Salta i links e vai al contenuto

Mia figlia 12 anni accusata ingiustamente di bullismo

Noemi (mia figlia ) 12 anni dice a M. che frequenta la stessa scuola, di lasciare perdere un suo amico e non stuzziccarlo come già avevava fatto durante una festicciola. M. di risposta dice a Noemi che se non si faceva i fatti suoi gliela faceva pagare. Il giorno dopo la mamma di M. ferma Noemi fuori scuola e con toni duri le dice di non permettersi più di minacciare e picchiare la figlia e denuncia il falso episodio in presidenza. Noemi viene accusata di “atti di bullismo” con nota scolastica e peraltro additata dai suoi stessi insegnati come elemento da non prendere a riferimento. Tutto ciò benchè l’insegnante di M. che avrebbe dovuto assistere all’episodio avvenuto in classe confermi di non aver visto assolutamente nulla. Noemi è stata ritirata da scuola.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Scuola

21 commenti a

Mia figlia 12 anni accusata ingiustamente di bullismo

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Mau -

    Salve.
    Leggo questa tua lettera e mi domando come sia possibile che una ragazzina/o accusi una sua coetanea di averla picchiata senza avere testimoni, senza lividi da qualche parte, e senza quindi nessuna prova.
    La madre ha fatto una denuncia in presidenza? Beh..io al posto tuo la querelavo. Per due motivi.
    Primo perchè ha minacciato la ragazza fuori dell’edificio scolastico e secondo per le false accuse calunniose e denigratorie la reputazione sia della ragazza stessa che della famiglia, con conseguente richiesta di risarcimento danni.
    Scusa ma io col cavolo che ritiravo mia figlia da scuola perchè l’avrei resa colpevole agli occhi di tutti.
    Invece una bella querela l’avrebbe resa più forte, perchè chi querela in genere non lo fa se ha torto ma solo se ha piena ragione.
    Non si va davanti un magistrato sapendo di avere delle colpe…o no?
    Dimostrami che mia figlia ha fatto quello per cui l’accusi.
    Scommetti che era la famiglia di M. a toglierlo/a dalla scuola?
    Questa, a mio giudizio, era la strada da seguire.
    Anche per far conoscere a mia figlia, benchè giovane, che ci si può difendere e quali sono gli strumenti a nostra disposizione.

    Cordialità.

    Mau.

  2. 2
    Mezzaluna -

    Caro Nino, parlo da figlia anche se non più adolescente. Ho 26 anni quindi non è passato poi troppo tempo da quando ero una ragazzina con dei genitori che di me non sapevano niente. Del mio andamento scolastico, delle bevute, fumate, ragazzi, ritardi, uscite… sapevo un miscuglio di quello che io gli facevo credere e quello che loro volevano credere e qualche “catastrofe” che ogni tanto inevitabilmente saltava fuori. Ho avuto un’adolescenza piuttosto vivace ma che ritengo normale e non riporto nessun segno delle bravate adolescenziali.
    Nino, non voglio insinuare che tua figlia sia colpevole, voglio solo ricordarti che se io fossi stata al posto di tua figlia e fossi stata colpevole non giurerei che i miei genitori l’avrebbero saputo.
    Un abbraccio e in bocca al lupo!

  3. 3
    Nino -

    Ringrazio Mau e Mezzaluna per il loro intervento, in particolare quello di Mau a sostegno di Noemi.
    A Mwzzaluna voglio solo dire che mia figlia nel suo essere “contro tutto e tutti” ha il grande pregiuo di essere ancora “bambina” tanto che qualsiasi cosa la dice con disinvoltura , nel bene e nel male.
    Il tuo comportamento è molto più simile a quello di M. che ha sostenuto una bugia pur di punire mia figlia.

  4. 4
    nino -

    Hai ragione in merito al modo di agire .
    In effetti non ho querelato nessuno, mi sarei messo sullo stesson piano loro, ma ho fatto un esposto alla scuola inviato in copia anche al provveditorato perche’ venisse fatta chiarezza sull’episodio nochè su atteggiamenti offensivi e gratuiti che ne sono conseguiti da parte di alcuni insegnanti nei confronti di noemi.
    Noemi , grazie anche al suo rendimeto scolastico non eccezionale, con questo fatto ormai era stata gia’ “condannata” allora almeno la soddisfazione di levarla io dalla scuola e nel frattenpo porre in atto tutte le azioni necessarie nei confronti sia dell’istituto scolastico quanto di m. E della sua famiglia.

  5. 5
    duecalzini -

    Sono sempre più avvilito da quello che sta diventando il mondo…
    genitori che non hanno nulla a cui pensare e i loro figli sono i migliori al mondo e devono per forza essere protetti dagli altri. Vogliamo poi meravigliarci se i figli crescono male?
    Cioè indipendentemente da quello che è avvenuto,che sono classiche sciocchezze da 12enni, la madre di M. crede forse di essere una madre buona a comportarsi così?
    Scema la mamma e scema la figlia. Povero marito. Scemo pure lui.
    Ho divagato….comunque cerca in ogni modo di metterla sull’ironico con noemi. Anche se essere ritirati da scuola può intristire…cerca di farle sentire che è tutto okk e che è stata vittima di gente infinitamente stupida.

  6. 6
    giuseppe -

    Salve sono un padre di famiglia ,con un ragazzino poco piu piccolo della sua figlia.Oggi purtroppo non c’è una via di mezzo,alcune volte
    mio figlio ha subito sopprusi da ragazzini violenti,reputati violenti e con problemi comportamentali,oggetti rotti del figlio cazzotti,calci senza motivo.prese in giro al punto che mio figlio
    non voleva piu tornare alle lezioni!!emper questi futuri violenti o bulli ci sono spiegazioni a vagonate!!appoggi addirittura ti fanno sentire quasi in colpa,fa nulla se tuo figlio ha rotto un dente,oppure lacartella strappata gliela devi ricomprare..poverino ha dei problemi porti pazienza!!QUESTA è LA SCUOLA DI OGGI poi magari
    come per tua figlia si innescano determinate condizioni che ribaltano tutto ,arrivando al punto di essere allontanata dalla scuola,io scusami ma non avrei dato soddisfazione ne alla madre,di quall’altra ù
    ne al direttore della scuola !!stiamo scherzando!!uno si svglia la mattina e fa espellere tua figlia da scuola!!!!ad essere troppo buoni lo sai bene purtroppo oggi non paga e si subiscono anche delle umiliazioni non da poco come la tua!!!Io parlo come genitore e padre
    ritornerei sui tuoi passi per farla riammetere a scuola solo per non darla vinta a nessuno oggi capita a te ,e domani??ad un’altro allievo
    magari con un po di timidezza scherziamo???o siamo seri!!Scusa lo sfogo ma sta forma di scuola degli ultimi 5 6 anni mi piace sempre meno!!!!ciao!!

  7. 7
    giuseppe -

    rispondo a mezzaluna ex adolescente,premettendo che tutti piu o meno qualche cosa abbiamo nascosto ai nostri genitori,piu per paura di essere chiusi in casa che per gli scappellotti.non è che il tuo commento abbia fatto fare bella figura ai tuoi genitori primo,ed secondo neppure a te…26enne…e teniamo presente che l’età di 11 anni o 12 che dir si voglia se vuole iddio oggi rappresenta ancora quella di una età ancora da fanciulla,almeno fino ad ieri era cosi!!
    e spero che lo sia ancora per molto..perche se penso che ad 11 anni si beva si fuma e si va a ragazzi allora addio!!!ok??pensaci!!!non siamo tutti uguali!!!

  8. 8
    Mezzaluna -

    Ciao Giuseppe,
    io voglio molto bene ai miei genitori e posso dire adesso di avere con loro un rapporto sincero e di fiducia e sono fiera dei valori che mi hanno trasmesso. Sì purtroppo riconosco di avergli dato molte preoccupazioni nel periodo adolescenziale, ero molto irrequieta, soffrivo molto di una situazione difficile ed ero estremamente insofferente alle regole: sono la prima a dover ammettere che non deve essere stato facile, come spesso non è facile avere a che fare con i figli adolescenti. Non era mia intenzione farli passare per cretini e sicuramente non mi credevano un angioletto. Io sono cresciuta rispetto a quando ero un’adolescente, non sono fiera di tutte quelle che ho combinato, ma fortunatamente non sono mai stata davvero in pericolo come ho scritto nel precedente commento. E probabilmente ho avuto bisogno anche di quella fase nel mio percorso di crescita.
    Però non intendevo esporre la mia persona di adesso a un giudizio basato su quello che ormai non sono più, nè tantomeno esporre i miei geniori a critiche immeritate. Volevo solo ricordare a Nino (come io ricordo bene in parte per la mia giovinezza in parte forse perchè non sono ancora madre) che il mondo degli adolescenti è difficile e impenetrabile che è una naturale fase di ribellione nella quale si prendono le distanze dalla famiglia e si sviluppa una personalità autonoma certo passando anche da qualche errore. A volte purtroppo le barriere sono alte e crollano solo con la crescita.
    Non volevo con questo insinuare nulla sulla figlia di Nino, solamente regalare un altro punto di vistsa alla sua storia.
    I suddetti miei genitori sono entrambi insegnanti (delle scuole medie superiori quindi di ragazzi un pò più grandi) e si trovano anche troppo spesso di fronte a genitori che difendono il figlio a spada tratta seppur colpevole, a genitori che cascano dalle nuvole quando vengono convocati per note disciplinari o a genitori in cerca di un capro espiatorio che metta al sicuro l’incorruttibilità del figlio.
    Detto questo preciso che le bravate di cui parlo appartengono a un periodo successivo ai 12 anni ma che non era l’età il punto che credevo fondamentale nell’esporre il mio pensiero, insomma non era quello il punto. Mi auguro anche io che ragazzi così giovani non brucino troppo in fretta le tappe. Come ultima cosa vorrei aggiungere che per quanto i miei genitori siano rimasti all’oscuro di parecchie delle mie bravate le volte che invece sono venute fuori non ho mai messo nei guai nessuno al posto mio e non ho mai sostenuto bugie che compromettessero degli amici o compagni di classe.
    Un saluto affettuoso a tutti!

  9. 9
    nino(papà di Noemi) -

    quello che più mi fa rabbia in tutta questa faccenda è che benchè abbia rappresentato il problema anche all’USP di Roma ( ex Provveditorato) ci si è limitati ad uno scambio di pareri tra USP e Dirigente Scolastico lasciando a quest’ultima la decisione di come agire.
    Conclusione: proposta di confronto a 2 tra le ragazze per farle rappacificare , cosa che non interessava minimamente nè a mi afiglia nè tanto meno a noi, che invece volevamo chiarezza e giutizia.
    Giustizia? ………mia figlia ovviamente bocciata , come previsto e comunque già sentenziato dall’inizio dell’anno , sia per il rendimento non ottimale ma anche per le assenze e per la valutazione comportamentale, mentre l’altra ragazzina ( Martina M.) non è stata neanche richiamata cosi come non lo sono stati i suoi genitori benchè l’aggressione verbale e minatoria a Noemi sia avvenuta nel piazzale della scuola.
    A questo da aggiungere il fatto che nella mia lettera di denuncia all’Istituto ed all’ USP ho rappresentato chiaramente il mio disappunto nei confronti di 2 insegnanti per il loro atteggiamento provocatorio e offensivo nei confronti di Noemi……e nulla è stato fatto nei loro confronti.
    Che insegnamento ne trae un bambino di 12 anni da questa scuola e questi insegnanti?
    Vorrei tanto che questo caso nella sua “banalità”, ma poi mica tanto, fosse portato più in evidenza.
    Cosa posso fare?
    n

  10. 10
    Laura G. -

    Salve. Anche io ho una figlia, solo ke ha 15 anni…
    mi ricordo che quando andava alle elementari, i suoi compagni si divertivano a farla andare nei pasticci! Un giorno un bambino ha picchiato un altro bambino e poi ha accusato mia figlia. Poi Chiara, è sempre stata una bimba riservata e io non potevo credere che avesse fatto una cosa del genere. Le maestre le avevano messo una nota sull registro x una cosa che non aveva fatto e le hanno abbassato il voto in condotta. Anche alle medie le succedeva questo, ma alla fine si è fatta il carattere ed ha cominciato ad affrontare bimbetti, madri arrabbiate e professori di petto, dicendo fino alla nausea che non era stata lei.
    I compagni la vedevano diversa, era sempre sola. Le femmine la prendevano in giro perché aveva il viso tondo e le spalle leggermente larghe… Ha imparato a fregarsene delle opinioni degli altri.
    In terza media è dimagrita e il viso era meno tondo. Adesso che è una ragazza è diventata bellissima con un fisico perfetto… tutti si mangiano le mani quando la vedono e adesso ha una vita normale. Nella nuova scuola ha molti amici e si trova bene.
    La capisco, queste sono ingiustizie. Chiara le ha sopportate per quasi otto anni, ma adesso ci ha messo una pietra sopra.
    Queste cose mi fanno mooolto arrabbiare…
    GRRR

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili