Salta i links e vai al contenuto

Morale e dintorni

Fanno leggi anticostituzionali con la lacrima all’occhio, poi negano di averlo voluto fare.
Nel governo Monti c’era una commissione affari costituzionali?. Erano dilettanti o complici consapevoli?. Monti è stato eletto da Napolitano su invito della Troika con il compito di fare cassa subito (sostanzialmente era un comissario europeo, ma ciò è stato tenuto nascosto agli italiani).
Ora chi è al governo (sempre di Napolitano!!!) e che allora ha sostenuto Monti, da perfetto costituzionalista, dichiara l’immoralità di un provvedimento emesso da quei poveri imbecilli che sono i giudici della Corte Costituzionale. Probabilmente dobbiamo, perché siamo in Italia, dissertare se è più imbecille un parlamentare con la preparazione in campo economico-politico da 5° elementare o un Giudice della Corte con il corollario dei Suoi Titoli Accademici.
Restano comunque da confrontare le varie forme di immoralità prodotte dai governi Italiani:
– È morale continuare a pagare i vitalizi ai parlamentari condannati?
– È morale non licenziare manager che hanno prodotto disastri nelle aziende di stato
– È morale “spostare” il manager di cui sopra a diverso incarico constatando poi che ciò gli frutterà guadagni ben maggiori?
– È morale erogare 35 euro al giorno alle cooperative (rosse?) per ogni immigrato (miliardi) dando ai cittadini italiani pensioni da fame (500 € vs circa 1000 €)?
– È morale che i vitalizi dei parlamentari (ottenuti dopo pochi anni di mandato) siano ben superiori ai 1500 € che hanno determinato il blocco dell’adeguamento delle pensioni, vitalizi peraltro esentasse e non cumulabili con altri emolumenti?
– È morale che in Italia esistano regioni a Statuto Speciale quando esiste “l’Europa”.?
– È morale che in Italia esistano regioni sull’orlo della bancarotta ma che, con perfetta nonchalance, continuino ad erogare vitalizi e stipendi fuori da ogni logica ai propri assessori e consiglieri?
– È morale che in questo Paese esista una delle pressioni fiscali più alta del mondo civile con servizi sempre più fatiscenti?
– È morale che in Italia, Paese con il “Vaticano”, non esista una reale politica della Famiglia e che le coppie con figli e difficoltà economiche (sono sempre di più) debbano ricorrere al quotidiano aiuto dei genitori (quei pensionati a cui si è tolto l’adeguamento al costo della vita e ai quali sembra sia immorale restituire il maltolto) sia in termini di veicolo per andata/ritorno da scuola, sia spesso anche economico. I nonni non hanno sindacato, sono soli e non possono scioperare perché ciò sarebbe “contro se stessi”.
– È morale che in un Paese come il nostro ci sia la sensazione che “essere straniero” sarebbe meglio?

Mario Cazzavillan

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Cittadini - Politica
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

4 commenti a

Morale e dintorni

  1. 1
    Rossella -

    Penso che prescrizioni morali e culturali viaggino sullo stesso binario. Sarò impopolare ma sto con il ministro Fornero perché ai tempi, praticamente l’altro ieri, la terza età appariva come una categoria del secolo scorso. Ogni due per tre si parlava di Viagra. O ricordo male? Tanto per fare un esempio… anche le esigenze delle donne apparivano diverse tranne qualche caso, ricordo che anche le televisioni proponevano storie di signore che avevano bisogno di lavorare per arrivare a fine mese e veramente ti si stringeva il cuore. Il punto è che le esigenze della collettività sembravano altre; il prepensionamento in molti casi appariva come un’opportunità per cominciare una seconda vita. Godersi la pensione appariva come qualcosa di anacronistico. Mi sembra il caso di ricordare le cose come stanno perché i cristiani, come è scritto nel Levitico, non devono commettere ingiustizia in giudizio.

  2. 2
    Angwhy -

    @Rossella
    non solo i cristiani tarapiotapioca ma anche blinda come se fosse antani per due,postardato e anche un po prefettura

  3. 3
    Golem -

    Non lo è, ma siamo noi che lo vogliamo…andando a votare. Non votando questo o quello, proprio andando a votare. Perché come potrai notare “per questo o quello solo sudditi siamo”.

    P.S. La risposta 1 diceva suppergiù la stessa cosa, non ti preoccupare

  4. 4
    mariocazzavillan -

    PER ROSSELLA
    da quando il mondo è mondo il POTERE, prima di ogni provvedimento che coinvolga una classe sociale o peggio utilizza i mezzi in suo “potere” lanciando campagne mediatiche tese a delegittimare chi poi sarà colpito (vuoi con leggi a favore di altre categorie o classi sociali, vuoi facendo sembrare “morale” ad esempio un intervento militare o peggio una guerra). E’ facile per chi sta nell’ “apparentemente giusto” condividere o giustificare, è umano!. Non è ne umano ne morale mettere alla gogna chi, avendo contribuito a costruire questa Italia con un onesto lavoro, si veda, da anziano, ricambiato con l’accusa di essere l’artefice della Sua distruzione.

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.