Salta i links e vai al contenuto

Ho paura degli uomini

Lettere scritte dall'autore  

Ho paura degli uomini. Delle persone, in generale, ma degli uomini di più perché é di un uomo che mi posso innamorare.

Le mie esperienze con gli uomini sono state, ovviamente, negative.
A partire da mio padre, ma non voglio addentrarmi nella mia infanzia. Niente di particolarmente traumatizzante, comunque, solo un piccolo abbandono.
Poi c’è stato una bestia che mi ha usata per prendermi in giro, per farsi bello con gli amici, per infastidire mio fratello.
Poi c’è stato la mia grande cotta adolescenziale, quello che mi si avvicinò data la mia reputazione da “troia”, ormai diffusa grazie alla bestia di cui sopra.
C’è stato il mio primo amore(amore vero), quello che mi ha fatto più male di tutti, che mi ha dato tutto per poi riprendersi di più, che mi ha tradita, che mi ha mentito ripetutamente, che mi ha fatto una violenza psicologica di cui riporto i segni ancora oggi, tre anni dopo.
C’è stato, infine, quello di cui non mi sono voluta innamorare, quello a cui non mi sono voluta affezionare troppo, per non investire troppo. Quello con cui volevo ridurre al minimo il rischio di farci del male, insomma. E anche lui, mi ha mentito e disprezzata, mi ha continuamente sminuita e giudicata.

Durante queste esperienze mi sono guardata cambiare. Dalla ragazzina ingenua dei primi due ragazzi, alla donna fredda di ora. Mi sono vista diventare via via più distaccata, insensibile, EGOISTA. (Come era ovvio che fosse)

Non ho fatto niente per contrastare questo mio cambiamento, ne ero felice. Non volevo essere più una che subiva, non volevo essere più la vittima. E infatti, negli anni successivi al mio primo amore, sono stata anche carnefice.

Ora non so se mi piaccio più. Mi viene da pensare, o forse vorrei pensare, che sono io ad attrarre un determinato tipo di persone con il mio atteggiamento e con la mia profonda insicurezza e bassa autostima. Perché se non fosse così significherebbe che gli uomini(o comunque le persone) sono tutti così. Non ci voglio credere. Eppure si sta radicando sempre di più questo pensiero in me.

Sono passati tre anni dalla mia più grande delusione. Dopo tre anni comincio a risentire la voglia di mettermi in gioco con qualcuno(come non ho voluto fare con l’ultimo ragazzo con cui ho avuto a che fare), ma solo al pensiero di COSTRUIRE qualcosa, di CONDIVIDERE con qualcuno, di DARMI a qualcuno, sento un vuoto allo stomaco, che mi fa immediatamente ritrattare e dire “no, no sto bene da sola”.

Si é vero, bene da sola ci sto. Ma sono giovane e voglio fare le mie esperienze, voglio provare sensazioni, voglio conoscere qualcuno.

Quando vedo un ragazzo che mi piace immediatamente mi fisso su di lui.
Per esempio, un ragazzo all’università, un collega del corso di studi. Neanche lo conosco, eppure comincio a guardarlo continuamente, a pensarlo addirittura continuamente, a fantasticare su di lui in una maniera esagerata, che mi infastidisce e che mi sembra assolutamente inappropriata per una persona che neanche conosco. Questo atteggiamento credo sia dato dalla mia voglia di innamorarmi. Non appena prendo in considerazione l’idea di avvicinarmi almeno per conoscerlo immediatamente sento il mio interesse calare e la mia mente si affolla di immagini di me e lui fidanzati, di lui che mi tradisce, che mi mente, che comincia a non essere più tanto preso da me ecc.. E vorrei rimarcare il fatto che NEANCHE LO CONOSCO. Che cosa succederebbe nella mia testa se dovessi poi effettivamente cominciare a uscirci? O addirittura se mi ci fidanzassi?

Come si supera una cosa del genere? Una paura così folle per le relazioni? Tutte quelle paranoie?

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso - Relazioni

18 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    SOFIA -

    Purtroppo ANCHE IO non nutro grande fiducia nei confronti degli Uomini. La maggior parte di essi parlano solo di SESSO , quelli CHE SI AVVICINANO A ME, PARLANO ESLICITAMENTE DI QUESTO. (Eppure ti assicuro che non vesto in modo provocante) ma pare che gli Uomini in me vedano solo una da “scopare”…ovviamente si beccano un vaffanculo immediato. Ma questo approccio mi ha stancata…io sono un donna sensibile, gentile ed educata. Possibile che queste Bestie, abbiano in mente solo questo??? Vorrei potermi ricredere….ed in effetti una persona che merita il mio rispetto c’è…vedrò di tenermelo stretto…Credo sia normale, poi diventare fredde e ciniche…vista la scarsa qualità di ciò che gira oggi al mondo…..

  2. 2
    Rossella -

    Sicuramente ci sono tanti ragazzi che vivono il momento, ma ce ne sono tanti altri che non hanno il coraggio di farsi avanti perché temono il momento. Per quanto mi riguarda ho scelto d’investire su questo timore perché sono consapevole del fatto che non passerà mai… per adesso non sono innamorata, ma quando incontro un ragazzo che è pronto a compromettersi pur di non apparire troppo sicuro di quello che rappresenta mi dico che sono sulla buona strada. Non che vivere il momento sia sbagliato. Certo che no. Ma bisogna tenere sempre presente la cornice etica nel quale organizziamo la nostra libertà. L’umiltà che ti porta a riconoscere che le persone hanno dei sentimenti, una sensibilità, un pensiero e delle aspirazioni, implica il coraggio di essere semplici, di non creare nuovi canoni per giustificare scelte che hanno bisogno di essere sostenute dalle circostanze. Io sono così. Non amo le costrizioni, ma non mi concentro su un modello in particolare. Mentirei se ti dicessi che ci sono mentalità che mi destabilizzano. Tutt’altro. Non possiamo guardare tutti nella stessa direzione… è importante avere una sensibilità comune. Non è necessario tornare sui propri passi. Infatti questa è la cosa che in genere m’imbarazza di più… voglio essere sempre io ad adeguarmi agli altri.

  3. 3
    Sofia -

    Che Sofia sei te?
    Va be menomale che ti sei scritta il nome in stampatello..così ci distinguono..io sono in corsivo.

  4. 4
    Diego -

    Salute! Spero che non ti sia raffreddata per via dei tanti energumeni di passaggio, comunque non disperare, di pig-malioni ce ne sono quanti ne vuoi, coraggio, puoi tornare facilmente a fare collezione.

    A questo punto spero solo che ti sia resa conto di cosa sia realmente “l’amore” che tutti sognano e che tutti cantano, per la verità disperati, in quanto nessuno lo trova, nè sa definire esattamente cosa esso sia.

    Proviamo un’analisi in base ai dati evidenti, direi che l’amore è una sorta di tormento dell’anima mai risolto, più che una felice unione permanente, se consideri che in passato veniva surrogato con il matrimonio (quasi sempre un conflitto mortale), mentre nel mondo “emancipato e liberato” dagli Americani pare invece una sorta di gratta e perdi, dove tutti usano tutti, fino a formare infinite catene polimerizzate di collezioni individuali che si fondono nel grande casinò globale, dove ovviamente tutti perdono a favore del banco, mentre l’AIDS è l’unico punto fermo negli infiniti contatti. :))

    Per me l’amore è solo una trappola per topi, in cui il signore Lucifero vi agguanta, più esattamente è il deficit umano imposto che lui utilizza per produrre nuova carne da macello (neonati) o nuovi singols, spesso malati anche di cervello.
    Qualcuno ha la soluzione in tasca? Inutile negare la diagnosi, non guarisci mica così.

  5. 5
    Emma -

    Tante, troppe parole cara ecciu. Giustamente questo è uno spazio per condividere le proprie sensazioni e esperienze.
    Vorrei solo farti riflettere ecciu,anche se di pensieri ne fai tanti 🙂 .

    Hai mai provato a guardare la tua immagine riflessa nello specchio?

    Guardati bene, con umiltà e senza giudicarti.

    Come sono i tuoi occhi? Di che colore sono? Cosa ci vedi dentro ? Guardali bene i tuoi occhi.

    Guarda la tua faccia. Com’è ?? Magra, cicciotella,ovale? E le tue sopracciglia?

    Guarda la tua bellezza cara. Guarda come sei bella e unica.

    Rispettala questa bellezza. Non permettere a nessuno di trattarti male.

    Guarda la tua bellezza; sii fiera di essa.

    La risposta a tutte le tue domande è dentro di te, ecciu. Devi solamente vederle.

    Buonanotte
    Emma

  6. 6
    Anna -

    cara ecciu…hai toccato un punto chiave nella tua lettera…hai una bassa autostima e forse quello non ti permette di vedere con oggettività quello che ti circonda. non penso che gli uomini siano tutti uguali, esistono anche delle brave persone, tutto sta a nel volerle cercare e trovare. il punto è che quando non si sta bene con se stessi è molto difficile stare bene anche con gli altri quindi io lavorerei un pò più su te stessa prima di ributtarti a capofitto in una storia. il fatto che fantastichi sulle persone è una cosa del tutto normale, è perchè hai voglia di innamorarti, quindi non starei li a preoccuparmi troppo. cerca di capire più che altro cosa vuoi tu e che cosa ti aspetti dall’altro… è importante conoscersi e capire che cosa si cerca… una volta capito, chi cerca trova! 🙂 auguri!

  7. 7
    maria grazia -

    cos’è l’ amore ? se lo chiedete a me, è quello che provo per la mia micetta: tante volte mi spacca le balotas, miagola mentre dormo e non la smette finchè non mi alzo, mi graffia tutta la poltrona, salta sulla tavola , e perdippiù non paga le bollette! ma io continuerò sempre AD AMARLA 🙂

  8. 8
    Anna81 -

    anche io amo terribilmente la mia gatta! che bello non sono la sola! 🙂

  9. 9
    Diego -

    7
    maria grazia – 5 maggio 2016 12:12

    Semplice simbiosi emotiva.

    Comunque Ecciu, fai bene ad aver “paura degli Uomini”, così eviti di sfidarli e forse ne troverai uno che ti stima.

  10. 10
    maria grazia -

    no Anna, non sei la sola. siamo in tanti/e! 🙂

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili