Salta i links e vai al contenuto

Una canzone per Vincenzino (nei panni del padre)

Angelo mio
1° Da quel giorno per me il tempo si è fermato
fino ad ora quante lacrime ho versato
per te piccolo e adorato figlio mio
spero almeno che tu sia lassù con Dio.
La tua stanza è rimasta come prima
che dolore quando ci entro ogni mattina
sento ancora il tuo profumo nella culla
mi dispero e lancio al cielo le mie urla.
Rit: Angelo mio ma dove sei
io senza te non vivo più
Angelo mio come si può
soffrir così io morirò.
Angelo mio ovunque sei
ricorda sempre il tuo papà
tua madre che da tempo è
ormai irriconoscibile.
2° Da quel giorno il sole in cielo si è oscurato
anche il canto degli uccelli si è’ fermato
tu mi manchi tanto Vincenzino mio
eri il mio unico maschietto figlio mio.
Guardo triste giorno e notte la tua foto
ho un abisso infinito come vuoto
giro senza meta con lo sguardo spento
è un dolore che porterò sempre dentro.
Rit.

Testo depositato alla SIAE.
Con affetto infinito!
Cantautore.

L'autore ha scritto 9 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili