Salta i links e vai al contenuto

Dazed and confused

Lettere scritte dall'autore  

Il titolo rispetto alla situazione è pretenzioso, ma come ognuno di noi credo che la situazione che sto vivendo sia unica ed inimitabile e che la sofferenza che provo sia più forte di qualsiasi altra. Ovviamente so che non è cosi e mi scuso già con chi ha veramente un dolore reale. La situazione è questa, si parla di cuore e di allontanamenti e di comportamenti doppi, e di una mia guerra interna che non cessa e di una speranza che non cenna a morire.

I fatti sono questi, ho allontanato la mia (ex ormai?) ragazza 15-18 gg fa dopo 1 anno e mezzo che dire intenso è poco, ero giunto a un livello di frustrazione per cui non potevo più ammettere di passare sempre come seconda scelta in confronto ad amici, colleghi ,lavoro e viaggi quando per me è sempre stata al centro, oltretutto tra i deliri della telefonata le ho sottolineato i motivi della mia scelta, l’ho fatto per scuoterla e per vedere il suo di sentimento nel concreto.. (non sono un narciso era una necessità per testare la relazione)

Ovviamente il nulla……… nonostante questo , io l’ho ricercata.

Si ammetto la debolezza, la cavolata, il mettere il proprio orgoglio sotto le scarpe, ma la mia zucca vuota non voleva credere a quello che è evidente, la risposta non si è fatta tardare: Lavoro, fra poco ricambierò di nuovo impiego e non ho il tempo materiale di star male.

Dal canto mio avevo bisogno di un segnale, un basta.. una pietra sul logorio interno che ho.

quando le ho spiegato che piuttosto che vivere con l’attesa avrei preferito soffrire maggiormente ma chiudere, mi ha fatto intendere il contrario. Poi il nulla.

Ieri da amici comuni ho scoperto che sta male e che non capisce il perché del mio allontanamento

Senza di lei mi manca qualcosa , e ho provato come nei migliori film a scriverle 2 righe e spedirgliele per posta, almeno saprà che nonostante tutto a lei tengo, e sono disposto a lavorare per smussare alcuni angoli appuntiti per venirsi incontro , questo è stato il mio punto.

Al di là dell’evidente problema comunicativo dettato anche dai 300 km che ci separano, della mia testardaggine se volete egoismo , della mia immaturità affettiva (e non sono un ragazzino) del fatto di essere solo (intendo logisticamente perché ho una vita sociale e ho un lavoro manageriale ..si sono realizzato ma un bambino dentro). Scrivo qui perché le Vs risposte saranno impietose / senza filtri / oggettive e mi potrebbero aiutare a venirne fuori, vi ringrazio già per il tempo che vorrete dedicarmi questo è uno sfogo in un momento veramente del cavolo.

Grazie

Macs

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

13 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Angwhy -

    Ma lassa perdere,e ascoltati dazed and confused che ti fa bene,anzi tutto l’album gia che ci sei

  2. 2
    Rossella -

    Sai, non si tratta di passare in secondo piano. Il fidanzamento, non importa se lo vivi da donna di casa o di piazza, non ti cambia la vita. Il cambiamento del punto di vista, a limite, ti dovrebbe far riflettere sulla verità di te stessa. Forse non sei riuscita ad esprimere fino in fondo la tua sete di mondanità (o di spiritualità familiare)e adesso non riesci ad emanciparti da una realtà esterna che non è lo specchio della tua interiorità. Quando non ci sono le premesse per essere il “braccio e la mente”, perché manca un oggetto di discussione esterno alla vita familiare (lavoro, studio, ecc.), viene naturale fare vite separate o comunque stare un passo indietro per dominare il senso d’inappartenenza. Il matrimonio, per una persona che vive la nascita come il momento dell’intronizzazione, viene vissuto in maniera traumatica quando diventa un momento di apoteosi. Non è una questione d’orgoglio. Ci si sente oppressi perché si percepisce tutto quel clamore ingiustificato come una forma d’idolatria. Quando conosci un uomo lo accetti con i suoi pregi e i suoi difetti, ma ti accorgi di amarlo quando puoi osservarlo da una prospettiva limitata…

  3. 3
    Rossella -

    … perché ci sono cose che immagini e che alla fine, dobbiamo essere sinceri, ti fanno sognare nel momento in cui c’è da sognare. Le cose lontane possono essere dolore e morte, ma sono anche tentazione. Quando si avvicinano diventano passioni del presente e ricordi dolorosi del passato che vi allontanano. Da qui la scelta di rivendicare il diritto ai propri spazi e la liberta, nostra, di alzare le mani perché riconosciamo di trovarci in una storia più grande di noi. Non per altro. Io arrivo in un ambiente che non è casa mia (pensa già quanto sono rigida) e mi trovo alle prese con un uomo che ha interessi su scala internazionale, capirai bene che non potrei farcela comunque. Ma le sue aspirazioni sono le aspirazioni di un uomo. Io non riesco a sentirmi donna. Cosa vogliamo fare? Bisogna essere pratici e andare avanti senza rancore.

    In bocca al lupo!

  4. 4
    Gabriele -

    Macs, non chiedere scusa, se soffri, soffri, non esistono grandi o piccole sofferenze, e poi non è bello fare classiche su queste sofferenze. La tua è una sofferenza un pò più dolce, forse. Comunque 15-18 giorni, non mi sembrano un tempo, nel quale non si possa recuperare un rapporto; secondo me, molto probabilmente, non ti ha nemmeno capito da quello che racconti, dal momento che vi siete parlati al telefono. Dico quello che dico sempre ai miei amici e a me stesso: fai l’uomo, chi è indeciso, perde, in amore, come in ambito manageriale, prendi la tua decisione, tenendo a mente che quella è la tua donna e merita di essere trattata da donna.
    Hai tutte le informazioni, per soddisfare i fattori critici di successo, da entrambe le parti;)

  5. 5
    Golem -

    La nota positiva è quella che hai capito che la vostra storia non è unica e inimitabile, come pensa qualcuno, ma banalmente identica a altre migliaia, che nascono e muoiono come una pianta che non cresce nel terreno giusto.
    Per il resto è normale che ti manchi. Le abitudini non si cambiano da un giorno all’altro. Per il resto è finita, anzi, forse per lei non era neanche cominciata. Prendine atto e tira dritto, e per non pensarci leggiti cento volte la doppietta di Rossye e magari ti intronizzi. Hai visto mai? Alla peggio consolati scofanandoti una vaschetta di gelato Haagen-…Dazed. È buonissimo.

  6. 6
    macs -

    Innanzitutto grazie x risposte e commenti. A dirla tutta credo abbiate ragione un po’ tutti. Devo dirvela completa però .. I primi gg sono stati un inferno , roba da non dormire fra risentimento ed angoscia , arrivavo in ufficio crepato.. Ora non sto bene ma credo di aver fatto tutto quel che mi sentivo , credo di averle fatto percepire chiaramente i miei sentimenti. Soffro e ci penso ma la realtà è che non posso obbligare nessuno , se lei l ha presa come “l occasione di defilarsi ” lasciando a me la responsabilità e il peso della decisione forse non ho perso granché e lassarla andae è corretto (grazie Anghway).. È la non chiarezza che mi ha fatto andare fuori controllo e la paura di aver fatto l ennesimo “investimento” sbagliato , funziono meglio sul lavoro che nei sentimenti ho più polso e decisione. In ogni caso spero di uscire presto da questo limbo spero di smetterla presto di fomentare illusioni auto indotte su ritorni da beautiful la realtà è un altra..no signal è la situazione attuale , l unica manovra intelligente credo sia aspettare e viversi il proprio tempo cercando man.mano di smettere di guardare ai fantasmi del passato.
    Cosa ne pensate?

  7. 7
    Angwhy -

    personalmente non permetterò mai piu a nessuno di confondermi.se c’è una cosa che ho imparato è che a chi vuol capire basta una parola e a chi non vuol capire non bastano mille frasi.fregatene

  8. 8
    Yog -

    Ma quale lavoro “mangeriale” potrebbe mai essere affidato a uno che scrive quello che scrivi tu? Vabbè, sei un impiegato e avrai qualcuno sotto, ma da qui a un manager, capisiciammè, ce ne passa. Comunque getta la spugna, la storia è finita e la zita pensa giustamente a costruirsi una vita. A Km 0, non a Km 300, lo ha consigliato anche l’ultimo G8 a Basilea.

  9. 9
    Mac -

    X Yog ero tentato di non rispondere ma quando vedo l ignoranza e il voler deridere gratuito non resisto. Il mio lavoro è tutto e un impiegato non lo sono ma hai sicuramente ragione sulla mia ex. Se mostrarsi fragili ed ironici perché credimi lo sono stato ,in una piattaforma dedicata appositamente a discussioni su questi temi in un momento di debolezza è meritevole di scherno è sbagliato per cui prima di partire in quarta con minimizzazioni e soluzioni rapide senza empatia pensaci 2 volte.
    Per il resto hai ragione sono stato un debole perché ho permesso a qualcuno che amavo di sfruttarmi e manipolarmi perché in relazione do tutto e ci sto male soprattutto per quello ,sto male per sssere stato minimizzato e lasciato da parte , ma non permetterti mai più di criticare cio che non sai a titolo gratuito.
    Ti saluto

  10. 10
    Yog -

    Ovviamente, invece, e senza seguire le tue indicazioni, io critico e giudico a titolo assolutamente gratuito. Se vuoi fare una donazione, ti mando l’IBAN.
    Per il resto, tieni presente il Verbo che ti ho largito aggratis: statti a Km 0.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili