo in lei quella sua instabilità emotiva, che lei riversa su di me, (non so perché non l’ho mai mandata a quel pawse), forse il fatto che non abbia mai avuto una famiglia vederla così spaesata mi ha intenerito il cuore e la coscienza.

Mi chiede altre volte di accompagnarla solo per parlare e sfogarsi, io l’accontento, poi fa scattare il primo bacio, io mi allontano e dico che una cosa del genere non doveva più capitare, lei dice di essere innamorata, dice che non può farci nulla, io allora da quel giorno mi rifiuto di accompagnarla a casa, lei piange e mi fa quei ricatti del tipo
_non ti piaccio perché sono rumen
_non ci vieni perché ho un figlio
_non hai le palle per prenderti una responsabilità a 40 anni ecc…

Fatto sta che una sera l’accompagno, è mia è tua e l’abbiamo fatto, mai l’avessi fatto, apriti o cielo, da lì ero obbligato ad andare con lei, le scenate sul lavoro ecc…

Non so perché ho proseguito in questa relazione malata, non solo perché era bella, forse riusciva a tenermi per il senso di colpa, forse non so, sta di fatto che proseguiamo per un anno e mezzo, io non volevo mai lasciarmi andare per paura, lei non aveva soldi, doveva prendere casa e mantenere un figlio con uno stipendio, poi aveva un doppio carattere, dolce e quando non capiva qualcosa diventava una iena.

Beh, ad agosto 2012, quando ho cominciato a fidarmi un po’ di lei, io aspettavo che uscisse dalla comunità per poterla conoscere e vedere come viveva, non solo a parole, lei mi lascia, la settimana prima al mare mi amava alla follia, voleva vivere con me, la settimana dopo, dopo una bella giornata passata assieme, dice di non amarmi più, di non desiderarmi più sessualmente, la settimana prima era allupata.

Mi è caduto il mondo addosso, ho provato per 2 mesi a recuperare il rapporto, nulla da fare, prima diceva che non si fidava, poi che non mi amava, addirittura vedendomi dimagrito parecchio e sofferente mi diceva di ingrassare che ero patetico, io che la ho ascoltata per mesi quando stava male, poi mi ha detto che l’ho fatta soffrire alla follia perché dopo che stavamo a letto, (i primi mesi), dicevo di non amarla, che tra l’altro era vero, io impiego molto a fidarmi, ho sofferto tantissimo in passato.

Fatto sta che sono 7 mesi che soffro, ora riesco ad avere qualche giorno di pace, ma ogni tanto mi ritorna con violenza da togliermi il fiato, soffro come un cane, addirittura mi faccio sensi di colpa perché lei all’inizio soffriva, ma io ero sincero, non potevo dirle di amarla quando non era vero,lei mi ha rintracciato che approfittavo di lei, gli ho sempre detto che non volevo finire a letto per non prenderla in giro, gli dicevo che non andavo da lei, lei mi supplicava e mi aspettava a casa con vestitini da svegliare un morto.

Secondo voi dove ho sbagliato, perché ancora dopo 7 mesi non me ne faccio una ragione?

Premetto che la vedo tutti i giorni a lavoro, per fortuna la prossima è la sua ultima settimana di lavoro li, una parte di me gode l’altra ha paura, lei va a vivere a 200km da qui con la sua nuova fiamma, un carabiniere con la quale dividerà le spese.

Ciao, finalmente mi sono sfogato un po’.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

6 commenti

  1. 1
    sololu -

    Mi dispiace, ma ti ha proprio fregato. Anche io ho una storia “difficile” e so bene che questo cambia di molto le cose, quindi tendo a non raccontare niente se non dopo mesi di relazione, quando posso fidarmi davvero della persona con cui voglio costruire qualcosa. Se parlo con qualcuno solo per sfogarmi, come mi è capitato, voglio che sia qualcuno che non conosco, qualcuno che non rivedrò mai più e quindi non mi guarderà come se dovesse per forza prendersi cura di me. Le donne come me nella maggior parte dei casi cercano di mettere a posto la loro vita da sole. Non dico che non soffrisse davvero, ma sicuramente voleva qualcosa da te. Fosse anche solo sesso.. lasciala andare via. Lascia che sia qualche altro uomo a darle quello che cerca, e attento perché potrebbe ritornare.

  2. 2
    Roberto1972 -

    Ciao, solu, io la penso come te, i problemi vanno risolti da soli, io le avevo consigliato uno psicologo, lei diceva che non era pazza…

    Io non capisco perché mi faccio ancora a momenti sensi di colpa, lei diceva che io ero come le onde del mare, un giorno volevo e l’altro no, sicuramente ero insicuro di quella relazione, lei però non è che faceva tanto per farmi sentire sicuro, diceva diceva e poi…

    Nel momento in cui c’era da provare, quando si è messa in casa sua, è scappata, questo è amore?

    Io la chiamerei convenienza, alla fine via da me è già nelle braccia di un altro, ma come si fa, ha fatto un anno e mezzo a cercare di convincermi, io le ho sempre detto che avevo paura, ho preso fregature di ogni genere, dagli amici, lavoro e storie amorose, questo glie l’ho sempre detto, lei sembrava non capire, doveva arrivare al suo obbiettivo, che lei chiamava sogno, io so che l’amore è altro, posso anche sbagliarmi.

    Le persone che ci conoscono dicono di accendere un cero in chiesa per averla persa, dicono che non è normale come persona, un po’ lo credevo pure io, per questo la volevo aiutare, ma come dice il proverbio”ad aiutare gli asini si prendono sempre calci”

    Quando le parlavo dei soldi, lei diceva che essendo credente ci avrebbe pensato dio, quando era in comunità, 2 anni, spesata completamente, non è riuscita a mettere da parte nulla, spendeva e non aveva nulla in mano, non sono mai riuscito a farle capire certe cose, pensava che nella vita bastasse l’amore.
    Non capisco cosa mi stia tenendo legato ancora a questa ragazza, percperché ancora ci soffro, forse il vederla tutti i giorni?

    Il sentire i colleghi che la conoscono esteriormente dire che è bellissima, bravissima, boh…

    Il momento più brutto è la mattina, la mattina mi assale l’ansia, non riesco ad uscire dal letto, poi nel tardo pomeriggio tutto passa, spero che nel non vederla più dalla prossima settimana, e dal non sentire più parlare di lei, il pensiero e il ricordo si affievoliscano, da quando mi ha lasciato, soprattutto i primi mesi, vederla ogni giorno li felice, vederla scrivere in continuo sullo smartphone, sentire parlare costantemente di lei mi ha straziato, vedere i colleghi provarci, un incubo che non auguro a nessuno, dopo che mi ha lasciato sembrava sicura di sé, prima era sempre pesante e logorroica, mi ha sempre voluto cambiare.

    Forse non sarò l’uomo più sicuro di sé che esiste, però sono questo, lei lo sapeva, troppo facile cestinare dopo, ho l’amaro in bocca, come farò a fidarmi nuovamente di un altra donna?

    Già sono uno che impiega tanto a lasciarsi andare, spero di riuscire ancora, anche se in questo momento la mia vita è molto brutta, piena di ansie e insicurezze, spero di riprendermi.

    Ciao.

  3. 3
    Secco -

    Ciao!
    Ho 28 anni e non so come si vive l’amore alla tua età. Sono convinto che ad ogni età si viva in maniera diversa, anche a causa di esperienze passate, ma quello che ho capito è che rimaniamo legati ad un ricordo, ovvero di quello che c’è stato e non c’è più. Io credo che la tua difficoltà nell’andare avanti sia dovuto sopratutto al fatto che non riesci a spiegarti questo cambiamento da parte sua. Su questo ti capisco bene, perchè mi sta succedendo la stessa cosa. Devi prendere in considerazione l’idea che ti abbia mentito e che il suo non fosse amore. Penso che non vederla ti farà bene… mentre ti farà molto male! (spero che tu capisca il senso).
    è questo l’amore che pensi di meritare?

  4. 4
    marlon -

    ciao roberto1972

    Sono stato anche io con una ragazza straniera, rassegnati, sono persone che cercano stabilità, quella economica ha più valore per loro, fanno figli presto e matrimoni pensati in pochi giorni…..io non mi sono fatto fregare, voleva sposarsi con me dopo poco tempo e avere figli…diceva di amarmi alla follia, poi mi lascia per un tizio con cui ha avuto un figlio dopo si e no due mesi di conoscenza…..mi viene da ridere solo a pensarci……Non farti troppe pippe mentali e sensi di colpa, ti pressano, ti ricattano, ti fanno sentire un bamboccio, ma la verità è un’altra, a me rompevano le palle perfino i parenti suoi dicendomi ” se la ami perchè non la sposi “…..hai 40 anni e il tempo per trovare il vero amore è ancora dalla tua parte…..guarda avanti e non voltarti indietro, e ricordati viviamo in un mondo di lupi, poi vabbè, ti lascio facendoti un po di retorica “non sono tutte uguali”……. chiudo augurandoti un futuro sereno, un saluto e a presto….ciao

  5. 5
    Roberto1972 -

    Ciao sacco, l’amore è sempre amore, sicuramente più maturi e più lo vivi consapevole, però più diventi grande e più il tempo stringe, all’età di 25 anni ho lasciato la ragazza che amavo perché era diventata una storia struggente, dopo 5 anni che io l’amavo alla follia, ci sono stati tradimenti, il primo il mio che gli ho confessato, (mai farlo), poi i suoi.

    Ho impiegato 2 anni a riprendermi completamente, con tanta psicoterapia, purtroppo la mia sensibilità mi fa vivere le emozioni all’estremo, sia le belle che le brutte.

    Io non so se alla fine ero innamorato di lei, sicuramente con la sua foga e tenerezze, non che al sesso sfrenato, copriva molti miei vuoti, poi arrivato ai 40 avrei voluto intraprendere anche una relazione, non ovviamente pressante come questa.

    La mia colpa più grossa è il non essere stato deciso a stoppare questa storia agli albori, ora pago di aver ascoltato il pene e poi essermi attaccato.

    @ ciao Marlon, nemmeno a me è riuscita a fregarmi, non è mai riuscita a scucirmi un soldo, forse perché fin da subito gli ho detto che io non l’avrei mantenuta, per questo sapeva che doveva giocare bene su quel frangente.

    È arrivata a dirmi che io la usavo come una puttanata, cosa non vera, tantissime volte quando mi chiamava per vedersi, gli dicevo ok, però parliamo solamente, arrivavo a casa dove conviveva con una collega, si presentava con completi da addrizzarlo ad un morto, poi, dopo che mi provocava, massaggi carezze, era ovvio che si finiva la, questo non vuol dire che devi per forza amare, doveva non portarmi in quelle condizioni se non lo voleva, solo che usava quella strategia per acciuffarmi, che triste…

    Se lei voleva solo stabilità economica, poteva darmi il lancio subito, invece ha aspettato di trovare l’altro pollo, il tizio è inguardabile, e non lo dico per invidia, non l’ho nemmeno visto, me lo hanno detto delle mie colleghe che lo hanno visto, dicono che mette proprio paura, lei che diceva che se uno non gli piaceva esteticamente non ci sarebbe andata… Hahaah, quante cavolate, va beh, passerà anche sta floberata, spero che non la debba pagare un altra ragazza, magari anche brava.

    Grazie per le vostre opinioni.

  6. 6
    MARX -

    Ho letto tutto con interesse il tuo racconto e i commenti, e sono arrivato alla conclusione che anche se abbiamo età diverse posso dire e mi dispiace che questa donna ti ha sfruttato fino a quando non ti ha scaricato. I dubbi sono tanti ma senza interrogarti su chi cosa come e perchè tu devi pensare alla tua vita principalmente, ma comunque da quel che sembra azzardando a un ipotesi è probabile che lei evidentemente avere un ragazzo così senza concludere non sapeva che farsene senza offesa, forse si aspettava che tu le chiedessi vieni a vivere con me, ecco come si spiega che con questo carabiniere è subito andato a viverci. Ma comunque chiodo scaccia chiodo continua a cercare finchè non troverai una ragazza con la testa sulle spalle veramente, comunque mandala a cagare, ti ha pure detto che sei patetico(e cerca di non scordartelo) se fossi stato io anche se fossi stato innamorato l’ avrei risposto non ho chiesto il tuo parere e non osare offendere perchè a quanto hai detto tu sei stato cauto ma non offensivo, ed è inutile che fa la vittima sparando( ma può essere anche non vero)c*****e,specialmente se ti vede SOFFERENTE e DIMAGRITO una persona che ti vuole bene non ti dice che sei patetico,SOPRATUTTO UNA PERSONA CHE HA DETTO DI AMARTI, dovrebbe avere almeno un minimo di sensibilità e non dire quelle cose. No no guarda saresti stato infelice, meglio perderle che trovarle. Tu adesso sei ancora ed evidentemente rimarrai ancora a lungo stordito da questa relazione ma non appena avrai la lucidita capirai che ti ha probabilmente raccontato delle bugie. Bisogna vedere come si sviluppano gli eventi. Per esempio tu hai mai incontrato il marito col quale ha avuto il figlio ? Cioè tu stai a credere alle parole di questa ma di fatto che ci stà ? Cerca semmai le prove di quello che ha detto. Adesso ti lascio. Ciao

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili