Salta i links e vai al contenuto

Al Sig. Bersani. Richiesta di aiuto

Lettere scritte dall'autore  mandragora

Carissimo Sig. Bersani, le scrivo per denunciare una situazione ingiusta, che riguarda me e mia sorella.
Mi chiamo Isis, ho 24 anni e, purtroppo, siamo state vittime della sprovvedutezza di mio padre che, pur agendo per il nostro bene, alla fine a combinato un bel pasticcio. All’età di 16 e 11 anni, io e mia sorella, ci siamo dovute trasferire in Egitto.
Credo che, per chi non l’abbia provato, sia difficile immaginare lo stato di sofferenza che ciò possa procurare e quanto questo possa segnare due giovani vite. Fortunatamente, dopo anni di sofferenze, io sono riuscita a tornare in Italia, all’età di 19 anni e 3 mesi.. sottolineo i tre mesi, in quanto, sono bastati a farmi perdere il diritto alla cittadinanza, mentre, mia sorella, si trova ancora bloccata in Egitto (da 8 anni circa) .
Io sono qui è vero ma, ora come ora, mi trovo costretta a certificare ogni anno il motivo della mia presenza in questo paese, quando nemmeno io so perché sono qui. Ci sono nata, ci sono cresciuta esattamente come mia sorella e come tutti voi e amo questo, il mio paese, con tutti i suoi difetti.
Ed ecco poi, che mi ritrovo allo sportello della questura, di fronte a un impiegato che, dall’alto del mio permesso di soggiorno per studio ( con tono piuttosto scortese, tra l’altro ) si rivolge a me dicendo: ” Ora che ha finito la scuola, cosa ha intenzione di fare? “.
Mi sembra davvero incredibile che, lo stato, faccia di un erba un fascio di casi così delicati.
Viviamo in un paese in cui è più facile che, a un immigrato qualsiasi che presenti richiesta di cittadinanza con i suoi dieci anni di residenza, magari non particolarmente interessato, piuttosto solo per evitarsi problemi burocratici, gli sia concessa la cittadinanza, piuttosto che a una persona come me o come mia sorella la quale, addirittura, non possiede più nemmeno il permesso di soggiorno e, tutto questo, perché abbiamo problemi economici, perché mio padre non ha provveduto affinché i nostri interessi fossero salvaguardati!? Ma quanti Italiani ci sono che non arrivano a fine mese, ma vivono sereni nel loro paese, con i loro affetti? Perché, a noi, tutto questo, non può essere concesso? Quanto dobbiamo pagare ancora per gli errori dei nostri genitori?
Io non conto.
Non conta che io e mia sorella si sia nate qui, non conta che consideriamo, questo, come nostro paese..
Non conta che a rischiare l’espulsione ci siano persone come me che nemmeno conoscono la lingua del paese di origine e che sono completamente integrate in questo di paese. Non conta che due sorelle vogliano vivere la vita che le è stata concessa, insieme?
Non conta che le persone soffrano perché si trovano precluse la propria felicità, da un organo come lo stato che dovrebbe salvaguardare gli interessi del singolo cittadino?
In tutto questo, naturalmente, ho esposto richiesta di cittadinanza ( A settembre saranno passati due anni dalla mia richiesta ) .
Il punto è che mi sono state fatte un sacco di difficoltà e ora mi ritrovo ad attendere incerta.
È ancora giusto tutto questo?
È giusto che io debba temere il giorno in cui mi scadrà il permesso di soggiorno, nel caso in cui non trovassi lavoro? Io pongo a lei queste domande, sperando forse in un aiuto e sperando anche in un cambiamento, per tutte quelle persone che, come noi, stanno vivendo questo tipo di disagio.
Aspettando, speranzosa, una sua risposta.
Isis Derouiche da Firenze

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Al Sig. Bersani. Richiesta di aiuto

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cittadini

3 commenti

  1. 1
    fabio -

    si ma inizi male se ti rivolgi proprio a bersani,ma ai politici in generale! a parte la
    mia semi-battuta,per niente divertente lo ammetto, hai mai letto kafka? anche se un
    po fuoriluogo te lo consiglio! un vero maestro che insegna cosa sia davvero la
    burocrazia,nonostante lo stai vivendo con la tua pelle.

  2. 2
    magirama -

    Ciao. Scusa, ma tu credi che Bersani ti legga, ti risponda, ma soprattutto ti aiuti?!? Buona fortuna!!! Quello è impegnato a farsi gli affari suoi, figurati se gli interessano i tuoi. Tra lui e il “nanetto”, non so cosa sia peggio… Ma il bello è che da oltre 30 anni, o voti il peggio del peggio, o voti il leggermente meno peggio, sempre le stesse brutte facce, bella democrazia!
    Comunque, bentornata in Italia, il paese dei controsensi, della corruzione, degli sprechi e degli extracomunitari a piede libero. In Italia se sei onesto, regolare, pulito, hai qualcosa che non va. Ricordatelo.
    Italiani brava gente?!? Sì, nei sogni di chi ama questo paese con le fette di salame sugli occhi!
    Io la bestemmia l’ho detta e la ripeto sempre… Come diceva nonno Benito, “si stava meglio quando si stava peggio”. Avete voluto appenderlo in piazza e fucilarlo?? Bravi, avete fatto bene, mo’ però vi beccate questa Italia sgangherata fatta di furbetti e mascalzoni.

  3. 3
    Maria Carmen -

    dott.Bersani le scrivo per i permessi usufruibili della legge 104. Io ho in casa una vecchietta abbandonata da circa 14 anni e non sono sua parente ma sono il tutore legale, accudisco personalmente l’anziana disabile grave e sono dipendente di ruolo presso un comune. Non posso usufrire dei permessi perchè non sono parente della disabile …le sembra giusto??? inoltre l’anziana è nel mio stato di famiglia ed io dichiaro i suoi redditi nel mio modello 730… la prego di riguardare in merito perchè non è giusto avere negato un diritto solo perchè la signora non è mia parente.La ringrazio anticipatamente.
    Maria carmen

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili