Salta i links e vai al contenuto

Un’altra storia…

Lettere scritte dall'autore  mal

Cercherò di riassumere due anni di storia ammettendo i miei sbagli e alcune mie battutine infelici. Premesso non sono una persona permalosa, scherzo sui miei difetti e sui miei problemi al fine di sdrammatizzare. Lei è odontoiatra, io infermiere. Queste premesse sono necessarie poi capirete…Accetto le critiche e probabilmente i giudizi negativi che darete su di me, ma ho bisogno di capire e migliorarmi.

A luglio, in seguito ad una battutina infelice che feci alla mia ormai amata ex, a distanza di di qualche giorno diventò fredda e distaccata, per poi comunicarmi la decisione di lasciarmi.
La battutina era:
“Ah ah come ti atteggi con gli altri non guadagnando nulla”. Venivamo da un periodo di tensioni e io ho detto una cavolata enorme. Vi spiegherò le tensioni. Stavamo solo io e lei. Sul momento non ebbe reazione, la serata finí anche con attenzioni e premura da parte sua per poi giorni dopo esplodere con la reazione predetta. Io cerco di scusarmi, lei mi riversa tanto di quell’ odio e disprezzo che mi sento malissimo. Non l’ho avevo mai vista cosí, finisco per umiliarmi per cercare di farle cambiare idea. All’ inizio mi perdona poi ritorna fredda, pungente e distaccata come prima. E mi lascia definitivamente. Dopo con il tempo vomitandoci addosso, più che altro lei mi ha vomitato addosso, ho conosciuto le altre motivazioni. Ora devo fare un po’ il bimbominchia, per far capire perché ogni tanto mi comportano così.
Devo fare un elenco:
. Due anni fa quando non stavamo neanche insieme feci una battutina che insinuava che avesse le tette cadenti. Ero un maschilista di mer…, venivo da una storia in cui fui tradito, non voglio giustificarmi,ho sbagliato . Poi aveva una cisti sul naso e le consigliai di toglierla
.altri modi di sfottere sul lavoro o qualche difetto fisico.
.che io parlo sempre e non l’ ascolto.
.io usavo toni duri per spronarla a cercare una cura o un medico capace per risolvere un problema intestinale. Era diventata arrendevole e io l’ho anche accompagnata dai vari medici e manco stavamo insieme.

Lei sembrava una tipa autoironica, come me…mi sfotteva sulla pelata che si stava formando, sulle mani strane, sulla mandibola che lei, essendo della professione, identificava come del secondo tipo ecc… poi scopro che è una permalosa colossale e smetto. Smetto di parlare troppo, l’ ascolto, mi bombarda dei suoi problemi. Nonostante questo mi accusava di non ascoltarla. Le davo consigli e non erano buoni, in pratica voleva solo essere assecondata. Se lei litigava con qualcuno potevi solo dire hai ragione tu. Se ti chiedeva un consiglio su una materia specialistica, tipo da avvocato o commercialista, e non sapevi nulla della materia mi criticava. Mi informavo come autodidatta e mi diceva, tu che ne sai, sei commercialista? Diciamo che alla fine sono stato sotto il pacchero e lei soddisfatta di come mi aveva cambiato. L’ avevo fatta penare per diventare come diceva lei… Nel frattempo non mi presentava i suoi perché io ero solo infermiere, il padre o la madre non l’avrebbero accettato, infatti la madre pur sapendo di stare con me le consigliava di uscire con uno del suo rango. Viene il covid, mi ammalo di un’ altra patologia, il covid sarebbe stato meglio. Sto male, ancora oggi combatto. Nonostante questo ogni smonto notte, ogni momento in cui ero libero e lei libera cercavo di andare con lei pur stando male. Ovviamente alcune volte a mezzanotte ero sfinito, lei non voleva fare la vita del vecchio in casa. Quando precovid non siamo mai stati in casa, siamo sempre andati ovunque. Sono sempre stato attivo ed ora vengo criticato per passività e inoltre vengo criticato perché sono solo infermiere e non punto piu in alto. Dopo aver studiato, vinto concorsi con le mie solo le forze e senza raccomandazioni. L’ ho sempre accompagnata ovunque per ogni sevizio, aperto la porta della macchina, offero, fatto regali a caso perché magari aveva un problema familiare e io cercavo di rallegrarla. Sono corso a casa ogni problema e ogni momento. Ora io per via della mia malattia e della pandemia non me la sono visto bene, ero spaventato, preoccupato, sofferente…sicuramente me lo si leggeva in volto. Lei ha preso tutti i miei sbagli, i miei atteggiamenti in due anni, si è creato il personaggio che non sono, addirittura insinua di averla tradita, quando non ho mai pensato a nessun altra. Dice che sono stato un’ influenza molto negativa, fino a giugno faceva finta di nulla, mi diceva ti amo nei momenti intimi. Comunque la storia è lunga davvero, ora sono a pezzi…me lo merito in parte…scusate se non correggo

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi: Un’altra storia…

Altre sul tema

Altre nella categoria: amore

1 commento

  1. 1
    Mister+T -

    Ormai è una situazione che si è incancrenita nel tempo sicuramente per sbagli tuoi ma anche suoi. Probabilmente non eravate poi così compatibili e lei non era innamorata di te quanto tu di lei. Ormai non ci puoi fare più nulla se non tagliare definitivamente tutti i ponti con lei, pensare a curarti per tornare in perfetta salute e stare un pò da solo e imparare dagli errori commessi.

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'informativa sulla privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili