Salta i links e vai al contenuto

Pausa di riflessione dopo 5 anni insieme

Salve a tutti, sono 13 giorni che il mio fidanzato dopo quasi 5 anni insieme mi ha chiesto una pausa.. Tutto è iniziato all’improvviso un giorno stavamo bene e il giorno dopo crisi. Vi racconto, premetto che lui è un tipo introverso e solitario e non gli piace molto parlare dei suoi problemi e preferisce risolverseli da solo.  Era un mercoledì, lui è stato a fare lezione all’Università tutto il giorno quando è tornato la sera mi ha detto che era nervoso e che non gli andava di parlare io ho capito e l’ho lasciato stare, il giorno dopo uguale era sempre nervoso e voleva starsene da solo io non riuscivo a capire gli chiedevo se c’era qualcosa che non andava con me ma lui mi ha detto “sono nervoso in generale non è per te è che non mi va di fare niente in questi giorni ” quindi l’ho lasciato stare, il venerdì stessa storia solo che nnm ce l’ho fatta più e gli ho detto che mi stava facendo stare male, quindi la sera mi ha chiamato e mi ha detto che ha bisogno di una pausa, che vuole stare da solo per chiarirsi e riorganizzarsi le idee e che io non gli do lo spazio che gli serve (ha ragione perché io sono una molto ossessiva, gelosa e paranoica) mi ha detto che studia tanto e che non ce la fa più… Siamo rimasti che si farà vivo lui quando è pronto e che fino a quel momento di non cercarlo.. Io non so che pensare.. Sarà solo un momento di stress? Andava tutto bene il sabato prima siamo stati tutto il giorno insieme e siamo stati benissimo.. Comunque non ha nessun’altra di questo sono sicura

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

38 commenti a

Pausa di riflessione dopo 5 anni insieme

Pagine: 1 2 3 4

  1. 1
    Confusa30 -

    non ti ama piu’ e non ha le palle di dirtelo

  2. 2
    Rossella -

    Mi considero una persona abbastanza emotiva, quando un uomo mi domanda una cosa di questo tipo mi dimostra di non avermi conosciuto e quindi di non amarmi. Ci sono situazioni imbarazzanti, o troppo compromettenti, che secondo gli antichi si sarebbero potute risolvere solo per intervento dell’Altissimo. Nel linguaggio gergale sopravvivono alcuni arcaismi che continuano a fare luce sui nostri limiti. Limiti una volta ritenuti invalicabili. Nella vita si possono incontrare tante persone che possano corrispondere la natura del tuo amore per un fatto innato, ma ogni persona istaura con te un rapporto diverso. La mancanza di dedizione si sente, ma non si vede… perché una persona poco presente (o poco collaborativa) ti può garantire la giusta protezione, il sostegno e l’amore di cui hai bisogno nonostante i contrasti. Non bisognerebbe essere troppo materialisti, e giudicare le persone solo in base a quello che si vede. Tante volte abbiamo una smodata fiducia in noi stessi e tendiamo a cedere al vittimismo. Ti parlo dei casi in cui si manifestano delle incomprensioni che portano a stare su posizioni opposte: anche questo è amore (volere il vero bene dell’altro). Le intenzioni sono insondabili. Più complicata è l’amicizia tra un uomo ed una donna. Le prime amicizie, soprattutto in Italia, dove la vita delle persone ruota intorno alla famiglia, ti potrebbero spersonalizzare. Ti trovi davanti a qualcuno che non è il tuo fidanzato, ma tende ad instaurare con tutti rapporti di assoluta complicità, ma nel suo cuore ti resta devoto come un fratello. Le persone che mi hanno voluto bene mi hanno vista più come una sorella che come una compagna… questo ha fatto nascere dentro di me il desiderio di divertirmi. Si tratta di un fermo proposito. Uscire, viaggiare, vivere la vita in tutte le sue forme. L’amore di un uomo non m’interessa… ho bisogno di punti fermi e questi li trovo nel mio cuore. Secondo me è assolutamente possibile vivere la castità fuori dalle mura di un convento.

  3. 3
    Nicola -

    Se non voleva parlare del suo disagio hai fatto male ad insistere, a quel punto “la pausa di riflessione” e’ diventata una scelta obbligata.
    Lo capisco, non sempre e’ possibile sfogare le proprie preoccupazioni, si rischia di ammorbare chi ci sta accanto, oppure di non essere compresi, di non riuscire a dimostrare le proprie ragioni o semplicemente non conviene farlo, punto.
    Dicendogli che ti faceva star male hai aggiunto un altro peso al suo fardello.
    Se ti interessa veramente il suo amore, rispetta la sua personalita’, digli che in qualsiasi momento puo’ contare sul tuo aiuto se lo desidera, lascia che sia lui a cercarti e soprattutto non sollecitare il dialogo attraverso azioni indirette, come ingelosirlo, denigrarlo e qualsiasi altra pressione che porterebbe alla luce la tua intolleranza verso la sua natura.

  4. 4
    Qwert993 -

    Grazie Nicola hai centrato il punto, volevo aggiungere che questo per lui è periodo di esami… Ho capito i miei sbagli e vorrei tanto dirglielo ma purtroppo devo aspettare che si fa vivo lui, la mia paura però è: si farà vivo?
    E aggiungo che nell’ultimo periodo io stavo attraversando un periodo difficile e perciò lo cercavo sempre ma lui doveva studiare quindi mi sentivo sola e più mi sentivo sola più volevo attenzioni da lui che non poteva darmi…Spero che torni io lo amo tantissimo :( ho scoperto anche da un amico in comune che lui ha riniziato a fumare e aveva smesso da 1 anno..

  5. 5
    Yog -

    Diciamo che le “pause di riflessione” sono, per una relazione, l’equivalente della somministrazione di una forte dose di midazolam. Non trovo immagini migliori per rendere l’idea.

  6. 6
    Golem -

    Alé un’altra che non capisce.
    La pausa di riflessione è il solito escamotage per non dire “è finita”. Un arcaismo gergale, come dice un’altra autorevole utente.
    Io peraltro non sarei così sicurissimo che non ci sia un’altra all’orizzonte. Tu non ci sei più di sicuro, e forse dovrai vivere per un po’ la castità fuori dal convento. Sempre che tu non sia una Carmelitana.
    Coraggio, che dire, non scoraggiati.

  7. 7
    Qwert993 -

    Sono sicura che non ha nessuna perché me lo ha detto tante volte anche mentre mi ha chiesto la pausa. Lui si fida ciecamente di me (come mi ha detto) e io di lui e lo conosco bene e so che non è ne stupido ne un bambino che non ha il coraggio di dire le cose. Mi ha detto solo che vuole un pò di spazio e io purtroppo prima non riuscivo a dare perché sono molto insicura quindi mi ha detto che per questo è costretto a chiedere la pausa

  8. 8
    Nicola -

    tranquilla che torna, cinque anni non si dimenticano tanto facilmente e se fino a pochi giorni fa siete stati bene insieme non c’e’ motivo di cambiare idea in modo cosi’ repentino.
    Sara’ lui a cercarti non appena avra’ recuperato la energie.

  9. 9
    Golem -

    Ok. allora aspetta.

  10. 10
    Vic -

    Anche a me la mia prima ragazza
    aveva chiesto una pausa di riflessione…
    Indovinate come è finita la storia?

Pagine: 1 2 3 4

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.