Salta i links e vai al contenuto

Sono solo, non ce la faccio più… vi prego aiutatemi

Ciao, ho 16 anni e sono solo. Ho avuto sempre qualcuno con cui uscire ma da circa un anno e mezzo non esco più di casa se non per andare a scuola. I miei mi danno addosso, mio fratello cerca di aiutarmi ma non comprende. Questo influisce sul mio rendimento scolastico e il mio comportamento. Scoppio a piangere in pubblico senza motivo, sono scontroso, ci sono giorni che non apro bocca. Ho bisogno di aiuto. A volte esco per giocare a calcetto ma me ne pento quando incontro i miei vecchi amici. Gia loro che mi hanno abbandonato e  che si prendono gioco di me. Nessuno mi calcola più ormai sono solo. Sono solo come un cane abbandonato in autostrada. Non ce la faccio più, ho voglia di morire. Vi prego aiutatemi.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

6 commenti a

Sono solo, non ce la faccio più… vi prego aiutatemi

  1. 1
    Rossella -

    Ciao,
    secondo me è semplicistico dire che ogni persona ha il suo carattere. Non è così. Esistono momenti della vita in cui si comincia a prendere coscienza del fatto che le persone che ci circondano possono avere esigenze diverse dalle nostre. Io, ad esempio, tutte le volte che mi trovo immersa in un’atmosfera sovrannaturale mi dimentico di tutte le cose che dico e che pure mi sembrano vere. Se fossi sposata avrei come la sensazione di non sentirmi unita a mio marito in un mondo in cui tutto ti porta a sentirti assorta, purificata, trasformata ed elevata. Mia madre, che ha una sensibilità abbastanza diversa dalla mia, me lo fa notare… senza capire che si tratta di una cosa che non dipende da me. Non sono cambiata. No, perché da bambina (e per una buona fetta della mia vita) sono stata sempre molto attenta a quello che mi veniva detto, molto diligente. Continuo ad essere assennata, ma riconosco di vivere momenti in cui sono assorbita da entusiasmi che sono sempre stati sopiti. Queste mode non mi consentono di realizzare l’ideale di vita soprannaturale che Dio propone per noi attraverso l’azione della grazia, della luce e dell’amore. Anche quando fai un progetto di tipo lavorativo hai bisogno di concretezza. Non ti puoi perdere appresso a questo e quello, ma ad un certo punto prevale la paura di esserti fatto prendere dal materialismo tante sono le attrazioni che offre il mercato. E’ come se qualcosa dentro di te ti dicesse che la vita è altrove.

  2. 2
    Rossella -

    PS Quando hai la fortuna(non so come chiamarla) d’innamorati di una persona che ti capisce (nel mondo di oggi) scopri il valore dell’incontro. Potete vivere nel mondo senza sentirvi schiavi del mondo. Ma nessuno dovrebbe sentirsene schiavo. Tutto quello che ti manca è superfluo… mettila così! Nel mondo è importante anche avere delle guide sensibili a questo discorso… altrimenti avremo la sensazione di non farne parte. Ma la loro vita non può assomigliare alla nostra perché tutte le volte in cui ti trovi in un contesto in cui esci da te stessa sei sola. Per questa ragione, pur amando la mondanità, da sposata non riuscirei ad essere molto mondana perché non riuscirei a ritrovarmi nella coppia che tutti vedono. Per me la coppia è un’altra cosa. Quindi non vedo perché mi dovrebbe offendere l’immagine istituzionale di una moglie che cammina separata dal marito. Perché dietro? Ripeto, ammiro le coppie che riescono a conservare l’equilibrio formale, ma questo è possibile quando la moglie ha un certo tipo di carattere. Una donna che non andrebbe mai a ballare, che non ama il mare, che patisce il sole, e così, via non avrà problemi a veicolare il positivo dell’immagine istituzionale. Ma il negativo (la vita della gente)sarà una prigione. Per questo ti dico io non mi ci vedrei in quella situazione. Si tratta di un vero e proprio palcoscenico in cui devi essere naturalmente seduttiva. Non siete una coppia. Per me è molto difficile accettare questo discorso sapendo a cosa vado incontro.

  3. 3
    Sasha -

    Per capire meglio la situazione:

    Perché i tuoi amici ti hanno abbandonato? Cosa ti dicono esattamente quando si prendono gioco di te?

  4. 4
    Christian -

    Per me sei depresso, non disperarti,vai in un CSM della tua città e chiedi di uno psicologo anche a me è successo FI rimanere solo a 16 anni, lo puoi superare, fatti aiutare è tutto gratis. In bocca al lupo

  5. 5
    Cico -

    Ridi di tutto ma fallo dentro di te. Pensa che chi sta male come stai male tu, semplicemente non fa parte del mondo, non accetta il corso degli eventi e il mondo con le sue sfaccettature. Noi esseri umani abbiamo una grande forza, possiamo adattarci e cambiare noi e chi ci sta attorno !!! Riformulati senza quei canoni che qualcuno tenta di imporre, soldi potere bellezza ecc…
    Crea quello che altri non possono e che fanno gruppo perché non vincono da soli come farai tu da subito e per tutta la tua splendida vita.

  6. 6
    Ludovicodiceprano -

    Grazie a tutti per i vostri consigli e la vostra comprensione, sono riuscito ad uscire da quella situazione. Vi sono grato di tutto

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.