Salta i links e vai al contenuto

Considerazione su “Lettera a Bergamo” di Vittorio Feltri

Lettere scritte dall'autore  franco petraglia

Caro e gentile direttore, la sua ”lettera a Bergamo” mi ha fatto venire i lucciconi agli occhi. La sua città, il capoluogo della provincia più colpita d’Italia, seconda solo alla città cinese di Wuhan per numero di morti e contagiati. E per questo provo una indicibile tristezza. Non riesco a spiegarmi come mai il maledetto coronavirus abbia portato via tantissime persone in questi giorni proprio in questa terra. Mi si strazia il cuore nel vedere in Tv mezzi militari che trasportano le bare in altri cimiteri italiani. In questi giorni di grande sofferenza ho apprezzato non poco l’operato dei medici, gli infermieri e i volontari che si sono spesi con tutte le loro energie e hanno dato un grande esempio di servizio e donazione. Dico, senza alcuna retorica o piaggeria, che la gente di Bergamo è di una forza d’animo eccezionale, saggia, determinata e lavora con alto spirito di abnegazione. Non cede facilmente alle avversità della vita. Si piega ma non si spezza. Ne ho contezza diretta per tutte le persone bergamasche che ho avuto il piacere di incontrare nella mia vita. Il mio vivo desiderio-speranza è che questo popolo laborioso superi le difficoltà presenti e gli si apra un futuro di serenità interiore e di grande rinascita morale, sociale ed economica. Abbia ,suo tramite, esimio direttore, le mie espressioni più sincere e affettuose della mia solidale partecipazione al cordoglio dell’intera città orobica.
Con molti sentimenti di stima e cordialità.
Ringrazio caldamente per la cortese ospitalità e porgo molti cari saluti.

Franco Petraglia – Cervinara (Avellino )

L'autore ha scritto 11 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Considerazione su “Lettera a Bergamo” di Vittorio Feltri

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Salute

1 commento

  1. 1
    LEOPOLDO LUCIBELI -

    Egregio sig.Petraglia
    Lei, meridionale,nato a Cervinara, in Irpinia, dimostra con i suoi cosi’affettuosi sentimenti di vicinanza alla popolazione bergamasca,quanto siano generosi e civili i meridionali, certamente non “inferiori”ai fratelli del nord come afferma il “direttore”da lei tanto stimato. chissa’ se apprezzera’la sua lettera ringraziandola e pregandoci di scusarlo.io non credo.
    Tanti saluti

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili