Salta i links e vai al contenuto

Università a 30 anni, richiesta di opinioni per favore

Lettere scritte dall'autore  leon83 (ex user)
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 7 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

19 commenti

Pagine: 1 2

  1. 11
    maria grazia -

    fate una ricerca di marketing e sull’ attuale mondo del lavoro, e verificate in modo fattuale quali sono le professioni che saranno più richieste nei prossimi anni. poi scegliete il vostro corso di laurea sopratutto in base alla richiesta del mercato. semplice, no ?

  2. 12
    ets -

    “Il rimedio migliore quando si è tristi” replicò Merlino, cominciando ad aspirare e mandar fuori boccate di fumo, “è imparare qualcosa. È l’unico che sia sempre efficace.

    Invecchi e ti tremolano le mani e le gambe, non dormi alla notte per ascoltare il subbuglio che hai nelle vene, hai nostalgia del tuo unico amore, vedi il mondo che ti circonda devastato da pazzi malvagi, oppure sai che nelle chiaviche mentali di gente ignobile il tuo onore viene calpestato.

    In tutti questi casi, vi è una sola cosa da fare: imparare.

    Imparare perché la gente parla tanto e che cosa la fa parlare. È l’unica cosa che la mente non riesca mai a esaurire, mai ad alienare, mai ad esserne torturata, mai a temere e diffidarne, mai a sognarsi di essersene pentita.

    Imparare è il rimedio per te.

    Guarda quante cose ci sono da imparare!

  3. 13
    Bibo -

    @Nevealsole e Ets….meno male che qualcuno di sensato ancora esiste….avete espresso perfettamente il mio pensiero…BRAVI!!!!!

  4. 14
    ets -

    E’ un piacere Bibo, questa frase è la mia filosofia di vita da tanti anni 🙂

    un salut

  5. 15
    torminapassion97 -

    Studia che non è mai tardi per apprendere cose nuove e soprattutto insegui i tuoi sogni
    Sii colto e sarai libero mi dicevano a scuola

  6. 16
    dante -

    Ciao leon83, hai barato, altro che 30 anni, siamo a 32, io però li faccio a dicembre, e pensa che a ottobre si scongela il mio percorso di laurea, l’ho congelato 3 anni fa, quando purtroppo ebbi un brutto periodo della mia vita, avevo appena chiesto la tesi al prof e mi mancava qualche esame, poi andò tutto a p…e per un problema di vita abbastanza serio. Nel frattempo ho cambiato città, e svolgo un lavoro che non mi soddisfa x niente, il sogno di prendere la laura è sempre rimasto nel cassetto, e poi magari iniziare un master in tecnologie birraie, avevo in mente di fare birra artigianale, sono ad un bivio anche io, riprendere gli studi oppure no, mi frullano mille cose per la testa, da una parte ho un’attività in proprio che mi sta logorando dentro, vuoi perchè è un lavoro pesante, vuoi perchè non era il sogno della mia vita, poi fai i conti con la realtà, e credi di essere addirittura “vecchio” per ricominciare, sinceramente me ne frego dei numeri, la famiglia a 30 i figli a 35 tutto non dopo i 40 ecc ecc, per me non è vero niente, io forse riprenderò, e nel frattempo continuerò il mio lavoro ove sarà possibile conciliare le due cose, poi si vedrà, tu che hai deciso???? ciao

  7. 17
    rossana -

    Dante,
    in passato una persona che mi è cara si è trovata al bivio fra famiglia d’origine, suo piccolo nucleo famigliare, primo figlio incluso, e i suoi sogni. Dopo un adeguato periodo di crisi e di riflessione, ha avuto il coraggio di seguire, almeno in parte, i sogni.

    Avrebbe voluto essere un pittore e si ritrovava a fare il rappresentante di materiale ferroso, lavoro sicuro e ben retribuito. Con grandi sacrifici iniziali ha messo su un’agenzia pubblicitaria, dando a poco a poco lavoro alla moglie, al fratello e alla cognata.

    Ora patiscono tutti quanti, duramente, i contraccolpi della crisi, ma il promotore dell’iniziativa non ha mai rimpianto la scelta che l’ha portato su un’attività di mediazione fra quello che avrebbe desiderato e quello che è stato in grado di concretizzare. Il suo animo è rimasto libero e, pur abitando fra i monti ed essendo ormai abbastanza avanti con gli anni, non rinuncia a esprimere il suo estro con quanto gli è consentito fare, come ad esempio prendere una patente nautica e accompagnare ogni tanto turisti per mare.

    Realizzare quanto più possibile se stessi e i propri sogni, vivere il più possibile la vita che si sarebbe desiderato avere, compatibilmente con la propria sorte, i propri talenti e le proprie necessità, è per me l’unico vero successo a cui si può ambire su questa terra.

  8. 18
    Alchimista -

    Una laurea oggi, anche in buone università e in corsi di laurea “tosti”, NON SERVE A NULLA IN ITALIA.Se volete sfruttare ciò che avete appreso nel vostro corso di studi,scappate all’estero, non perchè l’estero sia l’Eden, ma perchè all’estero un barlume di ragione è rimasto. Io non consiglierei a nessuno, indipendentemente dall’età e dalle sue capacità, di laurearsi in Italia, perchè il nostro è un Paese in forte deindustrializzazione.Vuoi studiare per imparare?Trova in rete i libri che ti occorrono e intanto lavora come panettiere, idraulico…ti fai una cultura e intanto vivi dignitosamente. Le università dovrebbero essere chiuse e vengono lasciate aperte per finanziare gli stipendi di chi ci lavora…ditemi voi come può funzionare un ente dove il fine non è produrre un vantaggio per se stessi e per gli altri, ma solo per se stessi.Alla lunga fallisce!!!!

  9. 19
    rossana -

    Alchimista,
    non ti si può di certo dare del tutto torto, soprattutto se uno è in grado di orientarsi da solo nelle materie che gli interessano. Ora la rete può dare un grande aiuto ma, se non si è geni, una cultura deve avere fondamenta minime, difficili da mettere insieme senza macroscopiche falle se non si ha una guida, almeno inizialmente.

    Per quanto possa essere poco utile ai fini di trovare un lavoro di proprio gradimento, l’iter universitario resta un modo di aprire la mente e di abituarla a procedere nella formazione delle idee e dei concetti in un percorso convalidato dall’esperienza, su cui si può poi spaziare liberamente, a proprio piacere ma sempre seguendo un certo metodo e una certa logica.

    Lo scibile umano è talmente vasto che ci si perde o s’impiega il doppio del tempo solo per scartare quello che non è essenziale, senza forse mai riuscirci poi del tutto…

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili