Salta i links e vai al contenuto

Abbandonato dopo 20 anni e tre figli

Lettere scritte dall'autore  Cargomaster
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

18 commenti

Pagine: 1 2

  1. 11
    Caprone -

    Passerai ora anni di sconforto amico mio, ma i tuoi figli (maschi) un giorno saranno con te, credimi. Nessun figlio maschio sopporta il fatto di vedere la propria madre put*aneggiare. Pensa a realizzarti e pensa a svegliarti dall’ “incubo” nel quale sei stato imprigionato per 20 anni. Dico incubo perché, anche se ancora non lo credi, una cosa che finisce così non può che definirsi tale. E non interessarti più di quella che ti ha abbandonato, prolungheresti solo la tua agonia nel vedere quanto può essere meschina una persona, che per giunta hai amato per 20, lunghi anni.
    Ti innamorerai ancora? Non credo. Vivrai felice? SI. Anche meglio di come tu ora puoi immaginare. Sarai tu il direttore dei tuoi giochi. Approfittane! Razionalizza come sei stato trattato. Si vede che sei una persona d’animo nobile. Quale essere immondo lascerebbe una persona dai sentimenti cosi puri? Quale essere lascerebbe un porto sicuro come te? Proprio la persona che non ti ha mai fatto sospettare nulla. Ora che sei disilluso, VIVRAI. Non dimenticare mai il male che ti è stato fatto. Salvaguarda il tuo essere! Nasci solo e muori solo. Chi deve stare bene sei tu e i tuoi figli. Sii presente come padre. Annienta la loro “madre” con un muro di indifferenza e sprezzo. Chi semina vento..Raccoglierà una fottuta tempesta. Nessuno scappa alle leggi della natura…paradossalmente nemmeno la tua (ex) moglie, dato che andando in calore per un altro, ha distrutto la TUA (vostra) famiglia.

  2. 12
    Michelle -

    Che dire.. sono senza parole, una persona spietata. Io non dico che sia obbligatorio rimanere con la stessa persona tutta la vita (anche se mi piacerebbe pensare che sia possible). Piu`che altro la cosa orribile e´ il come ci si separa nella maggior parte dei casi: buttando anni di rapporto e di sentimenti all’aria, senza portare alcun rispetto per l’altro, togliendosi ogni responsabilitá e senso di colpa. E` tristissimo pensare che le persone siano capaci di comportarsi in questo modo, dimenticandosi di tutto ció che una persona ci ha dato.
    Sicuramente piu´ avanti si renderá conto della cazzata che ha fatto e di cio´ che ha perso, ma sará troppo tardi.
    Per quelli che dicono che dopo un’esperienza cosí non mettono piu´ il cuore in una relazione lo capisco, anche se e´un peccato lasciare che una sola persona al mondo ci tolga la volontá di tornare ad amare. Del resto ci sono persone lá fuori che ci amerebbero davvero.

  3. 13
    Kid -

    Dipende dai punti di vista , ci sarebbe chi pagherebbe oro per beccare la moglie in castagna , ed in questo caso c’é tutto il castagneto , darle il ben servito , salvando anche il malloppo! Stranamente , in questi casi ho sentito dire che c’è un inaspettato ritorno di fiamma , soprattutto se un marito avveduto stesse già provvedendo alla sostituzione. Visto che il mantenimento salta , conviene pentirsi e cercare di ricostruire le favorevolissime condizioni precedenti delle quali a breve potrebbe usufruire l’altra . Quando , invece , si cerca la via del dialogo e del voler farle ragionare ( che poi ragionano benissimo) il destino è già scritto: Casa a lei più mantenimento ed addio ad altre opportunità sentimentali , perché chi non risica più ($$$)non rosica più! Fate Vobis..

  4. 14
    Flaviano -

    Situazioni tremendamente difficili…e la colpa il più delle volte e di questi diavoli di social…facebook su tutti! Alle donne bastano un po di like e frasi giuste x farle sentire dive….e ci sono molti marpioni sui social…La quotidianità di un rapporto ventennale a volte appiattisce il matrimonio …diventa tutto scontato etc etc.e loro, ma anche noi uomini caschiamo spesso nelle illusioni da social…compromettendo e distruggendo con molta superficialità matrimoni figli ed averi molto spesso x persone conosciute pochissimo in realtà, che il più delle volte si riveleranno tutto il contrario di quello che credevamo….Okkio xchè questo mondo liquido ci sta massacrando…..OKKIO. L’autore stesso è testimone di quanto scritto da me…visto che lamenta nella lettera cambiamenti da parte della moglie sul social e col cellulare….. Sono convinto che il nuovo toro lo ha conosciuto in chat….ci scommetterei.

  5. 15
    socrate -

    Gli amori finiscono. Le persone cambiano e si dimenticano di avvisare gli altri, che poi restano devastati. E’ difficile da accettare, all’inizio.
    Hai un trauma emotivo e lo shock post-traumatico va curato. Non cercare di uscirne da solo, non puoi. Un amico, un medico, uno psicologo, il prete, un parente, un libro, chi ti pare. Ma fatti aiutare.
    Con il giusto (sottolineo giusto) aiuto supererai le varie fasi fino all’accettazione e solo dopo ricomincerai a prendere in mano la tua vita. Sarà durissimo ma ce la farai.
    Lei ha cercato di dirtelo e fartelo capire un po’ alla volta, ma data la tua reazione, opposta a quella che si aspettava, ha affrettato i tempi. I sensi di colpa l’accompagnano, ma non sono abbastanza forti da farla restare in un rapporto che non vuole più, quindi ti risponde male perché cerca la lite (è come il rogo in piazza, che assolve tutti perché tutti vi hanno colpa). Lascia perdere.
    Ha costruito la sua nuova immagine, cerca legittimazione e nuove amicizie sui social, il cellulare è il suo oggetto di transizione, è già in una nuova vita tutta sua, di cui tu non fai parte. Taglia.
    Se devi perdere qualcosa, meglio perderla in fretta. Non continuare a sbattere la faccia contro quel muro che ha eretto fra voi.
    Non darti la colpa, non ce l’hai. Non farti domande: non c’è un perchè. E’ così. Lascia che sia.
    Procurati anche un buon avvocato, perché stai male e sei troppo vulnerabile per occuparti degli aspetti pratici. Auguri.

  6. 16
    Vittoria -

    Carissimo,

    io sono una moglie che ha lasciato il marito dopo vent’anni e tre figli insieme. Non per un’altra persona ma per salvare la mia famiglia o quello che ne rimaneva. ho tentato più volte di ricomporre i pezzi ma non c’è stato verso, per lui tutto andava bene e andava come doveva andare.
    Lui al lavoro, io con un lavoro part-rime e il carico dei figli. Lui a fare sport e io a portare i figli a fare sport e altro. Lui dalla mamma a pulire, e io a casa a rassettare.
    Ho cercato di coinvolgere anche i figli per non lasciarlo andare. Il maggiore si è offerto di portare i due fratellini fuori all’oratorio con lui, e io e il papa avremmo festeggiato da soli il nostro anniversario. Poche ore, al massimo due. Lui mi ha fisposto che una brava madre di famiglia non si sarebbe abbassata a fare questa cosa e che dovevamo festeggiare se mai con le nostre famiglie. Ora non eravamo io e lui, ma un’unica grande famiglia.

  7. 17
    Vittoria -

    Peccato che la grande famiglia non c’era quando mi tirava addosso di tutto o quando mi dava della tro.. perché uscivo con i figli la domenica mattina per portarli a catechismo.
    Alla fine ho trovato il coraggio di lasciarlo.
    L’ho pagata cara. Molto cara.
    Oggi però lui è cambiato, si è quietato. Non siamo più insieme ma ci parliamo. Lui ha un’altra persona e anch’io.
    A volte però mi domando il perché di queste cose, ma non so spiegarlo. Ho dovuto distruggere una famiglia per farla risorgere… seppure con tante ferite.
    In bocca al lupo!

  8. 18
    Tommy -

    Ma sposatevi, dai che è bello… al giorno d’oggi poi, né vale davvero la pena credetemi!

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'informativa sulla privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili