Salta i links e vai al contenuto

Demoralizzata

Buongiorno sono una donna di 38 anni, moglie e madre…. e non mi vergogno a dire che negli ultimi due anni a questa parte mi vergogno di essere italiana.
Queste sono poche righe per dare sfogo a ciò che sento dentro, nato non così per caso ma da fatti realmente accaduti che hanno aumentato in me la certezza che il nostro sistema ad oggi protegge chi ruba, chi truffa in poche parole chi vive da parassita.
Nel 2009 decido di crearmi un futuro, pur avendo già un’attività, che potesse un domani dare sicurezza anche a mio figlio; decido di aprirmi un centro estetico in società….
Il primo scalino la società: mio fatale errore aver dato fiducia alla persona sbagliata…
nel 2011 sciolgo la società onde evitare che la mia famiglia cada in disgrazia… grazie a loro ancora oggi sto cercando di tirarmi su.
Da qui l’inizio delle mie facciate contro un sistema che mai e poi mai avrei creduto esistesse.
Sono stata truffata da una persona che si è spacciata fisioterapista… mi sono recata a denunciarla mi è stato risposto di non farlo perché ne avrei pagato le conseguenze solo io…
sono stata truffata, come è stato truffato lo stato, nel corso del lavoro: la mia socia ha truffato l’inail…. mi è stato detto che io sarei stata passibile di denuncia penale.
Mi devono la bellezza di 30.000 euro non posso fare niente perché questa non ha nulla e paradosso dei paradossi questa mi ha rubato clienti facendo il lavoro a domicilio in nero…. contattata la tributaria questi telefonicamente mi dicono che possono farci poco e niente anzi niente, mi sarei accontentata anche del poco.
Le banche hanno chiuso le porte e mi trovo ad oggi ad avere debiti che cerco di pagare nel migliore dei modi… (le banche è meglio non soffermarci altrimenti si aprirebbe un altro capitolo intitolato “STROZZINI LEGALIZZATI”)
E questa è solo una parte di quello che ho scoperto del nostro bel sistema… Oggi sono qui a studiare e lo dico senza vergogna un modo per diventare come queste persone perché sono intoccabili ed io voglio diventare intoccabile!! Vi sembra giusto tutto questo?
Facendomi due conti in tasca porterei a casa uno stipendio degno se la mia attività andassi a farla a domicilio o ancor meglio a casa mia (perché chi lo fa a casa si pubblicizza anche via internet e nessuno fa nulla….. tutti lo sanno) ; porterei uno stipendio degno se andassi a pulire nelle case soprattutto risulterei in tutti questi casi disoccupata, godrei di tutte le detrazioni e benefici fiscali dei disoccupati.
Cosa mi sta insegnando questo sistema? Ma soprattutto che mi farà comunicare a mio figlio?
Questo bel sistema che abbaglia le persone con le scoperte delle grandi evasioni fiscali… perché lì probabilmente c’è da prendere… ma questo bel sistema ha mai fatto i calcoli della piccola evasione, quanto pesa su ogni cittadino onesto la miriade di persone che lavorano in nero e che percepiscono contributi dallo stato su tiket, affitti, buoni libri, buoni mensa ecc ecc?? Eppure sarebbe facile: una famiglia di tre persone con uno stipendi medio di 900 euro che si paga un affitto, si permette tre cellulari una macchina e pure una moto per il figlio?? I dati incrociati servono solo per noi che abbiamo un’attività???
Tutta questa miriade di persone fanno la così detta disoccupazione…
Senza poi parlare di quelli che godendo di turni di lavoro si occupano in un secondo lavoro rubando posti ai giovani…. ma già loro non evadono semmai evade colui che gli da lavoro…. loro sopravvivono….
Senza contare che la maggior parte di questi privilegiati occupano tutti lavori pubblici… impuniti se per caso fanno assenteismo pur timbrando un cartellino.
Questa non è la mia Italia.. inutile predicare il sacrificio al popolo quando alla base c’è un sistema che non funziona e forse non funzionerà mai.
Sono schifata…. schifata anche da chi si aspetta che qualcuno in alto faccia qualcosa al proprio posto…. il cambiamento deve nascere da noi!!! L’italiano che diventa saggio e disponibile quando c’è da emergere in caso di catastrofi ma disposto ad uccidere per sopravvivere….
L’italiano che ti dice sai io so ma non mi cercare per testimoniare mentre tutti i parassiti vivono alle spalle delle persone oneste e siamo noi che concediamo tutto questo…
Potrei continuare a scrivere per ore ma a nulla servirebbe se non a svuotare questo sacco pieno di m… a che si chiama ITALIA.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cittadini - Me Stesso

6 commenti

  1. 1
    MOM -

    Ciao delusa
    hai perfettamente ragione su tutto e la cosa che mi fa infuriare piùn di tutto è il fatto che li in alto a nessuno importa un bel niente sanno solo aggiungere tasse su tasse ma nessuno si preoccupa di come facciamo a crescere i nostri figli, o di quanti sacrifici facciamo per tenerci le nostre case!E poi vedi gente che magari non lavora che a 40 anni vive a casa dei genitori ma sta meglio di te, medici che lavorano in ospedale e poi di pomeriggio visitano 10 persone a 100 euro cadauno senza mai dichiarare niente, persone che prendono la pensione di invalidità e invece stanno benissimo mentre tu muori dalla disperazione perchè davvero non sai come fare, ma la cosa più bella e affascinante è che noi fra poco non abbiamo neanche i soldi per riuscire a mangiare mentre i nostri politici diventano sempre più grassi! Una volta ero fiera di essere italiana, oggi mi piacerebbe cancellare tutto (politici compresi) e ricominciare tutto da capo!

  2. 2
    delusa2012 -

    la mia intenzione è quella di aiutare una fondazione nata da una persona economicamente distrutta per dare voce a tutte le ingiustizie…..io credo ancora che qualcosa si possa fare e ripeto tutto deve incominciare da noi non possiamo apsettarci qualcosa dall’alto perchè i politici pensano solo a come riempirsi le tasche….buona fortuna a tutti!!!

  3. 3
    Mau -

    Ciao.
    Delusa, quello che tu scrivi è innegabilmente vero.
    Ma, permettimi di dirti che, e questo anche (purtroppo) per esperienza diretta, le persone, ‘quelle’ stesse persone alle quali ti stai rivolgendo hanno opinioni diverse a seconda di come gli sono andate le cose nella vita, e anche secondo come gli riesce di fare i furbacchioni districandosi al meglio nelle maglie della burocrazia.
    Voglio dire che se le iniziative che vengono intraprese comportano, per motivi diversi, situazioni di assoluto disagio, personale, economico, famigliare, ecc…, ce la prendiamo con la Società…una società malata, che crea profonde diseguaglianze, non crea presupposti per il Lavoro, che abbandona i propri cittadini, ecc…
    Assolute verità queste, intendiamoci. Ma ce ne ricordiamo solo quando i problemi ci toccano da vicino.
    Se le cose invece ci vanno bene..bella casa, bel lavoro solido, bel conto in banca, auto di lusso, viaggi, ecc..ecc.. tutte queste considerazioni vanno a farsi friggere. Ci godiamo il nostro ‘status sociale’ e cerchiamo magari anche di approfittare di tutto quello che possiamo per avere benefici (dalle amicizie importanti, guadagni in nero, e così via.)
    Ho conosciuto gente che le cose gli sono andate subito bene e sono diventate ricche ed egoiste.
    Ho conosciuto gente che le cose gli sono andate male, e sono ancora lì che imprecano contro lo Stato che abbandona i suoi figli.
    Ho conosciuto gente che le cose gli sono andate prima male…bestemmiavano contro tutti e tutto…Poi il vento è cambiato…le cose sono andate meglio…hanno avuto fortuna…e sono diventate, con l’agio, peggiori della prima categoria che ho citato…Egocentrici, menefreghisti, attaccati a tutto, capiscono tutto loro, e vanno dicendo che chi non ha fortuna nella vita è gente senza capacità e senza cervello.
    Tu dici, giustamente, che il cambiamento deve nasce da noi. ‘NOI’ ?
    Ti faccio una domanda…sii sincera…
    Se le cose ti fossero andate alla grande, ma proprio bene bene….avresti scritto questa lettera, magari con toni diversi, ma incitando comunque un ‘cambiamento’?
    Ti saresti sentita parte integrante di quel ‘NOI’?
    Tu chiedi del perchè l’utilizzo dei ‘dati incrociati’ venga operato principalmente per chi ha una attività in proprio.
    Personalmente lo farei per tutti senza eccezioni.
    Ma mi sembra che, in linea di massima, sia giusto. O no? O vogliamo che continuino a pagare solo coloro che hanno una busta paga e non possono nascondersi da nessuna parte? Basta no?
    Intendiamoci…ci sono le ‘caste’ che comunque, PURTROPPO, non verranno toccate più di tanto, o forse non verranno toccate mai.
    Ma questo non cancella il fatto che, per l’esperienza vissuta sulla mia pelle, la gente ragiona in modo ipocrita, profondamente ipocrita.
    E di questo bisogna prenderne atto.
    Cordialità ed auguri.
    Mau.

  4. 4
    delusa2012 -

    Cara/o Mau io ho bandito l’ipocrisia dai miei pensieri molto ma molto tempo fa…..io sono stata dipendente ed ho pagato ora sono artigiana e sto pagando, il mio stato sociale non è così disagiato, probabilmente sto meglio di tante persone e questo mi da ancor più voce per urlare la mia rabbia…..io sono stanca di mantenere persone che rubano truffano e vivono alle spalle degli altri….ho denunciato e continuerò a farlo ed ho ricevuto sorrisi dalle istituzioni ed addirittura minacce.
    Continuerò a lottare per quello in cui credo indipendentemente dal mio conto in banca dalle piccole alle grandi cose datemi della sognatrice ma non dell’ipocrita.
    Mi sono trovata ad aiutare persone togliendomi anche quello che non avevo, rinunciando piuttosto io e la mia famiglia e questo continuerò a farlo. Ribadisco il cambiamento deve partire da noi o forse è meglio esprimerlo così anche da noi basta pensare che le persone a cui è andata bene è perchè hanno ricevuto qualcosa da qualcuno.
    Io quando ho messo su la mia attività sono stata additata da fortunata, sono partita da zero lavorando 18 ore al giorno e continuo a farlo con entusiasmo e Le posso assicurare che a fine mese per me rimane poco o niente (prima mi pago i debiti che mi hanno lasciato gli altri) certo sarebbe molto più semplice chiudere lasciare debiti ai fornitori e andare a lavorare in nero in casa delle mie clienti dovrei fare così??? no io credo in quello che ho scritto cercando di dare un esempio a mio figlio inculcandogli dei principi che probabilmente sono inadeguati a questo mondo; i miei errori non devono pagarli gli altri ed i suoi eventuali errori non dovranno pagarli gli altri…..NON E’ SEMPRE COLPA DI QUALCUNO UN PO’ DI AUTOCRITICA NON FA MAI MALE!!! Un saluto

  5. 5
    Mau -

    Non sai quanto mi faccia piacere sapere che c’è una persona di sani e fermi principi sulla ‘moralizzazione’ delle coscienze in campo sociale.
    Il fatto che avresti mantenuto lo stesso atteggiamento anche in situazioni completamente diverse, e anche a costo di riperdere tutto ciò che faticosamente avevi costruito, ti fa onore.
    E questo, come avrai potuto constatare ‘tra le righe’ del mio precedente post, te lo dico da persona, da padre che, anni fa…esattamente 8 anni fa, trovandomi in una situazione molto analoga alla tua, sono rimasto (perdonami le parole) con ‘il culo per terra’, perdendo risparmi e lavoro, e non avendo soldi nemmeno per comprare un gelato ai miei figli.
    Non mi vergogno di dire che allora ricominciai a lavorare distribuendo volantini.
    E ora ho un impiego, trovato alla mia tenacia, senza dover dire grazie a nessuno. Ne vado orgoglioso, credimi.
    Ma tutto questo non cancella quello che ho scritto in precedenza.
    Le persone che ho conosciuto, direttamente e indirettamente, tutte di ‘livello’ e orgogliose di essersi ‘fatte da soli’, disponibili, amichevoli, apparentemente attaccate a dei valori assoluti di onestà e trasparenza, sono il peggio che ho incontrato nella vita.
    Persone allora anche molto giovani e quindi ancora giovani. Vai a chiedere se vogliono il ‘cambiamento’…senti che risposte!
    Tornando per un attimo al controllo dei dati personali e reddituali, ti ripeto che io lo farei per tutti, senza distinzioni.
    Ma converrai con me che chi ha una attività in proprio, volendo, può nascondere; io come altri, molti altri, troppi altri, non posso scappare, pago tutto fino all’ultimo centesimo.
    Hai mai denunciato il tuo dentista? Io l’ho fatto.
    Trovami altri che l’hanno fatto. Ora ne ho uno che mi fa sempre la fattura. Hai mai denunciato il pediatra dei tuoi figli? Io l’ho fatto. Conosci altri che lo hanno fatto? Mi auguro di si.
    Il discorso potrebbe allungarsi di molto.
    Tu sei un buon esempio per tuo figlio, io cerco di fare lo stesso con i miei figli.
    Ma non possiamo illuderci più di tanto.
    Rinnovo gli auguri per tutto.
    Maurizio

  6. 6
    delusa2012 -

    Caro Maurizio vedi siamo già in due e secondo me questo è un inizio!!!!
    Utopia?? forse…..il mio è stato uno sfogo…la tua storia è un esempio di come si ci può rialzare ci hai creduto e non hai aspettato che nessuno facesse per te…..
    Ti auguro un buon proseguimento con la speranza che un domani si possa parlare di situazioni più belle.
    Ti faccio i miei migliori auguri!!

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili