Salta i links e vai al contenuto

Al nonno

di

Nonno non sai quanto mi manchi. Ho troppo bisogno di te, da quando mi hai lasciata cerco sempre qualcuno con cui parlare, qualcuno di cui mi possa fidare. Ma tra tutti gli amici che ho, non c’è nessuno con cui possa parlare davvero e per parlare davvero intendo dire tutto, tutto quello che sento. Siccome non ti posso parlare, ti scrivo qua. Anche se so che non leggerai mai e non riceverò mai una tua risposta. Io sto affrontando un periodo tanto buio, un periodo che non tutti passano. Credo di essere lesbica nonno. I ragazzi non mi attraggono, o meglio non mi attraggono come lo fanno le ragazze. Ho conosciuto a settembre una ragazza che dice di essere bisessuale, è nella classe accanto alla mia. E nonno, ci ho perso la testa. Gliel’ho detto ma lei ha il ragazzo da 2 anni e le cose sono abbastanza difficili. Prima mi diceva di provare anche lei qualcosa per me, poi le cose sono andate degenerando. Mi ha detto che voleva lasciar stare tutto, io mi sono anche un po’ arrabbiata e non l’ho sentita per un po’. Poi ci siamo riavvicinate, avendo amici in comune, nonostante a me la cotta stesse passando. Lei mi ha confessato che una sera, quando eravamo assieme ad una festa e io ero ubriaca, voleva tanto baciarmi, ma non l’ha fatto perchè appunto ero ubriaca e non voleva che io pensassi che si approfittasse di questo. Li ci sono ricascata, io la vorrei mia, tutta per me. Non so come fare. Nessuno sa di questa cosa, tranne il mio migliore amico a cui ho raccontato qualcosina, quasi nulla. Beh, dopo questo, ci siamo viste e ho dormito da lei, e poi mi ha ridetto che vuole lasciar stare tutto come prima. Nonno non so cosa fare, non la capisco. Avrei preferito mi avesse detto di no fin da subito, invece mi ha illusa, troppo. La vorrei mia. E in tutto ciò non so capire se sono lesbica, bisex, o se semplicemente sono etero ma ho solo voglia di una nuova esperienza. Fatto sta che vorrei stare con lei, mi renderebbe la persona più felice del mondo. Non ci siamo mai nemmeno baciate, mi piacerebbe davvero tanto ma ho paura di illudermi ancora di più. Nonno io non ho nessuno con cui poter parlare di questa cosa, e se mi senti, ti prego aiutami.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

5 commenti a

Al nonno

  1. 1
    Gian88 -

    Per quanto riguarda l’orientamento sessuale non dovresti farti tutte ste pippe mentali. Capisco il momento di confusione ma non aver paura, tra un po’ ti renderai meglio conto di cosa ti piace e cosa no ( o cosa meno) è “saprai chi sei”. Per quanto riguarda la disavventura con la ragazza invece purtroppo ci dovrai fare il callo. Anche a te capiterà di illudere qualcuno un giorno. È una ruota che gira purtroppo. Condoglianze per la perdita di tuo nonno, gli sembravi molto attaccata

  2. 2
    Rossella -

    Ciao,
    ho letto la tua lettera. Ti consiglio di aspettare perché stai misurando la tua giovane identità con la fede nella ragione. Quando esci per andare a fare acquisti prendi coscienza del fatto che la ricerca della verità è il motore delle nostre giornate. Verità nel prezzo. Verità nella ricerca delle prove (telecamere, ecc.). Questo bisogno impellente di sapere la verità rende molto più reale il nostro mondo segreto. La verità per una donna è la priorità assoluta. Oggi ho letto un’intervista in cui si lamentava la rappresentazione problematica di figure, ambienti e fatti quotidiani. Eppure io ti dico che la figura del popolano, con tutto il rispetto, non mi possiede. Ci sono modelli ormai superati, perché nella vita reale trovi il modello letterario che si fonda sulla separazione degli stili e riesce a coinvolgerti attraverso il genere. Nell’argomento trovi la verità e ti appassioni. In tutte le epoche di classicismo noi troviamo la separazione degli stili. Il cristianesimo dissolve questo principio perché Giuseppe anche se era un umile falegname non indossava sempre i vestiti da lavoro. Quando ero piccola la mescolanza degli stili ti portava ad identificare delle muse che rappresentavano una storia che avevi visto. Oggi le storie si moltiplicano e non c’è un controllo. Secondo me è giusto assecondare l’anima che è sempre alla ricerca radicale di libertà e giustizia, ma sono proprio i sentimenti assoluti e totalizzanti a strapparci dal cuore questo desiderio.

  3. 3
    Rossella -

    PS Vi volete bene… vuol dire che sarà il tempo a decidere per voi. Non ti devi vergognare di questi tuoi sentimenti. Aspetta.

    Un abbraccio!

  4. 4
    Yog -

    Vabbè, il nonno credo che – data l’incresciosa dipartita – non ti scriverà per un po’, perciò ti rispondo io. Il vero errore che stai facendo è “volerla tutta tua”. Pessima idea. Cristianamente parlando, la vera gioia sta nella condivisione. Dato che hai la probabile fortuna di essere bisex, fate tranquillamente una cosa in tre tirando dentro il suo ragazzo. Vi divertirete molto di più e vi sentirete tutti molto più buoni perché avrete superato il vostro egoismo. E svegliati, non sei nel medioevo.

  5. 5
    Piccola -

    E tu rifrescati il comprendonio ché la carità è prima di tutto dignità, pagliaccio alcoo(u)lizzato!

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.