Salta i links e vai al contenuto

Il genere umano non è un burattino

Numerose lettere hanno colpito la mia attenzione. Mi rendo conto che siamo della peggiore specie. Giochiamo con le persone e i sentimenti, li manovriamo come i fili di un burattino. E’ difficile trovare persone che amano se stesse. Io credo che la chiave del problema sta proprio in questo, amare innanzi tutto se stessi. Partendo da questo, chiamiamolo pure principio, riusciamo, a volte, a percepire quali sono le cose che noi riteniamo giuste e sbagliate. Fare un’attento esame di coscienza non sarebbe una cattiva idea, ma purtroppo non lo facciamo quasi mai, andiamo sempre di fretta e ci preoccupiamo poco di noi stessi. Viviamo la vita cercando sempre di compiacerci e non pensiamo mai al male, sfruttiamo al massimo tutto cio’ che di piacevole ci viene offerto e spesso non lo rifiutiamo. Quando ormai siamo coscienti e sazi di avere soddisfatto, anche se temporaneamente, il nostro fabbisogno del piacere, ci accorgiamo che abbiamo esagerato o comunque abusato di qualcosa che non ci apparteneva provocando di conseguenza una condizione offensiva per se stessi e per gli altri. Arriviamo al limite di ogni cosa per capire in ritardo di avere commesso degli errori fatali. A mio avviso sarebbe piu’ opportuno chiedere a noi stessi cosa potremmo ricavare nel fare una determinata azione e partendo da questo presupposto valutarne le possibbili conseguenze positive o negative che siano. In questo modo corriamo meno rischi ed evitiamo situazioni molto spiacevoli non solo per noi stessi ma anche per chi ci sta attorno.

L'autore ha scritto 13 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Riflessioni

4 commenti

  1. 1
    marco_incasinato -

    Ciao. Per una volta sono d’accordo con te: il poco amore per noi stessi ci porta a fare cose sbagliate. Ma io non lo chiamerei “poco amore per noi stessi”, la chiamo “mancanza di autostima”. Penso che molti di noi amano loro stessi (pochi possono dire di odiarsi), ma l’autostima è fondamentale, e la sua mancanza fa danni enormi. Valutandosi poco una persona non si ritiene in grado di poter fare certe cose, ma se “rompe il ghiaccio” allora tutto è concesso, sopratutto se il rapporto con l’altra persona non è idilliaco. E ovviamente non è l’unico aspetto: c’è il carattere, l’educazione, la mancanza o meno dei freni inibitori; insomma, ci sono troppi aspetti oltre a quello che tu hai detto. Vero anche che a volte non si valutano bene le conseguenze di quello che si fa, o si pensa di farla franca, ma questa è un’altra storia….

  2. 2
    gabry -

    caro marco hai ragione,io credo che l’ autostima e l’amore vanno di pari passo facendo lo stesso percorso.L’autostima spesso serve a valutare meglio un’azione rivolta agli altri e contemporaneamente l’amore per se stessi, ti aiuta a non fare agli altri quello che non vuoi sia fatto a te.Certo sarebbe troppo bello!L a verita’ è che facciamo solo i nostri comodi e pensando di farla franca ce ne freghiamo dell’autostima e dell’amore per se stessi,sbagliamo comunque e solo quando ci aggorgiamo di avere commesso una caz…ta vorremmo ritornare indietro ma devi fare i conti con gli altri….

  3. 3
    ANNA -

    Beh…guarda…secondo me l’ amore per se stessi e’ fondamentale…
    E’ cio’ che ci permette di difenderci da cio’ che ci fa del male.
    Che ci fa dire : basta ! quando un qualcosa o un qualcuno nuoce al nostro benessere.
    E poi, oltre a questo, dobbiamo anche avere un altro tipo di rispetto…rispetto per gli altri, oltre che per se stessi.
    E questo e’ cio’ che ci vieta di essere esageratamente egoisti.
    L’ egoismo e’ in noi e ne fa parte comunque ma dobbiamo saper porre un freno a questo “strano” atteggiamento che nn si puo’ eliminare…senno’ si diventa bestie, mostri e ci viene tolta la possibilita’ di lamentarci quando veniamo calpestati e feriti…in fondo, anche noi abbiamo fatto, a nostra volta, la stessa cosa.
    La misura delle cose…quella e’ fondamentale.
    Ciao a tutti e buon w.e.

  4. 4
    Ari -

    Bravo.
    Lo diceva anche Platone circa 25 secoli fa.
    Il genere umano non è burattino ma è capatosta.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili