Salta i links e vai al contenuto

Anche i cani e i loro padroni devono stare a casa

Lettere scritte dall'autore  Giulio K

A Milano si stima che siano centinaia di migliaia i cani in appartamento, che naturalmente vengono portati fuori più volte al giorno dai loro padroni. Fate un po’ i conti di quanta gente c’è in giro solo per questo motivo, nonostante il divieto di uscire.

Avete voluto il cane nell’appartamento in città? Adesso attrezzate un angolo da qualche parte in casa o sul balcone per i loro bisogni e poi pulite. Come si fa per i gatti.

E così state a casa pure voi come tutti gli altri !!!

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Anche i cani e i loro padroni devono stare a casa

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cittadini - Salute

7 commenti

  1. 1
    Andre90 -

    seeee centinaia di migliaia…ma hai una vaga idea delle cifre che spari? E poi figuriamoci se uno adesso fa fare i bisogni al cane in casa, ma per carità

  2. 2
    Trader -

    GiulioK, hai finito di scrivere assurdità su L.a.D.?

  3. 3
    CLAUDIO -

    Vedrai.. ,anche il nostro buon governo terrà conto di questa VITA DA CANI(già previste altre RESTRIZIONI da definirsi,visto il caso, BESTIALI)!!! ??⛔

  4. 4
    Bottex -

    Concordo con Andre90. Basta andare più vicino possibile anziché fare dei km a piedi. Mica ci vuole tanto. Un cane sempre in casa impazzirebbe, non è come un gatto (poi dipende ovviamente da come è stato abituato). Giusta comunque l’osservazione che prendere un cane per chi ha un’appartamento in città senza spazi all’aperto è una vera crudeltà nei confronti dell’animale.

  5. 5
    Yog -

    Cioè prendete una lettiera al cane grande come una cuccia, la riempite con 300 € di bentonite e il cane la mattina va disciplinatamente là perché lo ha detto Giuseppi.
    Si, vabbè, ho visto un re e c’era pure un cavallo con lettiera adeguata.

  6. 6
    Yog -

    La vera riflessione è: “Ma è un diritto tenere un cane?”.
    Io sono per il sì, l’uomo ha sempre voluto accanto a se il cane; la donna no, lo ha solo tollerato perché mica andava a caccia, lei.
    È un diritto naturale dell’uomo, inteso come maschio.
    Salvaguardare diritto e cane è imperativo.

  7. 7
    Caterina -

    Io e la mia volpina non usciamo da domenica scorsa perché stando in casa non corriamo pericoli. Ho predisposto un angolino in bagno dove fa i suoi bisogni e poi raccolgo e pulisco.
    Vi assicuro che non ci vuole niente ed è igienico perché le piastrelle non assorbono, non c’è bisogno di nessuna lettiera.
    Ho solo dovuto un po’ forzarla all’inizio, ma ora va da sola quando serve.
    Certo che se avessi avuto un alano, forse sarei uscita pure io.
    Un idea per chi ha cani di grossa taglia è di approfittare dell’emergenza per metterli a dieta. Meno cibo = meno bisogni = meno lavoro per pulire, così potete tenerli a casa.
    Non uscite a meno che non sia indispensabile.
    Sposo in pieno quello che ha scritto Giulio.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili