Salta i links e vai al contenuto

Orientamento sessuale e identità di genere, un po’ di confusione

di

Mi chiamo Alessandra e ho 18 anni (quando scrivo su internet, tendo a scrivere in maniera che non si capisca se sono maschio o femmina, così non mento dicendo di essere maschio, ma lascio il dubbio. Cosa  che oggi non faccio per ovvi motivi). Fino a qualche anno fa, credo 5, ero convinta di essere etero. Non sono mai stata una persona molto femminile, ma diciamo che negli anni la cosa è andata intensificandosi, e ora mi sento completamente a mio agio quando indosso abiti maschili. Per le persone che mi circondano è tutto normale, sono una persona abbastanza particolare, sia per il modo di pensare, sia per il modo di comportarmi. E’ il mio modo di essere insomma. Spesso la gente mi prende per lesbica, ma io non ritengo di esserlo, anche se ora ho qualche dubbio. Sono stata con un ragazzo per quasi tre anni, è stata l’unica persona con cui abbia fatto sesso. Il sesso non mi piace, non so se perchè non mi piacciano le parti intime o che altro. Ho creduto di essere asessuale, ma provando comunque eccitazione a volte, ci ho ripensato. Poi ho capito che queste erano solo etichette di cui non avevo bisogno, e che avrei dovuto fare quello che mi sentivo e basta. Se devo scegliere, comunque, scelgo un ragazzo, ma forse solo perchè non ho provato nemmeno mai a baciare una ragazza. In ogni caso ho sempre trovato i maschi attraenti, le ragazze no. Ma in questi giorni un dubbio mi attanaglia. Non capisco se per i ragazzi provo semplice attrazione, oppure anche una sorta di invidia. Mi sono trovata a riflettere su questo e ho iniziato a collegare un po’ di cose. Nel mio corpo non mi sono mai trovata troppo a mio agio, ma questo credo sia un problema che riguarda la maggior parte delle adolescenti. Non sono nè magra nè grassa. Ho creduto che il mio problema fosse che non mi vedevo bene, così ho provato a dimagrire. Sono andata dal dietologo, ma dopo un po’ di mesi ho smesso e ho capito che mi andavo bene per quello che ero, che se avevo voglia di mangiare qualcosa non me ne sarei privata. Forse questa volontà di dimagrire mi era stata inculcata dal mio ragazzo dell’epoca, che era proprio fissato. Il fattore di disagio che ho individuato sono le forme. Sono bassa di statura, 154 cm, e ho una terza di seno, ho i fianchi ecc. Questa cosa contrasta troppo quando mi vesto con abiti maschili, io odio questa cosa. Non è questione se ho un chilo o due in più. Il fatto è che si vede che ho il seno e la maglia non è piatta. Ho i fianchi, e la maglia vi si appoggia. Uso abiti larghi per ovviare alla cosa, ma comunque si vede. E’ una cosa normale, ma a me infastidisce. Non sono mai stata troppo in confidenza con il mio corpo, e se non lo ero io, non potevano esserlo nemmeno gli altri. Mi vergogno ancora se la mia famiglia mi vede nuda. Mia sorella e mia madre non si fanno problemi con me, non capisco perchè io sì. Inoltre ho sempre invidiato mia sorella perchè praticamente non ha seno. Ho evitato come la peste le maglie scollate fino a qualche anno fa, non che ora le indossi tutti i giorni, anzi. Qualche anno fa ho rasato i capelli, li adoravo, anche se non ero convinta che mi stessero troppo bene perchè ho un viso abbastanza tondo, dolce diciamo. Un ragazzo in classe con me mi aveva detto che li avrebbe voluti anche lui in quel modo, in quel momento mi sono sentita come se avessi una cosa da maschio che mi piaceva, ma che non potevo permettermela in quanto femmina. Questo sentimento vale un po’ per tutto. Forse per questo continuo ad alternare periodi in cui mi sento bene in abiti meno maschili (anche se quando mi vesto così è come se fosse una sorta di traslazione di un look maschile in uno femminile) e periodi in cui mi vesto proprio con cappellino, maglia larga ecc. Una cosa che è molto in contrasto con tutto ciò è il mio viso e il fatto che mi trucco. Mi piace il trucco, anche se è sempre qualcosa che si vede poco o comunque naturale. Anche se non ho problemi a rimanere struccata. Spesso il mio modo di agire è pari a quello maschile, o almeno, vorrei, ma essendo ragazza so che non risulterebbe come vorrei che fosse. Nella mia testa è un po’ tutto diverso. Sono confusa. A volte mi accorgo davvero di desiderare di essere un maschio, poi ci ripenso e dico che sono solamente un maschiaccio, tutto qui. L’altro giorno sono capitata sulla pagina youtube di un ragazzo ftm e ho ricominciato a pensare. Forse perchè sono in uno di quei periodi dove mi sento proprio più maschile. Forse mi sento un po’ così e un po’ cosà e basta. A volte, quando mi metto un po’ carina, mi piace, ma al tempo stesso mi sento anche un po’ fuoriluogo. Non cerco etichette, cerco solo di capire cosa voglio e cosa sono, ma è difficile. Se la situazione non passerà magari andrò da uno psicologo. Nel frattempo chiederei un parere, un consiglio, una testimonianza se qualcuno ha vissuto o sta vivendo la stessa confusione. So che ho scritto tanto, ma in realtà non ho detto nemmeno la metà delle cose. Mi scuso anche se non è chiaro il mio discorso, ma non o tempo di rileggerlo e rielaborarlo perchè devo studiare…

Vi ringrazio in anticipo C:

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

10 commenti a

Orientamento sessuale e identità di genere, un po’ di confusione

  1. 1
    Cassandra -

    Cara Alessandra, fai come ti senti, quando ti senti di farlo, senza porti troppe domande!
    Se ti innamorerai di una ragazza te ne accorgerai e così se accadrà con un ragazzo.
    La vita è talmente meravigliosa che non ha senso sprecarla chiedendosi cosa vogliamo essere.

    SIAMO quel che siamo e fine!

    Ti abbraccio forte!

  2. 2
    nevealsole -

    Ciao, ho 23 anni e quando avevo la tua età (cioè non molto tempo fa!) mi è successa la stessa cosa. Siccome mi faceva schifo il mio fisico – mi vedevo troppo formosa e con il seno troppo grande – ho iniziato a mascherarlo vestendomi da maschio. Infatti credevo che un maschio con un fisico poco bello fosse più socialmente accettato rispetto a una ragazza con il fisico altrettanto imperfetto. A quel tempo mi credevo bisessuale, in quanto credevo di “non meritare” il rapporto sessuale con un uomo, che secondo le mie idee non sarebbe mai voluto stare con me. Ti dico che era un periodo di grande confusione e io pensavo che la mia tendenza fosse dare piacere alle donne, quelle che credevo “meritassero” di esserlo, perché belle.

    A distanza di tempo io ho ancora i capelli corti e mi piace vestire non da maschio ma, diciamo, non elegante. Sono sportiva e quando dimagrisco e mi diminuisce il seno mi sento meglio. Tuttavia mi trucco e non faccio nulla per sembrare maschio. Mi piacciono solo gli uomini. Però ti dico che qualcosa di quel periodo mi è rimasto… Diciamo, problemi nell’intimità con un uomo. Aggiungo che ho un conflitto eterno di amore-odio con mia mamma, la quale non ha mai accettato che io avessi relazioni sessuali dai 17 anni dandomi, praticamente, della put****. Capirai che non posso scendere nei particolari, ma se vuoi scrivermi ti lascio la mia mail

    P.S. Non hai nulla di sbagliato e tutto si risolverà con il tempo. Sono anni di battaglie.

  3. 3
    Sofia -

    Cara ragazzo..ragazza…insomma un po tutti e due…!sei un bel miscuglio di cose….e ti credo che stai male e sei in crisi!
    Mi spiace molto…perché questa è una cosa molto delicata..riguarda il proprio essere e l’accettazione di sé in particolare l’accettarsi VERAMENTE cioè anche quello che in fondo noi sappiamo ma non vogliamo nemmeno sentire o pensarlo minimamente…

    Mi ricordi la sorella di un mio amico…anche lei era in crisi totale e non accettava per nulla l’idea di essere LESBICA…esattamente come te..perché tu lo sei benissimo dentro di te,ma non lo vuoi accettare e riconoscere…e finché tu non lo avrai fatto questo passo tu starai sempre male e sarai sempre in crisi! Cerchi di convincerti che ti attirano i ragazzi….ma non e’cosi! Hai solo paura di questa cosa …le basi le hai gia tutte ..

    * non sei mai stata molto femminile anzi fai di tutto per sembrare un uomo(vestiti da uomo e addirittura ti sei rasata i capelli e ti piacevi pure…cioè rasarti a zero…una donna rasata è orrenda…è il massimo del minimo per una donna rasarsi! Ricordo ancora le critiche dei mie amici maschi….alla sorella di questo qui…rasata era orrenda! Anche un bel viso si rovina totalmente con questo gesto..I capelli lunghi farli crescere e curarli e il seno….metterlo in mostra con scollature sono due cose FONDAMENTALI CHE UNA DONNA FA…UNA CHE SI AMA COME DONNA E SI VEDE COSÌ… Tu distruggendo queste cose ….appunto rasarti e nascondere il seno da sola ti sei già data la risposta! Capisci? Distruggi le cose più belle e femminili di una donna…proprio perché tu non vuou esserlo e sempre di più cerchi di manifestare quello che senti..e cioè che ti senti uomo..ed è ovvio che il sesso non ti piace…

    Hai già tutto e tutte le basi…provassi a baciare una ragazza o a farci qualcosa insieme avresti la conferma finale di tutto quello che sai già ….ma non hai il coraggio di ammettere……..trova te stessa ok?

  4. 4
    Sofia -

    Cassandra scusa se te lo chiedo..ma come fai a scrivere una bestemmia simile? E non mi riferisco al tuo commento assolutamente ma all’ultima tua frase…

    “La vita è talmente meravigliosa…” …scusami ma quando sento queste bestemmie mi si rivolta l’intero stocamo!!

    Cioè ma te…dove vivi? In che mondo?….meravigliosa..
    La vita?…

    La vita è merda….è schifo…è orrore e inferno!…ecco cosa è! ….

    Non devi aver preso tante batoste nella vita e aver tanto sofferto vero cassy? …si vede…ne sono felice per te…ma ricordati che anche se uno la vita non gli ha mai dato bastonate e quindi non e’mai cresciuto….se uno è un po intelligente e ragiona un po o si guarda intorno ..capisce che dire che la vita è meravigliosa è solo una bastemmia!
    Cerca di aprire un po gli occhi cassy…e lo dico per te…
    Non è conveniente dire ste stronzate di frasi in giro con tutta la gente che sta male e soffre e con tutto l’orrore che succede…..
    Forse dovresti crescere un bel po he ragazza..

  5. 5
    Cassandra -

    @Sofy
    di batoste ne ho prese a iosa!!! A cominciare dalla mia infanzia, che è stata pesante, dura.
    Ma proprio grazie alla durezza della mia vita che mi ha lasciata spesso in braghe di tela, come si suol dire, oggi apprezzo il poco, la semplicità, le piccole cose.

    Le brutture sono nell’animo umano, sta a noi rimediarvi ed io cerco di rimediare il mio… così facendo riesco ad apprezzare tutto ed a scorgere un disegno intelligente nel mondo.

    La sofferenza, haimè, è una scelta dell’essere umano. Ci scriviamo una lettera? :))))

    Ma per capirlo, prima, bisogna soffrire fino a toccare il fondo.

    Io quel fondo l’ho toccato e son risalita.

    Auguro a tutti di avere questa forza.

    Un abbraccio.

  6. 6
    Alex182 -

    Prima cosa vi ringrazio per le risposte e mi scuso se rispondo un po’ in ritardo, sono stata un po’ presa con la scuola…
    Diciamo che il mio orientamento sessuale è la cosa che mi importa un po’ meno ora, perchè sto cercando di concentrarmi sulla mia persona.
    In questi giorni ho pensato molto e mi sono resa conto di pensare da molti anni al fatto che vorrei potermi vestire in un certo modo (nel senso maschile), ma il mio fisico me lo impedisce, non per un fatto di peso, per un fatto di forme. Il risultato non mi piace affatto.
    Ho chiesto anche ai miei amici come fossero i miei atteggiamenti ecc. e il risultato è che sono diversa dalle altre ragazze, che certo, qualcosa di femminile ho, ma per come penso, come agisco, non proprio. Ho pensato a tutte le volte che avrei voluto fare qualcosa o comportarmi in un certo modo, poi immaginavo una ragazza che faceva così e mi dicevo che era una cosa che non centrava nulla. E’ come se avessi un grosso freno che mi limita ad agire come vorrei.
    Anche quando guardo un film mi immedesimo sempre nella figura maschile.
    Noto un sacco di cose ed è come se finalmente avessi aperto gli occhi e lo avessi ammesso, ma al tempo stesso mi chiedo sa non mi stia sbagliando. So che dovrei fare quello che mi sento e basta, ma non sopporto quando si fa tanto rumore per nulla, perciò vorrei avere la certezza. Nel frattempo voglio dimagrire, per diminuire le forme, e settimana prossima mi taglio i capelli. Voglio provare a liberarmi da questo freno e vedere come va.

  7. 7
    Sofia -

    La prova che ti darà la conferma di tutto sarebbe stare con una ragazza…o provare ad avere un contatto con lei…
    Allora vedi che così ti toglieresti ogni dubbio….e con il cavolo che torneresti con gli uomini…..

    Siamo in una società cattiva…ma ricordati Alex..spero che tu questo che ti dico non lo dimentichi mai…

    Tu starai meglio solo quando avrai accettato e riconosciuto TU STESSA nella tua anima di essere lesbica…chiedi continue conferme agli altri e a te stessa per sviare a ogni costo questa cosa ma sai benissimo nel tuo cuore che è così. .hai solo bisogno di una spinta..o metterti in una situazione particolare…ed esempio stare da sola con una ragazza Che hai già visto…che ti piace…e poi vedrai che tutto verrà fuori…in modo naturale in te..tutte le sensazioni..e capirai e accetterà i finalmente allora….

    Non sei un mostro! Ne te ne i gay!
    Siete persone normali…solo che avete una preferenza sessuale diversa…perché vivete in un corpo che non appartiene e rispecchia la vostra anima….

    Ma non sentirti mai fuori luogo o diversa…sei un brava ragazza….e spero che almeno con tua mamma tu abbia risolto …per quell’altro probblema ..

    Non vergogniarti mai di come sei…
    Ciao..

  8. 8
    Anna -

    cara alex182 io penso che si, qualcosa che ti tormenta c’è. io penso che tu abbia bisogno di tempo per capire realmente CHI sei e successivamente COSA vuoi.
    un ragazzo che conosco ci ha impiegato 20 anni per ammettere al mondo di essere gay, le sue paure erano le piu comuni… l’impatto con la famiglia, l’ambiente circostante, gli amici… ma poi si è liberato di questo peso e ha cominciato a vivere la sua sessualità in modo naturale… non cadere nello stesso errore, lui ha perso tanto tempo (e poi finalmente ce l’ha fatta) prova a parlarne in famiglia, se lo ritieni opportuno vai da una psicologa che sicuramente ti aiuterà, ma non reprimere i tuoi sentimenti, le tue emozioni più intime.
    in bocca al lupo e facci sapere come va!

  9. 9
    Cassandra -

    Alex, secondo me fai bene a provare. D’altronde per capire la nostra strada dobbiamo provare a prenderne una e poi ad andare per esclusione.
    :)
    Ciò che conta è che tu non abbia ansie… ma mi pare che non ci sia pericolo.
    Buon cammino!

  10. 10
    Alex182 -

    Grazie Sofia per l’interessamento… Non ci ho più parlato in realtà. So che i miei hanno parlato, ma comunque non con me. Lo farò, perchè è la cosa più sensata che possa fare, e anche a breve.
    E’ che ho 84375394 cose che mi frullano per la testa, ma ora sono tranquilla e sto prendendo in mano la situazione, o le situazioni.
    Per quanto riguarda il fatto di provare con una ragazza, ci avevo già pensato tempo fa. Un’occasione mi si era anche presentata, solo che io ero fidanzata e nemmeno ci avevo pensato. Ora sono amica da qualche anno di questa ragazza, ma ora si è fidanzata hahaha. In ogni caso credo che prima di riuscire a rapportarmi con gli altri devo sentirmi bene io ed essere ciò che voglio, ciò che sono.
    Anna, io non ho troppi problemi con il giudizio degli altri, me ne è sempre fregato poco e niente. Se fossi lesbica non ci sarebbero problemi, ho anche un sacco di amici gay e lesbiche. E anche la mia famiglia accetterebbe, anche perchè io sarei sempre la stessa.
    grazie anche a te Cassandra per il sostegno!
    Domani vado a tagliare i capelli! Pensavo di aspettare fino a martedì, ma domani c’è la festa di una mia amica e io ho intenzione di essere fuori ciò che sono dentro.
    L’altra sera ho provato a fasciarmi il petto e mettere una maglia e, wow, mi sono sentita benissimo. Se non avessi i fianchi che rovinano l’effetto…
    In questi giorni non mi sto nemmeno truccando, e magari sembro un zombie, ma oggi quando ho provato a mettermi l’eyeliner mi ha fatto un effetto strano. Ormai è come se piano mi stessi liberando da certe cose “da ragazza” che in realtà non sentivo mie. Alterno momenti sempre più frequenti in cui sono sicura di essere in un corpo femminile che non è il mio, che non voglio, a momenti in cui mi sembra tutta una parvenza e in realtà sono tutte mie paranoie. Poi penso che comunque se non ci fosse un fondo di verità certe cose non mi verrebbe nemmeno da pensarle.
    Credo di aver ripetuto le stesse cose per l’ennesima volta…

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.