Salta i links e vai al contenuto

Condizionamenti esterni

  

Ho una compagna di circa 10 anni meno di me. Figlia unica con madre lavoratrice e padre casalingo, pettegolo, con forte ascendente su di lei.

Stiamo insieme da circa 6 anni e da circa un anno ho il pensiero fisso che stia riproponendo il suo schema familiare nella nostra vita. Stando ai fatti lei è solo lavoro, mail, messaggi, impegni. Nelle parole, invece, dice di essere il contrario. Personalmente la faccenda non mi turba più come prima i suoi impegni di lavoro sono routine. Certo, non è il rapporto che vorrei, però me lo faccio piacere. Difficile organizzare una vacanza di 2 gg. Siamo entrambi professionisti lei chirurgo, io ingegn.

Ultimamente le cose non vanno come vorrei. Non so come spiegarlo, ogni volta che devo propormi nel lavoro per un nuovo incarico sento come un freno. Inizio a farmi tante troppe domande. Seghe mentali insomma. E’ come se dovessi trovarmi un motivo o un alibi per rimanere a casa.

Le mie domande iniziano a trovare risposte metafisiche. Possono le persone che ci circondano condizionarci? a tal punto da riproporre schemi familiari vissuti? avete delle esperienze in merito??

L'autore ha scritto 12 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

7 commenti a

Condizionamenti esterni

  1. 1
    Aloneinthedark -

    Le pressioni familiari sono determinanti nella formazione mentale di una persona. Oggi c’è da fronteggiare anche le pressioni esercitate dalla società, bisogna essere impegnati, performanti, perfetti, altrimenti si è fuori dai giochi, fuori dal mondo. Alle donne viene chiesto dai mass media di essere in carriera, altrimenti si è succubi dell’uomo che viene dipinto come un aguzzino e non come un simile con cui costruire qualcosa di importante. I romani dicevano dividi et impera, beh glielo stiamo permettendo, fra un po’ avremo solo i nostri impegni e attorno il nulla più buio.

  2. 2
    Rossella -

    Il progresso è difficile da gestire. Io potrei dare l’idea di essere una persona molto controllata. In realtà vivo la vita con lo spirito di chi è rassegnato all’idea che il tempo deve passare. Un po’ come una nonna, per intenderci. Le cose mi toccano, ma non al punto da starci veramente male perché non vivo l’attesa in senso sociale, di fatto snaturandomi, e ogni rivoluzione viene da me vissuta con la consapevolezza di Foscolo, il quale aveva capito che l’assenza di una collocazione sociale porta ad una soluzione autodistruttiva e vediamo che anche Gesù chiede agli apostoli la stessa cosa, ma promette la vita. Dunque partire non è sempre morire, come recita il vecchio adagio. Un po’ lo è. Partire in senso sociale. Se vuoi restare sul piano della storia ne devi prendere atto. Altrimenti vivi in una grande illusione. L’angoscia e i suoi derivati dipendono proprio dal conflitto tra spirito e materia. L’anima s’indebolisce perché non ha la forza per opporsi. Questo scontro porta ad emergere il duro mondo della mercificazione e l’uomo per evitare di farsi inghiottire diventa schiavo del lavoro. Tutti i grandi studiosi ritengono che la rivoluzione francese abbia bruciato tutte le illusioni rivoluzionarie.

  3. 3
    Rossella -

    Anche il comunismo ci ricorda che l’uomo in quel processo va rifondato. Ma si tratta pur sempre di qualcuno che non ha un rapporto con il presente. Il comunismo funziona quando la massa non si diffondono gli ideali comunisti tra la massa e si crea un élite di grandi uomini che guidano la rivoluzione fuori dal presente. Non potrebbe mai attecchire in paesi che hanno conosciuto il benessere in tutte le sue forme. Quando si affermano questi ideali trionfa l’estrema destra.

  4. 4
    Golem -

    Non capisco per quale motivo le tue incertezze nel proporti professionalmente dipenderebbero dal menage familiare della famiglia di provenienza della tua compagna. Tu non sei in grado di sapere quello che vuoi o non vuoi fare?

    Il risultato dei condizionamenti dipende da quanto ci facciamo condizionare, e non mi sembra che ci siano imposizioni a seguire quel trend nel tuo caso. O sì.
    Poi se la chirurgo ha un carattere trainante e tu lo subisci, il problema è un altro, cioè il tuo carattere.
    Comunque come dice la Rossye, solo quando non si diffondono gli ideali comunisti tra la massa e si crea un élite di grandi uomini che guidano la rivoluzione fuori dal presente funziona il comunismo. Cerca di diventare uno di quei grandi uomini sennò in casa tua finirà per trionfare l’estrema destra, allora sì che sarebbero c...i.

  5. 5
    Gabriele -

    Certo, che lo schema familiare pregresso viene riproposto, pure tu lo riproponi. Il problema è: lei ha questi blocchi quando le si pone una prospettiva/opportunità davanti?
    Bisogna essere maturi in amore, cioè la propria realizzazione personale, non è nè a scapito della coppia, nè a scapito del/della compagna/o, per il semplice motivo che ci appoggia.

  6. 6
    Yog -

    Sì. Tua moglie ti darà la conferma che i gruppi metilici ed acetilici ci possono condizionare per circa 6 generazioni interagendo con il DNA non codificante.
    Ma chiedilo a tua moglie, un medico le sa ‘ste cose. Perchè scassi qua? Hai il medico in casa, chiedi.

  7. 7
    Yog -

    In ogni caso d’estate i condizionamenti esterni sono un must.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili