Salta i links e vai al contenuto

Afghanistan, non fuggiamo da niente e da nessuno

Che Rutelli abbia affermato inverosimile il ritiro dall’Afghanistan è un suo convincimento peraltro non celestiale. Che, il nientemeno ferimento di quattro militari abbia ancor più persuaso lo stesso alla sosta, è del tutto privo di razionalità. Noi, non siamo andati a guerreggiare bensì a portare la pace. Se in Paesi come l’Afghanistan s’infiamma l’evento della battaglia allora si torni a casa. Non abbiamo la facoltà di dare la vita come quella di farla cessare. Il nostro dovere è stato compiuto con valore, per cui nessuna logica ci consacrerebbe alla fuga.

L'autore ha scritto 140 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Mondo

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili