Salta i links e vai al contenuto

Deluso e sfiduciato

Dopo aver passato una triste storia, dura e avvilente dopo circa 1 anno e mezzo sono riuscito ad incontrare una ragazza che mi ha fatto perdere la testa solo con lo sguardo. Ho 22 anni, studio legge a Roma, lei idem, conosciuta casualmente ad un corso che abbiamo frequentato assieme. Tutto che ha uno splendido inizio, un felice susseguirsi di eventi, sorrisi, lunghe chiacchierate, io mi sento sempre più preso da lei, tanto che, anche se presto con piena consapevolezza da parte mia, le esterno i miei sentimenti. Lei ha un passato di sofferenze, sia nel ramo sentimentale, che in quello familiare, cerco di esserle sempre vicino in tutto, di ascoltarla, di capirla, di donare ogni mio momento a lei per farle capire che per me lei è davvero importante. Prepariamo un esame insieme e per starle appresso finisce, telefonandole la sera per rassicurarla e per ascoltarla ripetere non lo preparo bene io, tanto che non lo passo. Il tempo come detto prima cerco di passarlo il più possibile con lei, anche perché io vivo a Roma mentre lei è di Latina, la cerco di continuo perché è lei che voglio accanto a me durante le giornate, ma lei la vedo assente, anzi, quando è con me è sempre felice, ma appena si distacca per tornare a casa è come se la mia presenza all’interno della sua vita riesca a contare poco o niente, da qui vedendo questo modo di fare comincio a non capire. Settimana scorsa dopo il benedetto esame (diritto penale), che lei passa mentre il sottoscritto ovviamente no, finiamo per rientrare a casa mia, siamo da soli, vivo da solo ormai da quasi 2 mesi dopo la partenza dei miei nonni, dopo aver fatto l’amore, dopo averle regalato il nuovo cd dei coldplay dove ogni testo vela un significato profondo nei suoi riguardi nonostante il poco tempo condiviso assieme e dopo aver evitato ogni possibile contatto telefonico con mia madre per non darle la delusione del mio esito negativo l’accompagno alla stazione per prendere il treno, nel tragitto mi ritrovo a stare uno schifo, ad essere addolorato con me stesso per non aver fatto il mio dovere e per aver deluso mia madre, la donna che da 22 anni a questa parte mi è sempre stata accanto nel bene e nel male, lei vede questo mio malessere ma rientra a casa (non vuole ufficializzare la nostra storia dentro casa sua, ma una scusa sarebbe bastata se solo avesse voluto). Venerdì arriva una notizia davvero brutta a casa mia, un mio familiare rischia ingiustamente una pena di 5 anni per qualcosa che non ha fatto, mia madre scoppia in lacrime raccontandomi l’accaduto e lei nel frattempo non è accanto a me, non chiede di me. Sabato ci accordiamo per poterci vedere domenica, per approfittare di una scampagnata fuori porta prima della prossima sessione, ma niente, dice di dover già studiare e finisce che domenica posta su facebook una foto di lei in compagnia di una sua amica in spiaggia. Mi sento preso in giro, usato, nemmeno fossi un giocattolo che quando non serve viene riposto in un cassetto o addirittura buttato, durante il pomeriggio di domenica decido di farmi sentire dopo oltre un giorno di pianti per la nuova situazione presentatami in casa e dopo che attendevo che lei si facesse viva per cercare spiegazioni, e dice che il giorno dell’esame dopo esser stati assieme e dopo il mio regalo avevo avuto un comportamento che non le era stato per niente bene, comportamento del quale non sono mai venuto a conoscenza perché una volta chiamata mi ha detto una frase a sfottò quasi come a dire che io sono felice e non ho problemi nella mia vita ed io a bruciapelo ho risposto dandole della “meschina e viscida” per la grande rabbia e frustrazione che mi portavo dietro dopo il susseguirsi di notizie, da quell’istante mi ha chiuso il telefono in faccia, bloccato ogni cosa, non posso chiamarla che mi ha bloccato i numeri, le ho scritto di tutto e di più per farle capire che ero distrutto ed esasperato e lei non mi ha mai risposto, a niente, nemmeno fossi il peggiore dei criminali, nemmeno avesse detto “fammi capire perché ti sei arrabbiato così” e io che fine a 2 settimane prima le sono stato vicino in ogni forma possibile prima che si operasse sua madre per un intervento all’utero. Da domenica 25 nessuna notizia, nessun come stai, ma cosa ti è successo, il nulla totale, ma come si può nonostante il poco tempo trattare così chi si è esposto sentimentalmente dando fiducia, tempo, animo, quel che è possibile sotto il lato umano e svanire nel nulla dicendo semplicemente “mi hai aggredita e io con persone del genere non voglio avere nulla a che fare”, anche semplicemente dicendo a un essere umano ti voglio bene come si fa ad aver un comportamento del genere se alla fine uno si sente davvero esasperato e alla fine non viene ascoltato, non riesco a trovare alcuna risposta a questi quesiti.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

12 commenti a

Deluso e sfiduciato

Pagine: 1 2

  1. 1
    Qwertina -

    Francesco sei una bella persona, ascoltami: evitala come la peste! Cercati una ragazza timida e per bene e non una di queste che ti usano solo quando fa comodo a loro e credimi tantissime ragazze sono così. Stai attento! Spero leggerai attentamente le mie parole perché mi sembri un ragazzo adorabile ma ingenuo e non meriti di sprecare la tua vita accanto a qualcuna che ti usa e basta ma stai attento, te lo ripeto, attento perché TANTISSIME ragazze usano e basta.

  2. 2
    Francesco611 -

    Ciao Qwertina. Grazie delle belle parole che hai speso, grazie della cura che mi hai dimostrato in maniera spontanea e gratuita, sto assillando da morire i miei cari amici in questi giorni, sto assillando tutti coloro che mi conoscono da tempo e che sanno quanto sono fragile e sensibile dentro di me anche se all’esterno non si direbbe. Anche il tuo parere è come quello che mi hanno detto gli altri “non le interessa niente di te”, “per come si è comportata ti ha solo dimostrato di volersene lavare le mani di te e ha sfruttato una futilità per lasciarti”. Non riesco a capacitarmene, non riesco a crederci, io sono sempre stato dell’idea che gli occhi sono lo specchio dell’anima e per tutte le volte che l’ho guardata non ci riesco a credere che possa essere una persona così, se avesse voluto sul serio lasciarmi me ne sarei fatto una ragione, non si può stare con qualcuno se non lo si sente, ma proprio perché stai bene con me, perché sorridi, perché mi scrivi belle parole (arrivò a definirmi come hercules della disney,mi scrisse “tu sei come hercules un vero uomo coraggioso, coraggioso perchè ha aperto il suo cuore e ogni giorno lo dimostra, con azioni, con parole dette e scritte, aprire il proprio cuore è da veri uomini) e per un mio momento di dolore, mai ero arrivato a sentirmi così esasperato e ne ho avute già di brutte vicissitudini, sparisci e non mi cerchi più? Avrei voluto sentirmi dire tutto in faccia, preso, ascoltato e va bene, se devi lasciarmi mi lasci, ma perché non mi ascolti e non mi dici tutto guardandomi negli occhi?

  3. 3
    cam -

    Non sono tantissime ragazze ad usare, ma solo una certa categoria di ragazze, quelle immature e meschine come i ragazzi che usano le ragazze.
    Ti posso dire una cosa, caro Francesco. Io ti capisco, sono stata lasciata dopo quasi due anni dal ragazzo che credevo essere l’uomo della mia vita. Era molto di più di un moroso perché era anche il mio migliore amico. Dopo nove mesi lo rivedrò, abbiamo deciso di incontrarci per chiarire alcune cose spiacevoli.
    Queste persone non meritano una seconda possibilità in quanto morosi. Ricordatelo. Se ti capita di rivederla e di parlarle, fatti vedere sereno e maturo. Se lei ti prende in giro o si scalda per qualcosa, tu mostrati accondiscendente ma sicuro di te. Anche il mio ex come questa ragazza aveva e credo abbia tuttora diversi problemi in famiglia e relazionali. Io credo che giochi un suo ruolo anche la “gelosia”, passami il termine…una gelosia irrazionale, viscerale e insensata. Credo dipenda dai loro problemi e dal sentirsi inferiore. Almeno io ho notato ciò nel mio ex.
    Queste persone sono totalmente incentrate su se stesse, probabilmente per i loro problemi e forse in parte non sono nemmeno troppo da biasimare. Ma ricordati sempre che probabilmente è sintomo che non sono abbastanza interessate, mature e innamorate.

  4. 4
    roxana -

    “Credo dipenda dai loro problemi e dal sentirsi inferiore”…condivido pienamente questa frase di Cam.
    Cmq ciao Francesco mi ha colpito molto non solo la tua storia molto simile a quella che ho vissuto anch’io, ma anche il fatto che studi legge proprio come me 🙂
    Voglio dirti che ti capisco, purtroppo nella vita e nelle esperienze in generale si conoscono persone che più che meschine io le definirei “inferiori”..si..perché una persona che non ha il rispetto di dare un briciolo di spiegazione o quanto meno pensa di poter trattare la gente con cui condivide bei momenti come le pare e piace, non merita altro che essere considerata inferiore.

    Posso capire che in questo momento si possa provare rabbia ed è difficile farsene una ragione…soprattutto quando mancano i motivi su cui farsela sta ragione, ma tu non hai perso niente.

    Personalmente sono arrivata ad una sana conclusione: Dio vede e provvede, il male che fai ti torna sempre indietro.

    Un giorno si pentirà di aver perso un ragazzo educato e per bene come te.

  5. 5
    Francesco611 -

    Buongiorno Cam, in primis grazie per il commento, analizzando a fondo la mia situazione con quel poco di lucidità in più rispetto ai giorni passati forse è come dici tu. Una persona incentrata su sé stessa che probabilmente non è mai stata davvero interessata a me al punto da poter fuggire via nel modo in cui l’ha fatto senza alcuna forma di protezione, di tutela nei miei riguardi. Avrei voluto solo un suo abbraccio mentre mi sentivo il mondo crollare addosso e tra tutto quello che mi potevo aspettare, mai avrei potuto neppure nei peggiori degli incubi sognarmi un abominio come quello ricevuto.

    Grazie mille anche a te Roxana, grazie per aver donato tuo tempo al mio sfogo, per aver compreso e per avermi dato del ragazzo “educato e per bene”, la reazione ricevuta mi ha fatto sentire davvero come una persona marcia nonostante la consapevolezza che ho di me e nonostante tutti gli insegnamenti che ho avuto la fortuna di ricevere nel corso della mia crescita per merito di due donne stupende quali mi madre e mia nonna. “Dio vede e provvede, il male che fai torna sempre indietro”, non l’ho mai augurato a nessuno il male però è vero, si viene ripagati sempre per quel che si fa e la vita è talmente imprevedibile che speriamo ci ripaghi nella giusta misura per ciò che siamo. Se studi anche tu alla Sapienza coglierò l’occasione il prima possibile in vista della nuova sessione per ringraziarti delle deliziose espressioni che mi hai manifestato.

  6. 6
    roxana -

    L’ho fatto con piacere e anche col cuore, mi piace “consigliare” su questioni che in un modo o nell’altro ci accomunano. Purtroppo sono un po lontana da roma, sono della provincia di Modena 🙂

  7. 7
    cam -

    Lo so bene, ti capisco non sai quanto! Sono una giurista anche io 🙂

  8. 8
    Francesco611 -

    Grazie davvero di cuore, spero che i ringraziamenti davvero sentiti dal profondo, possano arrivarvi nonostante non si abbia idea di chi ci possa essere dietro la tastiera, non conoscere la sua fisionomia, siete persone con una emotività che farebbe solo bene al Mondo. Vi auguro un percorso di studio care giuriste ricco di soddisfazioni, a prescindere che possa mancarvi poco o tanto, che possa darvi tante gioie soprattutto per il domani. Io provo a concentrare la testa sui miei testi, anche se stamattina la mia migliore amica m’ha aggiornato sulla foto whatsapp di lei (io ovviamente sono perennemente bloccato), dove felice e sorridente assieme ad altre 3 amiche sfoggia pantaloncini e canotta alla fiera di rimini. Quanto possa sentirmi co...one io non ci sono parole sufficienti a descriverlo, quella si diverte e magari prepara bene gli esami, io invece non dormo la notte e mi mangio la testa sul perché possa esser stato trattato così male senza alcuna spiegazione.

  9. 9
    cam -

    Era così anche per me e un po’ lo è anche ora se ci penso. Purtroppo certe cose passano con moltissimo tempo; secondo me anche anni se hai amato davvero.
    Non devi pensare a queste cose. E lo so, lo so che ti trastulli con questi ricordi e pensieri e che non puoi fare a meno. Lo so che a volte il ricordo è dolce e altre volte è amaro. E poi c’è la rabbia e poi le domande…ma non devi pensarci! Non farti dire nulla di lei dagli amici, ti fai solo male. Sparisci dalla circolazione e se ti ha bloccata dopo come si è comportata fidati ha dei problemi come il mio ex. Sono le cose più dolorose, perché non ci sono spiegazioni né nulla, ma ora devi pensare a te e alla tua salute psicofisica.

  10. 10
    Francesco611 -

    Sono passate 2 settimane piene dall’ultima volta che l’ho vista, pian piano il dolore sta facendo sempre più il suo decorso. È difficile, quando si tiene ad una persona è difficile, nonostante la situazione vista con occhio esterno sia fin troppo semplice, palese. La triste verità è che quando una persona lascia non solo decide di non stare con l’altro ma anche di non volerlo sentire più, altrimenti non ci si dovrebbe porre alcun problema, bisogna ricordarsi che se l’altra persona che si ha accanto nota un problema (sempre se è in grado), se sente che qualcosa non va, affronta la problematica insieme a noi e nessuno si sarebbe lasciato, ma ci deve essere la volontà, il desiderio di continuare a conoscersi, tenere realmente all’altro, sacrificarsi in certe situazioni e a farlo con lo spirito della volontà, del piacere perché si tiene davvero a chi si ha accanto. Spero di ritrovare al più presto il mio equilibrio naturale, tornare a sorridere con spontaneità e continuare a circondarmi di belle persone che ho avuto la fortuna di avere al mio fianco nel cammino della vita, spero che chiunque soffre ingiustamente per amore (è normale che le storie possano morire, ma è ingiusto non mostrare rispetto e riconoscenza nei riguardi di chi dedica animo e cuore verso qualcuno) si riscatti, trovi la felicità lungo il suo percorso, capisca che deve sentirsi soddisfatto di ciò che è e di ciò che dimostra ogni giorno a sé stesso, spero che chi ci lascia capisca i suoi errori, i modi turpi e il dolore che certe azioni o certe mancate azioni possono causare e spero che soprattutto voi che avete speso tempo per me siate ricompensati con il giusto valore che dimostrate per quel che manifestate nel quotidiano e per la vicinanza che avete donato a me. Un forte abbraccio e che tutti colore che credono nell’amore, nel prossimo possano trovare chi li merita davvero senza donarsi incondizionatamente senza aver un giusto quadro di chi si ha di fianco. Un forte abbraccio

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili