Salta i links e vai al contenuto

Posso avere il diritto di scegliere se vivere o no?

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti finalmente posso dire quello che ho dentro e che sono costretta a tenere per me…
Dall’infanzia ho sempre pensato al suicidio ma in questi ultimi mesi il pensiero è costante e dopo 2 tentativi falliti mi sono fermata a pensare se ne valeva la pena…
Per 2 mesi la risposta è stata NO ma dopo l’ennesima delusione dalla vita sono tornati, quei pensieri fissi di come poter finalmente terminare i miei dolori…
E’ da un mese circa che sto valutando un metodo più o meno infallibile (anche se la piena certezza non c’è) ho già tutto pronto tempo qualche giorno e sarà fatta..
Sono “contenta” di poterne parlare con qualcuno senza esser giudicata male o rinchiusa in psichiatria…
Perchè alcune persone hanno avuto diritto di farmi nascere, abusare di me, di farmi soffrire, di abbandonarmi e io non posso avere il diritto di scegliere se vivere o morire?!
Grazie a tutti

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    arturo -

    no ! non è un tuo diritto scegliere se vivere o morire ! tu hai solo il compito di “VIVERE”.. qualsiasi sia stata la tua vita… qualsiasi tipo di abuso che hai subito non ti da alcun diritto di stabilire della tua vita e/o della tua morte !
    quindi invece di piangerti addosso, MA VIVI !!!!!

  2. 2
    Piera -

    Ciao, come bisogna prendere la tua lettera? mi sembra che stai chiedendo aiuto
    Hai voglia di parlare? cosa ti succede? dimmi a quale delusione ti riferisci nella tua vita.
    Io sono qui e ho voglia di ascoltarti
    un abbraccio

  3. 3
    libera -

    Premesso che non voglio incitare assolutamente l’autrice della lettera al suicidio, mi rivolgo ad arturo con una domanda: come mai nessuno ha diritto di scegliere se vivere o morire ma tutti hanno il diritto di figliare a volontà? Se io ho il diritto di dare la vita ma una volta ottenuta la vita non posso disfarmene, non si tratta di vera e propria imposizione?

  4. 4
    Noty -

    Ciao Edie non posso immaginare cosa tu abbia dovuto subire per credere sia meglio farla finita ma voglio dirti che anche se non mi conosci io ci sono se ti va di parlare…non sei sola!!!un abbraccio

  5. 5
    dott50 -

    Premesso che tutte le leggi, compresi i dieci comandamenti sono statuite dagli uomini per altri uomini, dico che secondo la dottrina attuale vigente in ogni angolo della terra SI HA DIRITTO ALLA VITA, MA NON SULLA VITA. Tanto premesso, nel caso specifico a me sembra di trovarmi di fronte ad una mitomane che cerca di attirare l’attenzione su di se.

  6. 6
    edie -

    Grazie a tutti per i vostri commenti…tutti quanti avete ragione!
    Non mi piango addosso e di certo la mia storia non è peggio di qualsiasi altra ma voglio aggiungere che non è il problema di per se ma come uno lo vive:io lo sto vivendo male ora.
    Sono 33 anni che lotto ogni giorno contro i miei pensieri…per questo sono ancora in vita, i tentati suicidi sono stati classificati come richieste d’aiuto difatti ora mi trovo sola e nessuno pare più ricordarsi di quello che ho fatto solo pochi mesi fa! Come giudicare questo comportamento?Pensano davvero che rispondendo “bene” alla domanda “come va” sia sufficiente?
    Mia madre mi ha letteralmente escluso dalla sua vita perchè ho deciso di escludere dalla mia, il suo caro amato figlio di 38 anni senza chiedermi motivazione e senza conoscere gli abusi che mi ha fatto subire.Come posso dirle una cosa del genere a lei che ha passato una vita d’inferno con un marito violento e tre figli da proteggere?vorrei avere la sua forza ma purtroppo non ne ho più.
    Un padre violento che ora invecchiato chiede di riavvicinarsi giustificando i suoi “qualche ceffone” come metodo di educazione, forse ha dimenticato le cinghiate e le bastonate, ma io no!
    Mia sorella sta cercando di starmi vicina ma vivendo a 3000 km di distanza e avendo la sua vita non può colmare il vuoto che sento intorno.
    Sento in continuazione ripetermi che tutti hanno i loro problemi, che tutti hanno la loro vita da affrontare ma io sono sempre stata pronta a metter da parte le mie esigenze per aiutare un/a amico/a…ora che io ho bisogno perchè nessuno ha un minuto da dedicarmi,una telefonata, un sms…potrei già essere morta nella mia casa che nessuno se ne accorgerebbe.Nessuno si è accorto che ho perso 15 kg in 2 mesi?
    Mi rendo conto che i miei pensieri non sono normali ma in psichiatria hanno detto che non era necessario che rimanessi ricoverata, allora chiedo:qual’è il mio posto?
    Sono una bella ragazza, sono intelligente, non mi manca niente, questo mi ripetono, ma quello che sento nel cuore perchè nessuno ha voglia di provare a capirlo?
    Ho provato a curarmi con una terapia omeopatica ed ha funzionato, ho ricominciato a dormire, a mangiare un po’, a non tremare, ad alzarmi dal divano ma il senso di abbandono e di solitudine e la mancanza di affetto non possono essere “guariti” da pastiglie.
    Chiedo scusa se ho offeso qualcuno con i miei pensieri ma avevo bisogno di dirlo a qualcuno e apprezzo ogni vostro commento e critica.
    Arturo:pensi che se vedessi una anche minima soluzione probabile non la tenterei??
    Grazie ancora a tutti.

  7. 7
    reborn -

    Cara edie,sei una ragazza giovane,mi spiace per ciò che hai vissuto e per quello che stai vivendo,anche io ho vissuto e vivo una situazione per niente facile in famiglia,ma pensare al suicidio è una cosa stupida,tu pensi al suicidio come fine al dolore,e anche se quando sarai morta..non ti potrai domandare,”se non l’avessi fatto avrei potuto cambiare la situazione??” tu devi continuare a vivere la tua vita e pensare positivo,ora tu devi soltanto rilassarti,e pensare un pò a te,hai provato a riflettere ore e ore su di te e sulla tua situazione dicendo ne voglio uscire fuori?! bhe se non ci hai mai provato t’invito a farlo.Hai detto che tuo padre ti ha trattato molto male,mi spiace ma perdonalo…e ti sentirai meglio non ricordargli i suoi sbagli,ma di che tu sei disposta a migliorare insieme a lui,sei disposta ad aprire la tua anima per far nascere un’autentico rapporto figlia-padre,tuo fratello invece non so quanto possa aver sbagliato,ma la forza di ognuno di noi sta nel perdonare persone che ci hanno trattato malissimo e in caso continui porgi l’altra guancia…non farai altro che rivitalizzare la tua anima….distrutta ed esasperata da una vita che ti sta distruggendo fisicamente e anche psicologicamente,ti invito ad apprezzare le piccole le cose della vita,le stelle il sole la luna…loro ti daranno la forza…di reagire…non ti è mai capitato di stenderti su un manto erboso a fissare le stelle? a me si e mi sono trovato molto bene,qualche volta mi diletto a scrivere qualche poesia,fa bene alla nostra anima.La vita è semplicemente AMORE allo stato puro..sta a te vederlo…purtroppo la società di oggi ci sta abituando a vedere con gli occhi loro…non con i nostri..dobbiamo cominciare a vivere la vita cercando il confronto di idee…il poter riuscire ad alzare l’asticelle dei nostri limiti per migliorare…e aiutare il prossimo sempre e comunque..noi essere umani ci stringiamo attorno solo in momenti di grossa esasperazione mostrando la nostra parte umana e più bella solo in questi momenti…ma dovremo farlo sempre.Ti parla un ragazzo di 18 anni…non voglio fare il moralista ci ho tenuto a dirti queste cose…non so se un pensiero di un ragazzo giovane possa infastidirti ma ci tenevo a esporre il mio pensiero.

    Con affetto reborn

  8. 8
    Mariù -

    Il problema dell’uomo è riuscire a vedere quando gli si schiude davanti una possibilità di salvezza. Tra tutto il male e il dolore che descrivi nell’ultimo post (dolore per cui ti compatisco di cuore) cerca di uscire timido uno spiraglio di luce: “mia sorella sta cercando di starmi vicina”.
    Ebbene? E’ l’unica possibilità a quanto dici che ti viene offerta! Coglila! Hai 33 anni ormai…vai 3000 km lontana, da tua sorella e cerca di ricostruirti un VITA… Amati di più e cerca di rinascere,non di morire.
    Segui il mio consiglio,parti!
    Un saluto

  9. 9
    edie -

    reborn le tue parole non potrebbero infastidire NESSUNO!Ci fossero persone come te giovani e con i tuoi pensieri,sarebbe un mondo completamente diverso..
    Mariù sono partita per ricominciare da capo già due volte ma tutto ti segue sopratutto i pensieri negativi…mi hanno detto che non ero pronta e che non ne ero veramente convinta, è così infatti la voglia di lottare mi ha abbandonata,anche lei.
    Scusate la mia negatività!
    Ringrazio tutti e lascio la mia mail per chi volesse parlare un po’ con me chissà magari potrei riuscire a vedere quel timido spiraglio di luce nascosto dietro al mio buio!
    edie_ciao_baby@virgilio.it

  10. 10
    Mariù -

    @ Reborn
    La tua personalità mi incuriosisce… Mi piacerebbe moltissimo venire a conoscenza di qualche tua poesia,piace molto anche a me accorgermi di ciò che abbiamo e contemplarla prima di lamentarmi di ciò che ci manca..:) e la poesia è “l’arte del sentire” piace molto anche a me 🙂

    @ edie
    Cercherò di scriverti…ma lo farò solo quando sarò sicura di aver trovato qualcosa che davvero riesca a smuovere i tuoi pensieri.. non ha senso riscriverti ciò che avevo già scritto nel commento 🙂
    Tu intanto tieni duro!

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili