Salta i links e vai al contenuto

Non riesco a rialzarmi

  

Ho pensato tanto prima di scrivere su questo sito, non so perché l’ho fatto, anzi lo so, come tante persone sto passando un periodo difficile, la fine di una storia nella quale avevo messo tutta me stessa, nella quale avevo creduto e aveva creduto anche lui… almeno così mi diceva.
Ho passato tutta la mia vita a cercare di non innamorarmi per paura di soffrire, poi è arrivato lui, che piano piano mi ha fatto capire che di lui potevo fidarmi, che mi amava e che non dovevo avere paura di lasciarmi andare. Io ho cercato di resistere, ma poi mi sono lasciata andare, gli ho permesso di entrare nel mio mondo, per la prima volta ho fatto cadere tutte le mie difese e gli ho dato tutta me stessa.
Passa il tempo e lui comincia ad essere troppo confuso, troppo instabile, i suoi dubbi riaffioravano e lo spingevano a lasciarmi, e io lì a piangere, a sperare che tornasse, senza fargli mai pressioni… e lui tornava ma puntualmente dopo diversi mesi i dubbi riaffioravano, la distanza, la paura di stravolgere la mia vita chiedendomi di lasciare tutto per lui (cosa che io avrei fatto) , la paura di prendere una decisione, lo spingeva via da me, fino a quando dopo più di 3 anni di questa vita io ho avuto il coraggio di dire basta, anche se non volevo, anche se speravo che mi pregasse di non farlo… ma ero decisa a non credergli più. Lui ha provato a trattenermi ma io sono stata chiara… stavamo soffrendo entrambi e tutto ciò non aveva senso, e lui ha capito e non mi ha più cercata.
So che ho preso la buona decisione. So che devo resistere e piano piano tutto questo dolore passerà, ma lui mi manca! Anche se la ragione mi dice di smetterla di pensarlo, di smetterla di piangermi addosso, di reagire e di guardare avanti, io non ci riesco. Mi sento spenta, cerco di tenermi impegnata, faccio mille cose, ma lui è sempre lì. E mi sento sola, così sola… Ho degli amici, ma hanno tutti una loro vita, i loro problemi, e poi non è facile ammettere davanti a qualcuno che ti senti sola, che ti senti debole, che non credi di essere capace di rialzarti, in più sono TUTTI fidanzati e questo mi fa sentire ancora più sola, spesso il sabato sono costretta a restare a casa perché non mi va di essere l’unica single in mezzo a tante coppiette. Scusate lo sfogo ne avevo bisogno… spero ci sia qualcuno che capisca come mi sento…

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

22 commenti a

Non riesco a rialzarmi

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Silvia5 -

    Cara nebbia,
    ti capisco..ti capisco davvero!So cosa stai provando, quel nodo allo stomaco che ti toglie quasi il fiato, quel non sentirsi più parte di niente!
    Mi sento anche io sola pur avendo intorno tante persone che mi vogliono bene mi sento persa..svuotata!
    Oramai sono in questa situazione da quasi due mesi da quando lui ha deciso di chiudere tutto..è sparito..lasciandosi dietro i suoi “ti amo da morire” che si sono tramutati nel vuoto più assoluto e nel “non sò più cosa voglio e cosa provo”.
    Probabilmente non sono la persona più adatta a darti dei consigli..ma volevo stringermi “virtualmente” a te..e dirti che davvero tutto piano piano passa.
    I primi giorni mi sembrava di non farcela, credimi anche il solo sentire nominare il suo nome mi faceva venire ansia..l’unico modo per stare un pochino meglio è stato quello di lasciarsi andare..di piangere fino all’ultima lascrima di buttare fuori tutta la tristezza e rabbia.
    E’ dura molto dura..però i giorni e il tempo può sembrarti una banalità ma aiutano davvero.
    Non avere paura delle tue emozioni anche se adesso queste ti sembrano nemiche ..pensa invece al coraggio che hai avuto e per quanto adesso ti sembra una cosa sbagliata che ti sta portando solo del dolore forse un giorno capirai di avere scelto la cosa migliore.
    Tutti ci meritiamo un amore vero e completo!
    Ti abbraccio!

  2. 2
    bimbatriste87 -

    io non so quanti anni hai..io ne ho 23 e mi sono lasciata dopo 9 anni perchè mi trattava malissimo e in fondo..non mi amava..anche se è tornato mille volte a piangere a supplicare sono stata forte. sono rimasta senza amici per lui tutt’ora non ho con chi uscire ma credimi..preferisco stare sola per sempre che tornare con una persona che magari all’inizio può trattarmi bene e dimostrarmi cose belle per poi tornare a trattarmi male e a essere quello di sempre! hai fatto bene a lasciarlo dal mio personale punto di vista! ci meritiamo di stare bene! basta soffrire per gente instabile che non sa neanche cosa vuole dalla vita!!!! buona fortuna..

  3. 3
    francy -

    Ciao nebbia..Un amore vero e’ solo quello che lascia tracce di se,un amore senza dolore non ha senso come non ha senso senza gioia.L’amore esiste se e’ felice,o meglio,finché’ i momenti di felicita’ prevalgono.Un amore infelice e’ un amore perverso..Lascia tutto alle spalle non voltarti,lo so che e’ difficile,ma ti sembra che lo stare con lui sia meglio,che quello che ti da_(non da)ti possa bastare???Non credo….Ho scoperto,che nulla ti fa soffrire di più’ e ti fa sentire meno sola che lo stare con un uomo che ti fa sentire sola pur stando con lui,ho scoperto che quando si e’ soli,non si e’ mai da soli se si sta bene con se stessi..Con il tempo lo scoprirai anche tu..

  4. 4
    andry -

    ciao bimba87 ti rispondo perchèp più o meno la mia ragazza mi ha lasciato x gli stessi motivi non k la trattavo male ma magari le dicevo no ad acune piccolezze ma l’ho fatta piangere molto solo quando stai x perdere tutto ti accorgi veramentte
    di quanto è importante la donna che ami xk io l’amo quella ragazza e voglio cambiare in meglio per lei ma non vuole darmi nessuna possibilità io sono triste e vorrei anzi morire k soffrirer x amore se potete aiutarmi voi che siete ragazza cosa devo fare??? lei ha quasi 20’anni ma io l’amo da morire n’è ho 28

  5. 5
    nebbia -

    Grazie 1000 a tutti per le vostre parole, so che avete ragio ne, che non bisogna voltarsi, che è meglio stare da soli che con una persona instabile,
    che non vuole crescere malgrado i suoi 30 anni (io ne ho 28, avevo dimenticato di scriverlo). So che il tempo aiuta, sono passati quasi 3 mesi da quando ci siamo
    lasciati definitivamente però più passa il tempo e più realizzo che l’ho perso, mi chiedo come sia possibile che non mi cerchi, che si sia rassegnato…Dall’altro lato lo apprezzo
    perchè per la prima volta sta dimostrando di rispettarmi e di aver capito che è inutile cercarmi se non è sicuro di quello che vuole…però perchè fa male? Come si può rinunciare alla persona che dici
    di amare così tanto? L’ultima volta mi ha detto “non è vero che l’amore può tutto…ci sono persone che amano ma che non hanno il coraggio”…ma io non ci credo, io credo che l’amore basta e che per
    amore si fa tutto!!!Scusate il mio discorso sconnesso…solo che i miei pensieri scorrono e si contraddicono in continuazione!
    Per Silvia5, anche io ti abbraccio “virtualmente” e ti sono vicina.
    Per bimbatriste87, ammiro la tua forza e la tua determinazione ma sei ancora giovane e sono sicura che troverai una persona che ti vorrà veramente bene e che non ti tratterà male.
    Per francy sono d’accordissimo con quello che dici solo che è difficile da metterlo in pratica!
    Per andry se pensi che ne valga la pena fai di tutto per farle capire che sei cambiato e che la ami! Bisogna lottare per ciò che vogliamo

  6. 6
    bimbatriste87 -

    ovviamente solo tu puoi sapere quello che davvero le hai fatto..e dipende dalla gravità della situazione se lei non vuole tornare con te…dici di non averla trattata male..ma se piangeva tanto..qualcosa di male l’hai dovuta fare..ma è inutile piangere sul latte versato. ripeto, solo tu puoi sapere la gravità o meno della tua situazione, se c’è modo di recuperare..se può perdonarti ancora. la mia situazione è più grave cmq perchè mi umiliava, mi comandava ed è arrivato perfino alle mani alcune volte se non facevo quello che diceva lui.. io se fossi in te cmq..cercherei di essere sincero inanzi tutto con te stesso e capire se il tuo è un amore sincero o soltanto possessione nei suoi confronti (in questo caso lasciale vivere la sua vita!), ma se davvero credi di amarla cerca in tutti i modi di dirglielo e di dimostrarglielo soprattutto!! con piccoli gesti, piccoli pensieri..io quando mi sono lasciata avrei desiderato, che ne so..di trovare un lenzuolo con su scritto TI AMO AMORE TORNA DA ME oppure mazzi di fiori..lettere..pensierini sinceri..poi ovviamente dipende anche dal suo carattere! io sono terribbilmente romantica e mi sarebbe piaciuto ricevere tutto questo. ma ripeto la mia è una situazione molto diversa..il tutti questi anni mi aveva sempre detto parole bellissime per farsi perdonare per poi tornare quello di sempre..quel padre padrone che comanda e basta! quindi stavolta le sue parole non hanno funzionato..spero che tu ti sia comportanto meglio di lui e che avrai qualche chances per riconquistarla..buona fortuna!

  7. 7
    TiPrendoETiPortoVia -

    Mi fa davvero sorridere che tutti voi “lasciati” volete per forza apparire come delle vittime di chissà quale carnefice…possibile che voi siete sempre puri e gli altri mostri? Possibile che mai una volta vi mettiate in discussione? Possibile che mai una volta diciate che magari, forse, la colpa di essere stati lasciati è un pò anche vostra???? L’instabilità di una persona, è direttamente proporzionale alla stabilità dell’altra!!! Mi sono stufato di leggere scritti di accuse sempre e solo rivolti verso chi lascia!! e i vostri commenti poi…”non ci meritano” “non sono degni” “fanno schifo”!!!! Ma che ne sapete??? Ma come vi permettete?? Non sono tutti mostri quelli che lasciano, come non sono tutte vittime quelli che vengono lasciati!!! Fate davvero ridere (quasi) tutti quanti!

  8. 8
    nebbia -

    Scusami tanto TiPrendoETiPortoVia, mi spieghi perchè sei tanto arrabbiato/a? Hai per caso appena lasciato qualcuno?io non mi sento assolutamente una vittima e se essere “stabile” secondo te è una colpa e ci si merita di essere lasciati per questo allora io me lo sono proprio meritato. Che c’è di male nel voler qualcosa di concreto? Nel non aver paura dei propri sentimenti? Penso che tu possa convenire con me nel dire che la maggior parte delle coppie scoppia perchè l’altro ha paura nel momento in cui le cose diventano serie, nel momento in cui bisognerebbe concretizzare e scegliere se voler passare la vita con l’altra persona o meno…ma perchè tutta questa paura? Paura di cosa? Di non poter stare più con nessun altro? Ma è questo quello che conta realmente? Io voglio sperare di no! Sarò idealista ma per me l’amore vuol dire stare bene con una persona, è normale che non si proveranno le farfalle allo stomaco dopo tanti anni insieme…ma che importa? Subentrano tante altre emozioni molto più importanti che le stupide farfalle allo stomaco, subentra la complicità, il sapersi ascoltare, il conoscersi in profondità, il sapere che l’altra persona è il tuo punto fermo e che se anche il mondo crolla l’altra perona c’è!!! Cosa c’è di più bello? Cosa cercano i ragazzi d’oggi? Io non penso che siano tutti mostri quelli che lasciano ma penso che spesso facciano tanti errori prima di lasciare!

  9. 9
    francy -

    Tiprendoetiportovia..Prima di scrivere str..leggi bene il post di nebbia,non mi sembra che abbia fatto del vittimismo..piu’ che altro mi sembra che il suo partner sia una persona infantile immatura..tolto questo la combinazione vittima e carnefice e’ sempre esistita,ma se fare il carnefice e’ un optional,smettere di fare la vittima e’ indispensabile.Sembra incredibile ma fare o non fare la vittima dipende da noi..Dipende dal vissuto delle persone prima della separazione..Ora passo al tuo secondo punto,le storie finiscono per motivi piu’ svariati,si lascia o si viene lasciati..la colpa non sta mai da una parte sola,e quasi sempre chi viene lasciato,prova verso il partner che se ne va del rancore e rabbia,che alle volte(quasi sempre) viene espressa in male parole,come citi tu,tutto questo e da capire senza giudicare chi in quel momento sta soffrendo..Il perdono richiede tempo,può avvenire solo dopo che vi e’ stato una rielaborazione mentale del torto subito,che permette una autoanalisi delle proprie colpe che ha contribuito all’allontanamento della persona amata.Per perdonare bisogna guardare la realtà’,comprendendo quali sono state le motivazioni,anche riconoscendo eventuali propri errori..Il rancore a mio avviso fa molto più’ male chi lo prova..L’importante e’ ricordare,ma più’ importante e’ dimenticare..Se in passato ho fatto del vittimismo,il presente mi ha fatto capire che ero vittima di me stessa della mia scarsa autostima…ciao

  10. 10
    bimbatriste87 -

    Il mio ex non mi merita non e’ degno di me e fa schifo e se non lo so io che ci sono stata per nove anni e ho subito violenze psicologiche, spirituali e fisiche chi lo deve sapere????bè, in realtà hai ragione, lo sa quasi tutta la zona che è una persona instabile e cattiva! IO non ho nessuna colpa se non quella di aver amato TROPPO e aver dato TUTTO, ma l’ho sempre rispettato e confortato e amato con tutta me stessa. quindi si, sono stata vittima di lui e mi sento vittima! credo che ognuno di noi parli e dia consigli per esperienza esclusivamente personale..non certo per sentirsi superiore!

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili