Salta i links e vai al contenuto

Ratzinger pro domo sua

Lettere scritte dall'autore  filippo
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 55 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

15 commenti

Pagine: 1 2

  1. 11
    filippo -

    Allora dovresti ricordare che il Cristianesimo paolino era scismatico nei confronti di quello di Gerusalemme (Pietro e Giacomo) e Alessandria (Marco), che Paolo fu salvato per il rotto della cuffia dal linciaggio e a salvarlo furono i romani.
    Il Cristianesimo Paolino non è affatto il “Protocristianesimo”, a meno di definire Cristianesimo lo scisma paolino e gesuitismo il protocristianesimo di Gerusalemme, ma questa è questione di lana caprina.
    Ora, siccome quando si parla di cristianesimo imperiale, in realtà stiamo parlando di quello paolino e delle sue emanazioni successive, va da sé che il cristianesimo originale non ha nulla a che fare con le prese di posizione politiche successive, cose con cui, del resto, la predicazione originale non aveva nulla a che fare, essendosi occupata esclusivamente della Riforma religiosa del mosaismo canonico, ormai diventato sterile liturgia clericale.
    Quanto al passo sulla castità, risalente al primo secolo, è chiaro che puoi interpretarlo in bianco o in nero secondo come la pensi ed è appunto quello il problema, che ci riporta agli scopi dell’Istituzione.Si potrebbe infine ricordare che Francesco, interpretando correttamente il “gesuitismo”, non imponeva la castità.
    Il Buddismo, nella stessa maniera, non impone la castità, ma è intuitivo che la devoluzione dell’energia sessuale a più alti scopi di evoluzione ha la sua importanza tecnica; non a caso esistono da una parte il culto di Dioniso, lo Shivaismo, o le stesse orge Voodoo, che sfruttano l’energia sessuale attivamente, oppure, dall’altra, Taoismo, Buddismo, RajaYoga, Kundalini, o il passo di Giovanni in cui Ieoshua spiega a Nicodemo che devi superare le passioni “per rinascere dall’alto”, cosa che è invece Kabbalah (la Sefiroth Iesod), etc.etc…, nel senso del non disperdere la medesima energia ma devolverla in altro modo.
    Quando la castità non è attitudine, ma solo politica, si esce dal contesto delle Metafisiche e da quello delle Religioni positive e si entra in quello delle Religioni politiche, i cui scopi sono ben altri.
    Il contesto delle Religioni politiche è molto ristretto e
    su questo particolare tema ribadisco che non c’è peggio che la Chiesa cattolica, essendo quella Protestante ben più aperta e non consentendo l’Islam, altra religione politica, “neanche l’intenzione” della castità, poiché il Corano considera il matrimonio “santo” per costruzione.

  2. 12
    luc -

    farnetichi! l’islam adesso sarebbe una cultura sessuo-positiva? ma vai in arabia saudita e vediamo se riesci a perdere la verginità prima di esserti comprato una moglie! il tuo problema (grave) è che identifichi sessualità con matrimonio (dando perfino ragione alla chiesa che tanto attacchi) mentre il matrimonio monogamico è solo l’1% della sessualità (per me è una perversione della sessualità naturale). se è vero che islam ed ebraismo non vedono di buon occhio il celibato, questo non toglie che siano e siano state le culture più antisessuali della storia. e dopo di loro il buddismo, con la sua psicotica “ascesi”: guarda i costumi sessuali dei popoli da secoli dominati dall’ideologia buddista! il cattolicesimo, proprio grazie al suo buttarsi in politica, è diventato un’ideologia ipocrita, nel senso che ha lasciato degli spazi di libertà e naturalità, predica di non fare ma poi lascia fare (tanto c’è la confessione!). in asia, qual’è il paese più sessualmente libero? le filippine, cattoliche. e poi, che differenza c’è se sono sfruttato da un’imperatore laico o da uno con la mitra in testa?

  3. 13
    filippo -

    Non hai capito un tubo!

  4. 14
    manlio -

    scusate se intervengo in questo “dibattito”, ma credo che l’anticlericalismo, che qualcuno di voi non esita a dichiarare, giustamente in ossequio alla libertà di opinione,non vi permette però di vedere,o meglio di sentire il papa quando condanna qualsiasi episodio di violenza,commesso verso qualsiasi etnia o gruppo religioso. non dimenticate che in italia,dove esiste la chiesa,e quindi il vaticano, al contrario dell’iran o dell’arabia o di nazioni simili, che voi rispettate,per vigliaccheria,c’è spazio e rispetto per tutte le opinioni, religiose e non, quindi anche per voi. io non credo che le cose siano così catastrofiche come le descrivete, anche perchè. lo dimostra che pur avendo usato dei toni poco diplomatici nel descrivere il capo della chiesa, che è un capo distato, non siete stati raggiunti da nessuna fatwa o condanna, nè morale, penale o religiosa. e nel concludere di essere più sobri e meno categorici nel dare giudizi, e vi auguro buona giornata.

  5. 15
    colam's -

    Bravo Manlio

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili