Salta i links e vai al contenuto

Limone aspro

di

Indugiare all’uscio di casa non è piacevole. Coi pensieri che riaffiorano e la realtà ancora lì ad aspettarmi, non sembra neppure corretto pensarci troppo. E’ un po’ come se la tua coscienza ti parlasse, o è il rimorso, non lo so. Certe volte però capita di fermarsi lì, di girare lentamente quella chiave sperando che la luce resti spenta, per poter far sembrare tutto un sogno. Mentre i contorni della tua casa restano sfumati e l’avventura che hai da poco risvegliato è ancora dentro te. Chiudo gli occhi ed entro. Per un istante. Ma poi sto vigile, molto vigile, mentre a dispetto del mio cuore accendo in fretta la luce e chiudo la porta dietro di me. In fretta ma… silenziosamente. E tiro i catenacci e penso ancora a ciò che c’è la fuori. A tutte le occasioni del mondo, alla vastità delle possibilità. Alla vastità del mio egoismo. Entro sapendo che non troverò nessuno ad accogliermi, che sono solo. Non ho voluto più animali dopo che a 16 anni persi quel cane. Amavo quel cane. Non penso sia la ragione per cui non mi vorrò più legare ad altri animali. Penso sia la mia natura. E’ ciò che faccio inconsciamente con tutti. Fiamme feroci che bruciano tutto, ti scaldano il cuore per bene, consumando ciò che c’era. Sono un piromane impenitente. Sono vigile finché salgo quei gradini. Non ne salirò mai abbastanza penso con amarezza. E’ la mia natura forse essere scontento, insoddisfatto. Pur sapendo di aver così tanto. Di aver avuto così tanto. Ma non so regolarmi. Non so controllarmi. Rischio pure di cadere se non sto attento. Dissi di voler cambiare ancora una volta… un’altra volta… un’altra ancora. Ma ormai so chi sono. Come sono. Dopo tutti quei cambi d’abito il mio armadio si è svuotato, tiene solo qualche dubbio sulle opinioni lì dentro. Ormai entrato. Sto già seduto sul terrazzo, per dare un’ultimo sguardo al mondo. Più distaccato. Non era come lo descrivevano le storie di mia madre. Non era neppure come lo descrivevano le vicende di mio padre. E’ un limone da mordere restando sorridenti. Un po’ ancora, e sarò quieto. E nella mia natura dimenticare. M’immagino a fumare una sigaretta, immaginando ciò che sto vedendo. Non sarà mai come i miei sogni. Ma sarà… qualcosa.

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.