Quanto ci vorrà per dimenticare?

di Sira

Ciao a tutti, qualche mese fa vi raccontai la mia vicenda, ma credo sia bene che ve la rammenti. Sono stata lasciata il giorno del 5°anniversario dal mio ragazzo, un ragazzo che conosco da quando avevo 12 anni, di cui mi sono innamorata dopo 5 anni di liceo insieme e per il quale ho lasciato il mio precedente ragazzo dopo 5 anni. Il nostro amore è nato sulle basi di un’amicizia e dopo un bacio è stato subito amore intensissimo, ci siamo detti di volerci sposare già da subito, l’intesa era perfetta, chi ci osservava dall’esterno provava invidia per la forte affinità e per quanto stessimo bene, emanavamo gioia, pochi litigi, pochi battibecchi, tante cose in comune, poi entrambi siamo due persone “particolari”, difatti avevamo un modo di parlare solo nostro, usavamo parole che noi avevamo inventato nei momenti scherzosi, l’intimità era pazzesca e credetemi insieme facevamo tutto, ci vedevamo ogni giorno, studiavamo insieme, ci vedevamo a pranzo, cenavamo spesso fuori, il dialogo era unico. Non ci sono parole. Finché.. è arrivato il momento di laurearsi, lui a dicembre, io a febbraio.. che dire, un momento stancante, soprattutto per me, in quanto ho dovuto un po’ “reggere” al suo stress per poi subire a mia volta lo stress per la mia laurea, nel frattempo lavoravo anche 8 ore al giorno, perché volevamo andare in vacanza insieme dopo tanti sforzi. Ammetto di avere avuto un periodo di stanchezza, durante il quale preferivo magari stare a casa, e purtroppo questa stanchezza ha inciso un po’ sull’intimità. Tra una laurea e l’altra abbiamo trascorso una settimana a Firenze meravigliosa, che ancora oggi sogno ogni notte. Dopo la mia laurea abbiamo prenotato le vacanze ed ero felice, felice di essermi tolta il peso della laurea e felice che finalmente avrei avuto del tempo per lui. E parlavamo di voler convivere. Poi non ho capito più nulla, da un giorno all’altro lui è cambiato, è diventato freddo, distaccato e parlava di dubbi sul nostro futuro, cosa che un mese prima immaginavamo quanto saremmo stati bene per tutta la vita. Il suo cambiamento è stato esponenziale finché ad una festa di un amico ha fatto che ignorarmi, davanti a tutti, basiti. Mi è crollato tutto, senza che nemmeno me ne fossi accorta, perché dopo quella festa è sparito per una settimana, nulla, silenzio totale, io in quei giorni non ho mangiato, non ho dormito, ho fumato fino a 2 pacchetti di sigarette, giorno e notte. Poi mi ha mandato un messaggio in cui mi diceva che dovevamo parlare per crescere come coppia. Ci siamo visti ed era il nostro anniverario, e lì mi ha lasciata. Mi ha lasciata dicendomi che era stanco, che il nostro approccio alla vita era troppo diverso. Non ci ho capito nulla, perché, vi ripeto, eravamo un’unica anima fino a poco tempo prima. Ma lo stimavo talmente tanto che non ho voluto ribattere, l’ho stretto forte e mi sono fatta riaccompagnare a casa, mi sentivo intontita, ubriaca. Poi ha avuto vari ripensamenti, mi ha cercata più volte dicendomi che ero la donna della sua vita, che aveva avuto un periodo buio, che si era perso, che non andava più d’accordo con la sua famiglia. Io l’ho sempre capito, e persino confortato, ci siamo rivisti un po’ di volte, ogni volta che ci rivedevamo si faceva l’amore, tornava la Nostra magia, ci si prometteva di voler tonare forti insieme e poi ogni volta lui spariva per giorni. Al che, dopo oltre un mese così, gli ho detto io di voler chiudere, perché non potevo più continuare a rimanere in sospeso. non potevo continuare così.
Io ho iniziato dopo un po’ ad uscire con un altro ragazzo, perché volevo dare un taglio, volevo chiudere con tutto e togliermi la possibilità di tornare indietro. Nello stesso momento in cui ho ripreso a sorridere un po’ lui è tornato, dicendomi di aver capito di aver fatto l’errore più grande della sua vita e che dopo esserci lasciati si era avvicinato ad una sua collega di lavoro, anche lei fidanzata, e che per il senso di colpa di averle tenuto la mano una sera lui si era comportato così, sparendo di volta in volta. Io non ci capivo più nulla, e scusatemi se mi spiego così male, fatto sta che dopo aver ammesso di aver commesso un errore e di aver cercato me in un’altra donna è venuto a casa mia, con i miei genitori presenti, e mi ha chiesto scusa, dicendomi che ero la donna della sua vita, che mi avrebbe sposato, e un sacco di cose che dopo mesi di incertezze mi nutrivano la speranza di tornare felice. Siamo stati insieme fino a tarda notte a parlare, a stringerci a baciarci. Poi lui è di nuovo scomparso e ad oggi ho saputo la verità: ha iniziato a tradirmi con questa sua collega già mentre stavamo insieme ed è per lei che mi ha lasciato, ed è di lei che tuttora è innamorato. È stato un colpo che non so se riuscirò mai a superare, sono come ipnotizzata ormai da mesi, mi sento stupida per non aver capito, stupida di non aver reagito, stupida di aver visto in lui l’uomo perfetto. Mi chiedo se mi riprenderò, se potrò mai vivere qualcosa di altrettanto bello o se passerò la vita a confrontare. Possibile che una donna estranea, per altro di 5 anni più grande, abbia potuto cambiarlo così? possibile che lui si faccia felice la sua vita con questa persona dimenticando la magia, l’amore, il rispetto, la complicità, l’ammirazione, l’affinità che avevamo? possibile che un’altra donna possa avergli fatto dimenticare tutto?Io riuscirò a trovare di nuovo la mia serenità? Rispondetemi, e ne sarò davvero felice. A distanza di mesi mi sveglio ancora con le lacrime agli occhi… Sarò forse tropo sensibile io?

  

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere attinenti a:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

Una lettera scelta dal caso proprio per te...

12 commenti a

Quanto ci vorrà per dimenticare?

Pagine: 1 2

  1. 1
    Daniela -

    ciao,ancora prima di aver terminato di leggere la tua lettera,avevo già capito,cosa gli era successo.
    per mia esperienza personale, quando una persona,inizia ad avere alti e bassi in questa maniera, o si è stancato,oppure ha un’altra relazione.
    è dura da digerire,e la cosa fa soffrire!
    la soluzione migliore per te,sarebbe : dimenticare, ma non di inizare ad uscire subito con un’altro…ma fare passare del tempo,concentrandoti su altre cose,interessi,amicizie..
    solo in questa maniera riuscirai a fare chiarezza con te stessa, e a dimenticare.
    DANI

  2. 2
    anonimous -

    No.Non sei troppo sensibile. Sei “solo” stata vittima di un colpo mortale. Non al fisico ma all’ anima.
    TRADITA. (Che parola terribile).
    VITTIMA DI BUGIE. (E non te lo aspettavi. Mai e poi mai da lui).
    PRESA IN GIRO. (Come una qualunque).
    Prendi atto, piangi quanto ti serve su queste verita’, vivi il tuo dolore di donna, di fidanzata, di essere umano.
    Troverai ancora la tua serenita’. Quando e come non te lo so dire. E’ diverso per ognuno di noi. I percorsi sono singoli ma la pace arriva.
    Fidati.

  3. 3
    Ely80 -

    Cara Sira, ti capisco perchè mi sa che ci è toccata la stessa sorte…almeno tu hai la certezza dell’esistenza dell’altra…io lo immagino ma non ne ho le prove e intorno (tra i suoi amici) trovo solo omertà. Sono convinta che c’è una via d’uscita e che il tempo ci aiuterà a superare questi momenti…
    Per me sono passati già cinque mesi, e inizio a stare meglio…ci penso ancora ma ho piano piano demolito quell’immagine idilliaca che mi ero costruita del mio ex, ho concentrato l’attenzione sugli aspetti oggettivi e quindi sono saltati fuori in modo evidente, tutti quei difetti che prima sottovalutavo! Alla fine mi sono resa conto che tutto sommato non era così speciale e che se non si è fatto alcuno scrupolo prima di farmi soffrire così tanto, allora è meglio perderlo per sempre! Non ti preoccupare…fai sempre del bene e vedrai che ne riceverai…se fai del male, aspettati qualsiasi cosa!
    Io dormo sonni tranquilli..vivi serena anche tu…
    Le cose non succedono mai per caso…sono convinta che ci aspetta qualcosa di più bello in futuro!
    Ti chiedi come può cambiare tutto così velocemente…come può una persona cancellare sentimenti durati anni in così breve tempo…me lo sono chiesta anch’io. Bene ti dico che probabilmente non era vero amore…ci assomigliava ma non lo era purtroppo!
    A posteriori posso dire che prima si scopre e meglio è…almeno adesso hai tutto il tempo per ricominciare. Io ci sto provando, coraggio!
    Ti mando un forte abbraccio

  4. 4
    Spectre -

    Sì sì guarda, è possibile tutto. Questo blog “maledetto” lo testimonia. Schifo, schifo e schifo. Anche se metà delle storie qui scritte fossero false, ne resterebbero cmq troppe di vere. Purtroppo è scritto nel cielo che quando le persone cambiano così, sono distratte da altri. È una regola base che solo pochissimi individui non rispettano in pieno.

    Sai cosa mi fa imbestialire, soprattutto se mi immedesimo in te ripensando a come pure io ero tanto inconsapevole? Questi personaggi che vanno e vengono, ti lavorano alle spalle come serpenti, ma poi fanno i dispiaciuti, o meglio i “complessi”, quelli “che devono capire”. Sapessi quante volte mi sono figurato “chi dico io” che mentre io non c’ero, faceva la cogliona col collega? Me la sono immaginata come la bugia fatta persona, meschina, falsa, ingobbita e con lo sguardo torpido mentre me la faceva alle spalle. Io che le chiedevo “tutto bene?” lei che rispondeva “stai tranquillo, passerà”.

    è come se continuassero a pugnalarti prendendo la rincorsa. Vengono, ti parlano negli occhi e ti piantano la lama nello stomaco, e si allontanano dispiaciuti… poi tornano con la rincorsa e di nuovo… andata e ritorno… parole, parole, parole, ripensamenti, dubbi che scaricano sull’altro che continua a guardarsi lo stomaco per capire se è vero che ha tutti quei tagli profondi. Come hai detto tu… ubriaca, intontita.

    Mi dispiace per te, la delusione è cocente, ma prima riuscirai a svestire quella persona dell’amore che le avevi messo addosso, prima starai meglio tu. ti consiglio di chiudere tutti i rapporti con lui per riflettere TE stavolta. Io ho passato mesi ad immaginarmela mentre mi pugnalava alle spalle mentre io ero in pensiero per la sua salute…

  5. 5
    Spectre -

    e aggiungo anche che mi ritrovo maledettamente nella vs. storia: durata similare, stessa frequenza e vicinanza tra noi, pure io e lei due “particolari”, linguaggio ns. e periodo di carico su tutti e due. solo che io mi sono fatto carico del mio e del suo come sempre, lei no. lei chiedeva, io davo. io chiedevo, lei non riusciva a dare perchè… fate voi un moitivo.

    lei appena ha cambiato aria, ha visto la porticina e ci si è infilata dentro “facendo ciao con la manina” a me che ero rimasto indietro, anche per mie colpe delle quali nn occulterò mai l’esistenza.

    purtroppo capita spesso, due paiono in perfetta sintonia, magari perchè sempre insieme e quasi in simbiosi, come se quel che eiste fuori potesse anche sparire… tanto io o te, tu hai me. poi uno dei due si accorge che così non è proprio sempre, si rompono degli equilibri e la coppia dimostra di non funzionare appena si propone ad uno dei due una novità di vita (lavoro, amicizie, nuova casa ecc…).

    il nuovo stuzzica cari, perchè è “giusto fare nuove esperienze”. lo dico con sarcasmo, pensando a quel “pulcino bagnato” che avevo al mio fianco, che quando ha avuto uno spiraglio per uscire dal cono d’ombra nel quale era tanto brava a far pena, ha spiccato un salto venendo a fare lezioni di vita al sottoscritto. non dimenticare, elaborara, RIelabora, perdona se senti si possa fare, assumiti tutte le tue responsabilità che avrai sicuramente come tutti. ma non dimenticare ed abbi dignità, evitando il più possibile di rifarti sull’altro con vendette che sono solo bassezze che ti portano al livello di chi non ha avuto rispetto per te.

  6. 6
    Credo -

    Ciao Sira,
    purtroppo l’unica cosa che non ti sei mai accorta e che è un ometto senza palle…
    mi dispiace per come stai, ma purtroppo è così, ci sono persone che si svegliano la mattina e ti trovano addosso tutti i difetti del mondo, magari il giorno prima ti hanno detto anche ti amo, ma poi..
    Dai, non buttarti giù, cerca di risollevarti, tanto vuoi o non vuoi, prima o poi la croce si calerà da sola su sta storia.. fidati.. ci vuole solo tempo.. e quando capirai che puoi ripartire, tutto ti risorriderà… e penserai a lui solo come un ometto senza palle…
    lo so che è difficile.. ma rialzati, sii sempre te stessa, e la splendida persona che sei, perchè chi soffre per amore, significa che ha veramente amato, quindi, sarai sicuramente una bella persona, e non rimproverarti di nulla, tu non hai colpe, ok?
    Le lacrime falle scendere fino a quando vorrano, poi si fermeranno da sole, perchè anche loro capiranno che è inutile bagnare il tuo viso per lui..

  7. 7
    Sira -

    Non sapete quanto le vostre parole mi facciano bene, continuate a scrivermi, ve ne prego, perchè solo per mezzo di altri mi accorgo che il presente ha un senso, mi sembra ancora così assurdo, siamo cresciuti insieme e mi ha fatto sentire una dea, per anni, come si fa a voltare le spalle in questo modo? Non capisco cosa provo, rancora, ira, tristezza, non capisco, ogni cosa che faccio mi fa pensare a quanto fosse speciale farla con lui, ed è sempre stato così, non soltanto ora che l’ho perso, ho solo avuto un momento di stanchezza, possibile che io l’abbia dovuto pagare così?Non riesco ad odiarlo eppure vi assicuro che è stato perfido, con quanta lucidità è tornato sui suoi passi,mi ha “provata” 2 o 3 volte per vedere se fossi meglio o no dell’altra, ed era lamia anima, come ha potuto?Come potrò io vedere del bene nelle persone che incontrerò, se la persona per me migliore è divenata così crudele? Era il migliore per me, in tutto, parlavo di lui a lavoro, con le amiche, con i miei genitori, vedevo in lui le qualità più belle, quelle che avrei voluto nell’uomo della mia vita. Lo avrei amato per sempre, e di questo sono certa, sono sempre stata certa, considerando che per lui avevo buttato via una precedente storia di 5 anni. Insieme io e lui abbiamo visto tante cose, abbiamo superato tante difficoltà,e ora parla di me quasi con odio,va dicendo che con me non si sentiva amato abbastanza e che io non ero una persona curiosa quanto lui, come potevo non essere curiosa che l’ho sempre coinvolto nelle cose più belle?Scusate la logorria, ma sono distrutta dentro, avevo impostato la mia vita su di lui, ora non ho più nulla e non so nemmeno più quali siano i miei interessi perchè per potermi laureare ho tanto lavorato, trascurando ogni passione.Vorrei tanto avere persone intorno che mi vogliono bene, non ho più alcuna stima di me stessa e per quanto tutti mi dicano che è lui che è stato uno schifoso,mi sento sbagliata,perchè sono stata brutalmente sostituita con una bruttona

  8. 8
    Sira -

    ..ps: di dove siete?

  9. 9
    Gian Luigi -

    “Credo”….. esistono ometti e donnette che non hanno la maturità di affrontare un rapporto di coppia. Non ritengo sia il sesso di una persona che faccia la coglionaggine. Mi dispiace dirlo quante persone sanno realmente cosa significhi amare? L’amore è un qualcosa che mai finisce…… se vi siete lasciati non avete mai amato, avete confuso il vostro sentimento con amare, ma era solo passione.

  10. 10
    Cristina -

    Ciao cara, leggendo la tua lettera sono rimasta davvero esterefatta, senza parole, non saprei davvero da che parte iniziare per dirti come la vedo, per dirti quale è il mio punto di vista! Una storia bellissima la vostra, fatta di tante piccole cose che rendono una coppia speciale! Posso capire benissimo la tua sofferenza e credimi nessuna può capire come me il tuo stato d’animo dato che ho vissuto più o meno anche io la tua stessa situazione. Posso capire come ti senti e nn voglio farti giri di parole assurde, voglio solo darti qualche consiglio che è stato di grande aiuto pure a me per superare una situazione molto simile alla tua! Inutile dirti che questo ragazzo si è comportato malissimo con te, non voglio stare ad elencare i suoi errori e i suoi mille sbagli. Voglio solo dirti che la vita va avanti, sei giovane e dalle tue parole si capisce benissimo che sei una ragazza intelligente. Hai un mondo davanti che ti aspetta, ancora tantissime esperienze da vivere, non buttare via del tempo per una persona che ti ha fatto soffire. Ci vorrà del tempo per riprenderti, forse anche mesi, ma credimi questa cosa ti aiuterà tantissimo, grazie a questa esperienza ti sei costruita una corazza che ti sarà di grande aiuto nella tua vita fututa. So che stai soffrendo tanto e non ci sn parole per consolarti, ma sono certa che con il tempo capirai quanto questa esperienze brutta in sè ti sia però stata di grande anzi no grandissimo aiuto. Cerca di andare avanti per la tua strada anche se so può essere molto difficile e le parole in questo momento contano davvero poco. Una persona come questo ragazzo non merita di certo la tua sofferenza. Ti parlo per esperienza, anche io ho vissuto una storia bellissima di 3 anni, fatta di momenti meravigliosi che erano solo miei e suoi. Ho dato tutta me stessa a questa persona, l’ho amato come mai avevo fatto ma purtroppo non è andata come speravo. A distanza di un anno ci sto ancora male, ma nn finirò mai di ringraziarlo, CONTINUO

Pagine: 1 2

Scrivi un Commento
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie.
Rispetta l’autore della lettera e gli altri utenti: resta in tema, non chattare, usa un solo nome, fai un uso limitato di abbreviazioni SMS e Maiuscole.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
I commenti sono pubblicati alle ore 2, 6, 10, 14, 18, 22.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

 caratteri disponibili

Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.