Salta i links e vai al contenuto

Le chiedo se mi tradirà un’altra volta, ma non può promettermi nulla

Salve, chiedo un giudizio in merito a questa storia che provo ha descrivere. tre anni addietro ho conosciuto una donna sposata senza figli, la quale aveva problemi relazionali col marito tant’è che ha scoperto che la tradiva con un’altra, in breve, o per ripicca o per altro lei si è messa con me. Infatti, successivamente mi ha confessato che inizialmente non provava nulla per me ma che poi col frequentarmi e conoscermi si era innamorata.
Io onestamente ero solo attratto fisicamente di lei e dalla novità il resto mi sembrava che lei fossa una frana su tutto ciò che faceva anche sessualmente mi ha detto che non aveva mai raggiunto un orgasmo con la penetrazione ci riusciva solo masturbandosi, quindi si comportava e si comporta tuttora come una bambola di gomma, tranne che la si picchi. Infatti alcune volte mi ha chiesto di farlo ma sono solo rimasto sconvolto. Tralascio questi particolari psudo-erotici per passare all’evolversi della storia che mano mano che passava il tempo notavo che le cose peggioravano. Un giorno mi ha detto che il marito aveva lasciato la casa dove vivevano insieme e che pertanto vi andava ad abitare lei, premetto questa casa è distante 100km da dove vivo io, nel frattempo ci si vedeva quasi ogni settimana o veniva lei o andavo io al suo paese. Finalmente trova lavoro in una casa da gioco (bingo) sembra realizzarsi visto che non aveva mai fatto un lavoro. Quindi non so per quale motivo cominciavo a stancarmi del tutto di questa storia e anche di lei in quanto non vedevo un futuro tra noi, ma non riuscivo a comunicare le mie intenzioni in quanto lei si mostrava molto fragile, quindi rinviavo sempre e prolungavo gli intervalli sia telefonici che di incontro, anzi quando veniva a trovarmi mi mostravo accogliente e interessato ma dopo poche ore insieme passavo alla insoddisfazione e alla indifferenza mi faceva solo tenerezza per la sua eccessiva fragilità, ma ugualmente non la trattavo bene anzi gli evidenziavo la sua incapacità a quasi tutto anche alle cose più banali, mi appariva come se fosse vissuta sempre dentro una teca, lei motivava questo in quanto figlia unica e la madre l’aveva cresciuta con l’idea che non doveva fare nulla per dedicarsi esclusivamente allo studio. Risultato si è laureata ma non sa friggere un uovo. Tralascio anche questo perché può sembrare che io abbia una pessima stima di lei, bisognerebbe conoscerla per poter dare un giudizio individuale. Torno su i miei passi lascia e prendi la storia e andata avanti fino ad aprile in quattro mesi ci siamo visti tre volte, quindi si deduce che sia io che lei potevamo fare almeno di questo rapporto, ma io posso assicurare che non avevo altri interessi sentimentali, mi cullavo che bene o male avevo lei. Un giorno decido di andarla a trovare senza informarla, l’ho chiamata col telefonino solo quando ero sotto casa sua. Ho capito istantaneamente che non era sola, infatti a ritardato a rispondere e successivamente ad aprire la porta, quando sono entrato in casa alle mie prime domande è crollata subito e la prima cosa che mi ha detto era che non mi amava più e che nell’altra stanza c’era un suo amico che aveva conosciuto al bingo in un momento di solitudine aveva accettato la sua compagnia. A queste parole non sono riuscito a resistere nemmeno un attimo e sono andato via, anche se lei voleva impedirmelo, perché voleva raccondarmi come sono andati i fatti. Sul momento mi è sembrato di avermi liberato di una storia ostica, visto che nemmeno io avevo avuto il coraggio di lasciarla già dopo pochi mesi che l’avevo conosciuta. Ma le cose non sono andate così ho rimuginato ogni particolare e alla fine la cosa non mi è andata giù, nel frattempo lei mi ha scritto: dicendo che lei non si sentiva in colpa in quanto era lei che era stata trascurata da me già da tanto tempo, e che ugualmente io gli mancavo come una cosa che non poteva farne almeno, ma visto che avevo deciso cosi, pazienza. Sono andato in crisi ancora di più non sapevo cosa fare cosa dire come agire, alla fine l’ho chiamata e mi ha detto che voleva parlarmi di presenza. A questo appuntamento mi ha raccontato tutti i particolari di cui che con questo era già da ottobre che si erano messi insieme e che la manteneva portandola sempre a cena fuori e con sovvenzioni pecuniarie ma che non la soddisfaceva per nulla in quanto semi-impotente per via del diabete. Gli ho chiesto se era disposta ad azzerare il tutto e ritornare con me a risposto che si era abituata a questa vita quasi privilegiata quindi gli comportava una rinuncia ad una cosa acquisita ma visto che era ancora presa dei ricordi vissuti insieme mi ha detto che ci provava. A ciò si è ribellato lui dicendo che se veniva a trovarmi l’avrebbe lasciata ricordandogli la conseguenza di perdere i privilegi che lui sapeva di elargire, a questo, lei ha reagito dicendo che non voleva più legami imposti, ed è venuta tre giorni in vacanza con me. Sembrava che eravamo nuovamente all’inizio di una relazione, siamo stati benissimo ed io ho rivalutato la sua figura pur consapevole che era solo un riscatto nei confronti del rivale. E questo dura da circa due mesi ma purtroppo succede che quando lei va via è ritorna a casa al suo lavoro mi riprende il malessere penso che ritorna a vedere quest’ultimo visto che sta quasi sempre li ha giocare. Lei mi ha detto che sta con me anche se non mi ama più come una volta e alla mia domanda se mi tradirà un’altra volta risponde che non può promettermi nulla visto quello che è successo. Cosa devo fare? Accettare questa situazione promiscua ho trovare la forza di lasciare perdere questa storia che non mi porterà in nessuna parte tranne che alla depressione?

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Famiglia

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    eddy -

    Leggendo la tua lunga storia, penso che lei sia tra l’incudine e il martello e tu di mezzo, in poche parole penso sia il caso di dileguarti al più presto possibile da questa situazione scomoda. Fai un passo indietro e inizia a guardare avanti… verso nuovi orizzonti. Buona fortuna

  2. 2
    ChiaraMente -

    Visto e considerato che lei non è così fragile come pensi tu, alla luce dei fatti, i casi sono due: o la rivaluti con più obiettività e accetti che le corna le hai avute in conseguenza del tuo palese scarso apprezzamento, e ricominci da zero coerentemente con le tue parole, considerando il primo periodo come una fase di confusione da parte di entrambi, o ti concentri sul fatto che in realtà non ti è mai piaciuta tanto e te la tieni solo perchè la tua mente si accende al pensiero che lei, in barba alle tue considerazioni, trova altri “estimatori” tranquillamente, il che dovrebbe rassicurarti se la tua preoccupazione è solo la sua “fragilità”. Però mi sembra nel tuo caso che il pensiero che lei possa “tradirti”ferisca solo il tuo orgoglio. Se lei non l’avesse fatto la tratteresti ancora con sufficienza e indifferenza o addirittura l’avresti già lasciata. E credo che lei lo sappia…chiamala scema!

  3. 3
    leo -

    mai attaccarsi ad un fenomeno stocastico!
    i fenomeni stocastici si osservano con distacco razionale!
    tuttavia, mai buttare una comodità!
    perciò, riponila in un cassetto remoto della mente.
    quando si fa viva secondo la sua randomicità e chiede di essere trombata, trombala selvaggiamente e multilateralmente e poi rimettila nel cassetto e così via.
    in questo modo, potresti perfino realizzare la sua suprema beatitudine.

  4. 4
    ChiaraMente -

    A meno che la selezione naturale verificatasi con il processo stocastico non soddisfi un equilibrio vitale e non diventino carateristiche di un sistema autoregolantesi. In quel caso bisogna cambiare i parametri di riferimento del termostato. Fatti una doccia fredda.Poi riformula.

  5. 5
    ChiaraMente -

    Non per altro, leo, è che non mi sento di tralasciare il quoziente di indeterminatezza di Heisemberg. Tu mi capisci..un bacio

  6. 6
    claudio -

    Piccola crittica: Perche’ quando avevi tra le mani questa donna (nel senso che lei ti amava) tu hai cercato in qualche modo di lasciarla? E come mai quando hai saputo che eri cornificato ti e’ ritornato l’interesse? Bhe’, lei avra’ il suo carattere un po’ strano, ma tu hai sbagliato inizialmente. Tu vorresti recuperare, giusto? Ma ne sei sicuro? Fai un Scandisk interiore e vedi veramente cosa provi. Rabbia (perche’ ora lei sta con un altro o presunto…) o amore?

  7. 7
    lapadura -

    Ciao a tutti, Vi ringrazio per i vostri commenti, devo dire che sono molto importanti, credo che alla fine accetterò il consiglio di Leo, così bene o male mi riscatterò dall’orgoglio ferito e metterò esperienza per la prossima volta.

  8. 8
    Ari -

    Lasciala nella sua felicità.
    Prima di andare via, dalle anche un sacco di botte.
    Tanto le piace.

  9. 9
    ChiaraMente -

    Non so perchè ma avrei preferito che vendicassi dei sentimenti traditi piuttosto che l’orgoglio, dato che pare proprio che a te non importi niente di lei. Comunque hai deciso così. Ma non è che un pò di masochismo di lei ti ha contagiato? Bah, facci sapere come prosegue….

  10. 10
    claudio -

    Cara Ari, non andrei addosso a lei. Lui, ha avuto l’opportunita’. Ora perche’ ha scoperto che non e’ piu’ al centro delle sue attenzione cerca di recuperare. Ma cosa?

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili