Salta i links e vai al contenuto

Non riesco a guardare negli occhi il ragazzo che mi piace

Ciao a tutti, ho un grandissimo problema. Nelle ultime 3/4 settimane quando vedo il ragazzo che mi piace in giro oppure a scuola ecc non riesco a guardarlo negli occhi, divento improvvisamente nervosa, mi mangio le unghie e cerco di evitare il contatto visivo, quando ci guardiamo abbiamo entrambi gli stessi comportamenti e non riesco a capire se gli piaccio oppure no ma soprattutto mi da fastidio il non riuscire a guardarlo, mi fa sentire vulnerabile e penso che lui abbia capito quello che provo per lui, cosa devo fareee?

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

2 commenti a

Non riesco a guardare negli occhi il ragazzo che mi piace

  1. 1
    Rossella -

    Ti consiglio di custodire gelosamente le tue emozioni perché molti uomini potrebbero giudicarle addirittura sconvenienti e riprovevoli. Per distinguere le emozioni dalla passione occorre una nobiltà d’animo che non è da tutti. Accade così che proprio mentre le emozioni svaniscono perché mancava un’unità d’intenti rischi di sprofondare nel senso di colpa. Ti consiglio di abituarti a conservare una certa distanza, di non permettere a nessun uomo di giocare con le tue emozioni, e quindi di prendersi gioco di quello che rappresenti come donna, perché la tua realizzazione non dipende certo dal loro pensiero; neanche la loro in verità. Ci sono molti credenti che fanno dipendere l’affettività dalla loro personale vocazione. La mia sensibilità mi porta a credere che l’uomo è persona e che l’affettività non sia questione di intelligenza, volontà e potenza. Un uomo che mi fraintende – o che semplicemente si sente provocato- non dimostra di vedere l’affettività come la realizzazione di un disegno che prescinde dai sogni di due innamorati. Mi sembra ingiusto pensare, dico solo pensare, che le persone debbano precludersi anche il diritto di sognare. L’affettività, al contrario, ha a che vedere con la vita. Questo significa che non c’è motivo per sentirsi infastiditi. Il motivo evidentemente c’è, ma dipende da un punto di vista tanto rispettabile quanto personale. Che dire? Ci penserai più avanti! Un caro saluto :)

  2. 2
    Gaia99 -

    Se, come dici, lui ha gli stessi tuoi inequivocabili comportamenti, allora la cosa dovrebbe essere ricambiata. Per cercare di calmarti prova semplicemente a fare un lungo respiro e a pensare che è solo una persona, immaginati molto distante e non concentrarti su quello che senti, altrimenti diventa un circolo vizioso e non riesci più a calmarti! Un bacio :*

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.