Salta i links e vai al contenuto

Se lei era il massimo, il resto che senso ha?

Lettere scritte dall'autore  JoP
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

14 commenti

Pagine: 1 2

  1. 11
    ets -

    più ambiziosi. Inoltre in questi anni ho investito molto su me stesso, il mio lavoro, la mia autonomia e la mia profesione.
    Ho costruito casa e ho speso già un bel po di soldi, e per un paio di anni nemmeno stare dietro a questo era molto facile perché appunto, non capivo il motivo per cui continuavo a fare casa.
    Ma dentro di me lo sapevo che era una cosa passeggera e quindi mi sono buttato nel lavoro che, devo dirla tutta, mi ha veramente salvato.
    Ora sto bene, sono autonomo da tutti e da tutto e credimi, è una sensazione veramente esaltante.

    Forza che la risalita è dura, ma avrai un sacco di soddisfazioni.
    ciao:)

  2. 12
    JoP -

    Ciao Michelle,
    hai proprio centrato nel segno: vivo ancorato al mio passato, che rimpiango e cerco di rivitalizzare. Non riesco a trovare spunti utili per ripartire, proprio non li vedo, perché il mio pensiero sul tempo perduto è continuo. Non riesco ad andare avanti perché vivo nel passato che, sapendolo tale, non rieco a rivivere. Forse sì, ho la mente bloccata e sto malissimo. Non faccio passi avanti, a volte sono piccolissimi, ma dopo qualche giorno i passi indietro sono enormi.
    Dovrei parlarne con uno psicoterapeuta, lo so, l’ho già fatto qualche volta, però ho come l’impressione che al netto delle chiacchiere, il brutto periodo (lungo davvero) si supera solo con l’arrivo di un periodo bello che, ahimè, ho paura arrivi da solo, indipendentemente dal mio impegno.

    Yog ti ringrazio per il consiglio. Quella parola che dici mi fa paura. Quella parola riferita allo stato d’animo triste di continuo e senza un motivo apparente va affrontata, ma è subdola, non è un livido che va via con un po’ di pomata. Magari scomparisse in due mesi, ci metterei la firma subito, ma quel tempo ho paura che non basti nemmeno per fare una terapia farmacologica minima.

    Marinella ciao,
    grazie per lo sprone, è bello sentirsi compresi. Resistere è la parola giusta anche se è molto difficile e, quando stai male, pensi che piuttosto che resitere sarebbe più semplice smettere di soffrire, in qualche modo…

    Rossella mi stai dicendo che l’ideale è star da soli per stare bene? Questo non lo credo, penso che il mio sentirmi incompleto da solo forse derivi da un’insicurezza di fondo.
    Sentirsi amati per quello che si è, senza doversi sforzare di apparire in qualche modo, è la sensazione “di ricreazione” più bella che si possa provare, hai ragione. Anche se penso che nella realtà delle coppie, il compromesso si debba sempre trovare per il bene dell’altro. Per altro, rispetto all’idea di stare insieme a qualcuno che mi ami, visti i miei quasi 30 anni, mi sento molto in ritardo…

  3. 13
    JoP -

    Ets: “Il commento di Harlock non mi convince; ma JoP dato che sta può dirci come ha trovato questo lavoro, se vive da solo o con i suoi etc.. così potremo farci un quadro più chiaro.”

    Il lavoro l’ho trovato dopo uno stage effettuato l’anno prima di essere assunto. Ho sempre lavorato fin da piccolo, anche se normalmente il lavoro era limitato al periodo estivo.
    L’azienda presso la quale lavoro ha potuto “provarmi” prima di assumermi, anche se, non essendo previsto nessun tipo di concorso, forse sarò stato anche fortunato.
    Vivo con i miei ma, come ho scritto in un precedente messaggio, ho comprato casa e fra non molto (il tempo di sbrigare alcuni adempimenti ed effettuare piccoli lavori) mi trasferirò lì.
    Purtroppo non ho molti amici, uno molto importante sul quale so di poter sempre contare, però mi sento solo e i tempi in cui facevo amicizia facilmente entrando in un’aula universitaria mi mancano terribilmente.
    Sono quì, ho un lavoro e una casa, ma non mi sento al mio posto, vuoto, stanco e senza prospettive.

  4. 14
    Marco Azzinnari -

    Beh…ti racconto la mia. Onestamente parlando,io sono nelle tue stesse condizioni. All’età di 21 anni mi lascia e si trova un’altro,la sua carriera in Marina Militare finisce a merda e torna. Io me la riprendo,pensando che il tutto è dovuto all’età ed inesperienza. Si torna assieme,all’età di 25 anni risuccede. Va a lavorare in un istituto di vigilanza,mi lascia x poi ritornare 7 mesi dopo. Si è subito rifatta una vita con un suo ex collega che dopo averla “usata” la molla e lei torna nel suo porto sicuro. Io lascio la persona con la quale stavo per riprendermelo,scatenando guerre in famiglia per farla riaccettare. Conclusione: a febbraio a 7 mesi dal matrimonio mi lascia,lasciandomi solo e con tutti gli amici fidanzati o sposati. Da premettere che ogni suo addio,naturalmente è stato x colpa mia (dice lei)…il dramma è che IO sono stato con una t.... x 10 anni e non me ne sono accorto!!!

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili