Salta i links e vai al contenuto

Obama, i Fratelli Musulmani e la DC

America, geopolitica, religione e guerre. America, geopolitica, religione e guerre. La guerra in Egitto potrebbe essere la conseguenza di una diversa politica estera americana?

Io faccio parte della generazione post-bellica che si è divisa nella contrapposizione politica tra due grandi insiemi di pensiero, uno dei quali filo-USA e l’altro anti-USA.

Probabilmente queste furono le due categorie che dettero origine al dualismo che si è protratto, in Italia, dai tempi della Costituente fino al crollo del Muro di Berlino ed il conseguente dissolversi dell’impero Sovietico.
La politica Italiana della seconda metà del novecento, per quanto caratterizzata da una miriade di partiti, è stata sostanzialmente monopolizzata da due formazioni: la DC e il PCI.
Personalmente ritengo che nel dopoguerra Italiano ci fossero tutte le condizioni necessarie e sufficienti affinché il Partito Comunista Italiano prevalesse.

Probabilmente ciò avrebbe significato una tragica adesione al Patto di Varsavia ed una sottomissione all’URSS che gli italiani avrebbero pagato assai cara. Da quella terribile prospettiva fummo salvati da De Gasperi e dalla DC, ma soprattutto dalla politica estera degli USA, dal piano Marshall e dagli interventi geo-politici dell’America. Ma questa è un’opinione personale…

Il sistema cominciò a vacillare già alla fine degli anni ’60. Tutti quelli che come me erano adolescenti o ventenni nel ’68 ricordano le polemiche contro gli USA definiti “guardiani del mondo”, ricorderanno anche le polemiche sull’interventismo Americano, la guerra fredda, la guerra del Vietnam, la crisi dei missili a Cuba e cose del genere.
A quei tempi, nel primo dopoguerra, gli Americani non si fecero scrupoli nell’appoggiare partiti laici anticomunisti collegati e rafforzati dai rapporti con la religione Cristiana ed in particolare con il Vaticano, come la DC in Italia ed in Germania.
In sostanza allora la politica estera Americana era caratterizzata da una certa disponibilità, per evidenti interessi di stabilità e per favorire l’affermazione dell’occidente rispetto alle altre grandi potenze mondiali (segnatamente URSS e Cina), a controllare e condizionare, con la propria influenza militar- politico-economica, le sorti del mondo intero.
Già da tempo (ed in particolare dopo il crollo del muro) l’interventismo americano, anche per motivi di bilancio, si era notevolmente ridimensionato.

Obama, con tutta evidenza, ha introdotto una nuova visione del mondo e, sia pur con la mano molto più leggera, ha reinterpretato la politica estera del passato.

In modo molto più democratico, molto più “liberal” e molto meno oneroso per le tasche dei contribuenti USA, Obama ha “rispolverato” in qualche modo un interventismo a livello mondiale la commistione fra religione e politica, sdoganando l’influenza politica delle religioni Islamiche.

La politica estera americana negli ultimi anni ,se non ha appoggiato, ha quanto meno smesso di osteggiare i partiti politici connotati da una precisa estrazione religiosa come i “Fratelli Musulmani” e tutti i movimenti di “liberazione” del mondo Islamico che sembravano essere destinati alla affermazione di regimi democratici.
Nei confronti delle proteste e delle agitazioni, cominciate alcune già durante l’inverno 2010/2011 e in parte tuttora in corso (in Egitto), nelle regioni del Medio Oriente, del vicino Oriente e del Nord Africa l’America ha risposto talvolta con distacco talaltra appoggiando le rivolte popolari, altre volte ancora lasciando che le rivolte venissero soffocate nel sangue dai regimi islamici.

Prima l’indifferenza rispetto a quanto avvenuto in Tunisia, poi l’intervento in Libia, quindi il mancato intervento in Siria, per terminare con la improvvisa rinuncia a sostenere Mubarak che ha favorito, nella sostanza, il temporaneo affermarsi di un regime islamico in Egitto.
A ben vedere questo tipo di politica estera non è molto diversa da quella che, alla fine della II guerra mondiale ed ai tempi della guerra fredda, si chiamò “dottrina Truman” una politica che si avvaleva dei sostegno a partiti confessionali del dopoguerra, solo che in quella occasione l’appoggio fu riservato a partiti (come la DC in Italia) laici ma che si richiamavano alle radici del Cristianesimo.

Oggi la “non opposizione” è riservata a partiti confessionali legati a doppio filo alla religione Islamica.
A giudicare da ciò che sta succedendo in Egitto, in Libia, In Siria e in Tunisia parrebbe di poter dire che la “dottrina Obama” non è altrettanto efficace ai fini della pacificazione mondiale.
Staremo a vedere…

Alessandro Tantussi

L'autore ha scritto 7 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Mondo - Riflessioni
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

23 commenti a

Obama, i Fratelli Musulmani e la DC

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Diego -

    Washington, o per meglio dire Satana il “liberatore”, sponsor ufficiale della prostituzione globale in ogni senso, sogna un mondo di meticci effeminati e di amazzoni guerriere con lingua autoavvolgente da camaleonte, ma purtroppo per il signore ed i suoi sioni cefalopodiformi popolari rampanti, l’Islam è un po’ come in Tao Te Ching, difficile da sradicare per istaurare l’ipotetico impero demoniocratico mondiale.

    Allora inventa le torri gemelle, le primavere arabe, i fratelli Musulmani di Iside, le teste tagliante in mondovi-sione e magari anche le calze a rete per liberare le povere donne oppresse dal burka ed incanalarle tutte ai mestieri di cospicuo e facile guadagno, ovviamente per riscattare ed autodeterminare la loro vera e nobile identità.

    Ma ho come l’impressione che con 50 milioni di Islamici infiltrati nei suoi liberati territori, lo zione Sem se la vedrà molto amaramente nei prossimi anni, ovviamente insieme ai perversi sudditi. Donald Trump risolverà tutto, guardate.

  2. 2
    maria grazia -

    Diego, che sei un talebano lo avevamo già capito. Non c’è bisogno che lo vieni a dichiarare chiaramente!

  3. 3
    Golem -

    Professor Yog, lei riesce a fare un quadro clinico del soggetto attraverso l’interessante visione che lo stesso ha espresso nel post numero 1?
    Io come “quadro” ci vedo un dipinto di Hieronimus Bosch stampato su un poster.
    E saranno questi che daranno prima o poi l’ardua sentenza del soggetto in parola.

  4. 4
    Diego -

    2
    maria grazia – 21 maggio 2016 14:59

    :) Grazia, vuoi sempre immaginarmi come un agnellino tu, sei gentile.

    Il quadro clinico dell’Occidente è molto chiaro, dottori miei… dovtrete togliervi il candido camice e mettervi la divisa. Padrone chiama.

  5. 5
    Golem -

    E spiegacelo tu perché è chiaro ‘sto quadro clinico. E perché la,divisa, e chi e il padrone, e perche lo è. Fallo Diego, non lasciarci in balia di Sion.

  6. 6
    ildissacratore -

    Diego speriamo che troverai presto la soluzione a tutti i tuoi problemi: una sana trombata.

  7. 7
    Diego -

    Ma dai Golem, dovresti essere tu l’esperto dei quadri clinici… interna-zionali, perchè non hai il coraggio di esporceli? Hai paura di diventare povero?

    Dissacratore, a me la grazia divina. :))

  8. 8
    Sofia -

    Che dissacratore mi stia sul culo.
    Qui ormai l’ho sanno persino i sassi…ma devo dire che stavolta forse ha ragione…e sono d’accordo con lui..Diego! Scusami..se te lo chiedo ma è da tanto che non stai con una ragazza?

  9. 9
    Golem -

    Didacus, i miei quadri clinici sono quelli che escono dal mio laboratorio e chiariscono solo le cause di un de-cesso (mi piace quel tuo modo di inter-rompere le pa-role, e de-cesso in questo caso capita a “fagiuolo”).
    E poi l’unica Inter-nazionale che conosco è quella di Milano.
    Dai, parlaci del complotto Sionista e io ti parlerò del suo avversario: quello Noonista.

  10. 10
    Diego -

    8
    Sofia – 22 maggio 2016 17:19

    Sofia Sofia… quando farai dei due uno?

    Tornando al quadro clinico mondiale, Golem, avete raggiunto il sesto cardine, quello della firma a fuoco, scommetto che dalle tue autopsie non l’hai desunto; forse Alessandro spera nella “pace” globale, e tu?

Pagine: 1 2 3

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati dopo 48 ore; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, puoi però rispondere in Chat segnalandolo eventualmente con un commento in questa lettera.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.