Salta i links e vai al contenuto

Amore, amore, amore… quale amore ?

di

Scrivo, per la prima volta, dopo un periodo orribile di otto mesi in cui pensavo di non farcela più.
Perché.. solite cose, ti innamori, ti lasci.. muori dentro..
La mia storia.
Sette anni, convivenza importante, sono separato, una bimba piccola.
Lei estrosa, bellissima.
Tre anni fa decide che desiderava la casa della sua vita, compriamo un rustico in campagna.. da rifare.
Viviamo in camper.. tre anni.
Nel frattempo Lei fa carriera, io dico amore continua, io finisco la casa.. poi la vita.
Un bel giorno.. Lei torna a casa, tre mesi prima aveva perso il nostro bambino..
mi dice non ti amo più..
se ne va..
Rimango a guardare la casa che ho costruito per noi.. gigantesca, immersa nel verde..
vuota.
Una settimana dopo convive con un altro e inizia ad allevare pitoni reali…
Il seguito ve lo risparmio.. chi mi dice non hai perso nulla, forse ha ragione, resta il fatto che mi chiedo ogni giorno se i sette anni in cui ho costruito un sogno non siano piuttosto un incubo da cui non riesco a riemergere.
Mi sono dedicato al volontariato.. ho appreso la sofferenza degli altri.
La vita è bella, ma non riesco a provare più gioia.
Vorrei distruggere tutto, sono confinato in una casa che esiste in funzione dei ricordi.. non posso venderla e lei ne è proprietaria al 50% mentre progetta la sua famiglia con un altro.. figli..
La vera condanna è quella di non sapere perché per tre anni mi sono alzato alle 5 del mattino, ho portato un camion al magazzino di materiale edile, sono tornato a casa, ho scaricato..
Doccia, colazione, a lei la servivo a letto.. giacca.. ufficio, pausa pranzo..
cazzuola e ponteggio.. alle 16. 00 ufficio.. alla fine della serata di nuovo cazzuola e cemento.
Fino alla notte.
In ogni istante pregustavo la nostra vita..
Adesso aspetto di definire la questione casa.. non ho più una vita, ne me la posso permettere economicamente.
Sopravvivo alle giornate sperando che domani sia un altro giorno per rinascere, vivo sperando ma sono rassegnato.
Non so perché dopo tanti anni dovevo vivere un così grande fallimento..
Credo che alla fine amare, pensare di condividere la vita sia una bugia.
Quella che mi ha urlato.. non ti amo più..
resto con te per una casa.. ?
Un saluto.. nella speranza di aver insegnato solo una cosa..
bisogna vivere per se stessi.
nasci da solo.. vivi da solo.. muori da solo..

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

13 commenti a

Amore, amore, amore… quale amore ?

Pagine: 1 2

  1. 1
    Alastor -

    Rispetto e comprensione fratello,so cosa significa…
    Hai un anima buona ce la farai.

    Good Luck Stranger

  2. 2
    Sospeso -

    ti sono vicino…coraggio. x quella casa, sebbene lei sia proprietaria al 50 x cento, ci hai dato l’anima ed hai versato litri di sudore. Vivila, rinasci insieme a lei, alle sue mura, al verde che presumo la circondi e aspetta solo le tue cure. Si, credo di poter confermare che bisogna imparare ad amare solo se stessi, anche io esco da una situazione simile…lasciato e facilmente rimpiazzato. Piuttosto fatti forza x superare questo momento difficile e ti assicuro che gradualmente ce la farai.l’amore non esiste…e anche lei è stata prorpio una stronza. Io sono diventato misogino, non condanno le donne, non le considero delle p…..e…ma la natura le ha fatte cosi’ ed a me non vanno + per nulla.
    Dammi retta amico…è stata una fortuna! pensa a quanti problemi sei riuscito a scampare…pensa alla probabile eventualità che un giorno saresti stato tu a rimpiangere la tua libertà. Hai vissuto un’illusione, come tutti. L’importante è capire che si tratta di un’illusione, destinata sempre e cmq a svanire. Coraggio amico, in quella casa portaci altre donne…hai bisogn di svagarti e di sentirti apprezzato…e sono sicuro che ad un tipo in gamba come te non ci vorrà molto x trovare nuove compagnie. Solo un consiglio se mi permetti…non fidarti mai piu’ di nessuno e nessuna! son tutti cosi ed è tutta unillusione. Vale la pena di viverla questa breve vita…ma imparando a non aspettarsi nulla da nessuno. Dobbiamo imparare a contare solo su noi stessi

  3. 3
    K2 -

    Ho passato e sto passando qualcosa di simile a te. Purtroppo c’è un dato di fatto inconfutabile: le donne di oggi sono queste. Presumo che la tua donna abbia oltre la trentina periodo in cui iniziano a non capire più un c….
    Forse è la società di oggi chd le stranisce. Fatto sta che la maggior parte sono così. Sbroccano, sono schizzate, aggressive, complicate. Con questo non voglio dire che tutte siano così. Ma di donne Vere con la V maiuscola ne sono rimaste poche. E non lo dico io lo dice la realtà dei fatti. Non si sa cosa vogliono.
    Lo so che è dura ma stai tranquillo. Da quel che racconti non hai perso davvero nulla. Ti direi di accendere due ceri alla Madonna. Ma accendine solo uno per ringraziarla di avertela fatta perdere. L’altro insomma…non vorrei fare il blasfemo ma sarebbe stato giusto se non te l’avesse fatta incontrare.
    In bocca al lupo di cuore

  4. 4
    reborn -

    Ciao,mi spiace molto per la tua storia…era da tantissimo che non scrivevo un commento..tra mille impegni e cose da fare..ma oggi leggendo la tua lettera..mi sono detto perchè non ricominciare a scrivere un pò?! ed è quello che farò ;)

    Posso provare a comprendere la tua delusione..ma come si dice non si può vivere nei sogni..ma senza sogni la nostra vita perderebbe di senso.Sono loro che ci fanno alzare la mattina..sono loro che ci danno speranza e ci fanno credere che in fondo si può lottare in un mondo migliore.Nella vita bisogna essere molto equilibrati..non si può dipendere da un’unica cosa…perchè poi senza quella cosa ti senti perso ..e ti senti vuoto..ti senti un macigno sulle spalle…e non ti senti più in grado di rialzarti.Penso che tu sia un bravo ragazzo,e penso anche che quando hai scritto che si vive per se stessi non lo pensavi veramente…sono parole dettate da rabbia e delusione.L’amore è bellissimo..ed esiste ed è autentico..lo si può notare anche in un cagnolino per esempio..sembrerò un tipo particolare a dire certe cose..ma le penso veramente.Tutti noi viviamo per amare..e per stare insieme,l’uomo non è fatto per stare solo..il problema è che..molte persone a causa di una società..degradata governata dalle tv..radio ecc ecc non riesce più a ragionare con la propria testa.E molte persone sono attaccate a dei valori frivoli e privi di valore.Ma ti assicuro che lì fuori è pieno di brave ragazze..essere troppo buono paga sempre..bisogna..”purtroppo” essere un pochino paraculi..con le ragazze ma non nel senso cattivo..bisogna alternare bastone e carota..se tu a loro dai troppo..stai tranquillo che poi scappano via…dallo “scemotto” di turno.Sai nonostante la mia giovanissima età ne ho passate tante di situazioni..e da ognuna ho imparato qualcosa..penso che ogni persona anche la più “cattiva” possa insegnarti qualcosa..perchè ognuno dentro al nostro cuore ha un dono solo suo che lo contraddistingue da tutti gli altri.Amico mio rimboccati le maniche puoi benissimo andare avanti in questa vita molto ardua..purtroppo tante volte quelli che vediamo come sogni realizzati,sono dei miraggi che ci illudono..la strada per la realizzazione è molto lunga…tant’è che ogni volta che si pensa di essere arrivati..ci si accorge di essere inciampati.Continua a fare il tuo percorso di vita,la ragazza giusta..quella per tutta la vita arriverà..non ti manca niente…forza e coraggio..credi in te stesso..e continua nella tua umiltà..continua a credere nei tuoi valori..e non lasciarli per nulla al mondo..loro sono dei doni preziosi…segui quello che ti dicono…continua ad aprire il tuo cuore…e non aver paura di soffrire …che senza sofferenza non si ama ..in questo periodo se posso darti un consiglio apri il tuo cuore ad un bel foglio bianco..ti aiuterà..ti renderai conto…di come quando si apre il proprio cuore..si possono trovare delle soluzioni per se stessi e per gli altri buona serata e confida in Dio :)

  5. 5
    Davide -

    le parole che hai usato descrivono il tuo stato d’animo e il dolore che vivi ora. altri commenti sono superficiali. ho afferrato ciò che ci hai insegnato. bisogna vivere da soli. solo noi possiamo fare affidamento su noi stessi. il resto è tutto fuffa. al giorno d’oggi affidarsi e basare la propria vita sui rapporti affettivi intrapersonali è un grosso sbaglio. impariamo a volerci bene e a fare le cose da soli senza la paura di rimanere soli, perchè l’85% delle coppie la fuori stanno insieme per convenienza, per la paura di non restare soli nella vita. grazie per questo insegnamento. tutto passerà. ti sono vicino. un abbraccio grande

  6. 6
    fabio -

    .. nella speranza di aver insegnato solo una cosa..
    bisogna vivere per se stessi.
    nasci da solo.. vivi da solo.. muori da solo..

    verita sacrosanta!!

  7. 7
    LUNA -

    Non è vero, nel senso che è importantissimo non dimenticarsi mai, in modo sano, di se stessi, però mi domando anche se prima di quel patatrak lei non fosse già stata egoista e tu non te ne fossi accorto o se edulcorassi un po’ il suo modo di essere. A volte accade anche questo.

    Spero che tu riesca a trovare un tuo progetto, tuo, intanto, in cui sentirti vivo e investire le energie, per rimetterle in circolo.

    Non dico che sia facile, so che non lo è, ma spero che tu riesca presto a farlo.

  8. 8
    zorbailgreco -

    Caro fratello ti capisco e non voglio in alcun modo sminuire il tuo dolore…però prova a considerare quegli anni vissuti a costruire il tuo sogno A PRESCINDERE dall’epilogo; per quei tre anni sei stato felice VERAMENTE e questo nessuno te lo può togliere, nemmeno la rottura della relazione potrà cancellare i momenti di entusiasmo che hai vissuto nel costruire la casa. Esisteranno per sempre! Quindi il mio consiglio è quello di benedire questa donna per quanto ha saputo darti piuttosto che maledirla per averti lasciato. E poi fai a te stesso un regalo preziosissimo: perdonala.
    Auguroni

  9. 9
    Zingaro22 -

    sei uno di noi, chi prima chi dopo ci arrivano tutti, ma tranquillo toccherai il fondo, diventerai mezzo matto, poi rientri nei ranghi, puoi metterci una vita, come 6 mesi, come una settimana…chi sa se tuo figlio era il tuo… chi sa perché c’ha messo cosi poco ad accasarsi nuovamente….fatti una domanda e datti una risposta…benvenuto all’inferno, quando ci farai l’abitudine non avrai rischi ulteriori..forse il fisco è paragonabile o qualche seria malattia, ma l’amore quello lo hai passato…evita di ammazzarla per favore.

  10. 10
    maximum -

    ciao…non sei il solo purtroppo hai creduto a una donna che invece se ne è sbattuta alla grande dei “vostri” progetti ed in realtà era la solita TROIA…c’è ne sono tante in giro oggi, anche camuffate da agnelline indifese, è dura ma ce la farai…ti consiglio di leggere i commenti di questa lettera…

    http://www.letterealdirettore.it/la-mia-ragazza-mi-ha-lasciato/#comment-219302

    per schiariti definitivamente le idee…

Pagine: 1 2

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati dopo 48 ore; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, puoi però rispondere in Chat segnalandolo eventualmente con un commento in questa lettera.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.