Salta i links e vai al contenuto

Pensieri in libertà di una comparsa

di

17 anni fatti da poco, famiglia borghese (stile mulino bianco), non mediocre studentessa del miglior liceo classico del veneto, frequenti crisi d’ansia dovute soprattutto alla scuola, disturbi alimentari quali anoressia e bulimia inizialmente intrapresi per pura omologazione alla massa delle coetanee alla continua ricerca della perfezione, istinti suicidi o comunque generale disinteresse alla vita (il mio obbiettivo è andare a dormire senza aver preso brutti voti e avendo visto meno persone possibili), cronico senso di inadeguatezza e sfiducia nell’amore. Proprio una botta di positività! Perché scrivo questo? Un po’ per noia, un po’ perché più disturbi acquisisco più riesco a riconoscerli negli altri…e vedo molti miei coetanei lottare contro i miei stessi mostri. Cosa vi abbiamo mai fatto? Mi rivolgo soprattutto agli “adulti”, a quelle persone che hanno un’età abbastanza superiore alla mia da considerarmi la “nuova generazione”. Perché ci state scaricando addosso tutto questo? La verità è che mi sento oppressa dalle altrui aspettative. Ci state lasciando un mondo distrutto da guerre, fame, crisi economiche di varie entità, sistemi politici antidiluviani, insomma tutte le vostre rogne passeranno a noi…e avete il coraggio di dirci che riponete le speranze in noi per risolvere tutto questo? Non vi è passato per la testa che questo mondo così mal ridotto non lo vogliamo? Tra poco sarò chiamata a votare…per cosa? Per mandare avanti questa farsa? Mi sento costretta dalle convenzioni… Da quando nel mio futuro ho intravisto la prospettiva del suicidio il mio mondo è cambiato, ora vivo con più serenità. Per ora faccio quello che posso, so che è importante lottare e lo faccio come rappresentante di classe, come vegetariana animalista e come sostenitrice di varie iniziative ma non riesco a sentirmi libera. Mi sento come Truman, chiusa in un mondo finto e costruito. Più studio il passato e più mi rendo conto che l’uomo fa sempre gli stessi errori e che nessuna morte ci ha davvero sconvolti. Nonostante siano morti grandi uomini il mondo ha continuato a girare, il sole a splendere e le persone a vivere le loro mediocri o esaltanti vite.

Scusate se questo testo non ha un filo logico, un senso, una coerenza…ma avevo bisogno di uno sfogo.

p.s. Ringrazio tutti coloro che hanno letto questo ammasso informe di pensieri senza giudicarmi troppo severamente.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

4 commenti a

Pensieri in libertà di una comparsa

  1. 1
    Rossella -

    Ti consiglio di farti tirae dentro al girone di demonizzazione della famiglia. Un plauso va alla fiction di Raiuno… dopo anni ho visto un uomo che si prendeva cura di una neonata! Questi uomini ci vengono presentati in maniera indegna… è una vergogna! Guarda: non ci potevo credere! Quando ho visto la scena del pannolino sono stata attraversata da un pensiero non bello e ho provato molta vergogna! Ormai siamo letteralmente bombardati da notizie che ci fanno dubitare della bontà genere umano. Non farti paralizzare, sii tenace e vedrai che ce la faremo!

  2. 2
    Raffy -

    È al suicidio che vogliono farvi arrivare. Se ci pensate anche soltanto vuole dire che stanno vincendo loro.Voi siete il nuovo ma vi fanno sentire schiacchiati da un passato che non vi appartiene ma così raggiungono il loro obbiettvo: VOI SIETE LA SPERANZA. È perché siete più forti di loro perciò vi fanno questo: vi riempiono di valori vuoti affinché le vostre vite diventino inutili. VOI SIETE IL NUOVO MONDO.

  3. 3
    rossana -

    Redhead,
    “Più studio il passato e più mi rendo conto che l’uomo fa sempre gli stessi errori e che nessuna morte ci ha davvero sconvolti.” – l’uomo vive per amare oppure per uccidere. sembra quasi prevalere la seconda, se si considera che i governi investono in media 12 volte di più in armamenti rispetto a quanto dedicano a sconfiggere la fame nel mondo.

    si sta distruggendo l’equilibrio del pianeta. quando finirà la risorsa del petrolio, che non potrà durare per sempre, la terra e i suoi abitanti muteranno di nuovo, chissà come…

    è vero che i giovani sono la speranza per il futuro ma è vero anche che chi detiene il potere (soprattutto economico) s’ingegna al meglio per stroncarli sul nascere (ora come in passato). qualcuno, però, come sempre, sfuggirà al controllo e indicherà prima o poi la giusta strada per evolvere in positivo, a beneficio di tutti. non disperare e cerca di fare la tua parte, per quanto ti è possibile.

    anche se le famiglie borghesi si ammantano di bianco più di quanto immacolata sia in effetti la loro realtà, in esse persiste qualcosa di positivo! ritieniti fortunata a essere nata in quel contesto anziché in un Paese in cui si muore di fame. hai fin d’ora molte possibilità da sfruttare in più rispetto ad altri!

  4. 4
    Redhead -

    Raffy grazie , mi sento capita ^^

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.