Salta i links e vai al contenuto

Mi sento morire

Buongiorno a tutti,

sono Marco ho 26 anni, sono un ragazzo normale, appena laureato, sportio, con la passione di scrivere poesie e che ha seguito il percorso per diventare avvocato. Ho una cosa da confidare a voi tutti. Ormai da più di un anno a questa parte, praticamente da quando mi ha mollato per un altro la mia ex dopo 4 anni di relazione, mi sento demotivato, non credo più in me stesso e vivo le giornate trascinandole via. Il fatto della ex l’ho quasi passato (non immaginate neanche le umiliazioni che ho subito) il problema reale è il lavoro che faccio, sono praticante, dove a parte un piccolo rimborso spese faccio fatica ad andare avanti anche se vivo con i miei.Questo non sarebbe un problema per i primi anni, il problema vero è che in seguito non vedo un futuro per me: ci sono troppi avvocati, non sono figlio di avvocato, non ho conoscenze per potermi fare dei clienti futuri e inoltre mio padre ha perso il lavoro, rischiando la galera, per un fattaccio che non ha messo al mio nome una buona nomea. Mi sento in un buco nero, in un vuoto, ho continui pensieri giornalieri che non mi lasciano stare un secondo, rischio di impazzire, non so come risolvere il mio futuro. Non riesco più a credere in me stesso e l’ambiente in cui vivo a lavoro mi isola o forse mi isolo io dallo stesso. Mi sento morire ecco, a volte ho delle crisi di panico per delle cazzate. Andrei dallo psicologo ma non posso costa troppo. Mi confido con voi sperando di ricevere aiuto e consiglio. Meglio gli sconosciuti che chi conosco.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

27 commenti a

Mi sento morire

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Plutone77 -

    Ciao Marco
    Capisco bene la tua frustrazione e sarebbe interessante capire se la strada professionale che stai percorrendo sia stata scelta da te o, diciamo così, dalle circostanze.
    Mi domando questo perchè quando facciamo qualcosa per e con “passione”, il modo di emergere lo troviamo (credimi, a prescindere dalle circostanze). Quando invece pratichiamo un’attività per una serie di circostanze o per scelte altrui, quando questa ci diventa stretta troviamo solo scuse che avvalorino quello stato.
    Fermati un momento e fantastica un po su come potrebbe essere la tua vita professionale ideale:
    Cosa ti servirebbe per raggiungerla?
    Cosa possiedi già?
    Di quali strumenti e/o risorse avresti bisogno?
    In che modo potresti ottenerle?
    Quanto sei disposto a sacrificarti per raggiungerla?

    Pensaci un po, lascia che la tua mente dia anche risposte fantasiose, l’importante è che siano generate da un desiderio vero.
    Il resto è una consegnenza ;)

  2. 2
    Anna81 -

    ciao, allora prima di tutto se vuoi andare da uno psicologo ci puoi andare tramite asl senza spendere un euro… vai dal tuo medico di base, ti dirà lui cosa fare…. seconda cosa io ti capisco ragazzo mio… l’incertezza sul futuro, il lavorare notte e giorno per due spicci perchè devi fare esperienza… lo so, è una tragedia. molti emigrano, molti si reinventano un mestiere, molti si deprimono e molti non sanno dove sbattere la testa. purtroppo consigliarti cosa fare è difficile perchè la situazione è davvero deprimente e grave… è vero ci sono tanti avvocati, come ci sono in giro tanti architetti, ingegneri, insegnanti e via via discorrendo. uno frequenta l’università con la speranza di trovare una posizione e un lavoro onesto che gli dia da vivere per poi ritrovarsi in questa triste realtà. hai provato a parlarne con i tuoi? loro cosa ti consigliano? e i tuoi amici? sono nella tua stessa situazione? in bocca al lupo intanto

  3. 3
    camy -

    Ciao, non è che devi fare per forza l’avvocato classico, con studio e clienti (hai ragione, è difficile, ci sono molti avvocati e molta concorrenza), secondo me puoi provare in altre strade simili ma alternative, non so: fare il legale per un’azienda, farlo per associazioni di consumatori, oppure provare il campo dell’insegnamento, o il campo del ricercatore all’università, oppure non so, vedi tu, ma valuta i campi alternativi.
    in questo tipo di campo, cioè quello dei liberi professionisti, non sempre ci si riesce a inserire, per i motivi che hai detto tu, anche se si è molti bravi, per cui l’unica è provare in settori alternativi , è quello che mi sento di consigliarti.

  4. 4
    Yog -

    Mah. Avvocati in miseria non ne vedo. Specializzati, il diritto del lavoro offre grandi opportunità, sia come dipendente che come libero professionista. E poi impara a berci sopra mezzo litro di narda al dì, che ti quieta il sistema parasimpatico.

  5. 5
    ramona95 -

    So che stai passando un momento davvero difficile ma ti dico che io sto studiando architettura so che non avrò la certezza del lavoro e non ho nemmeno nessuno che mi potrebbe aiutare nel trovarmi un lavoro ma io sto continuando ha fare ciò che a me piace sperando che le cose cambieranno. Riguardo lo psicologo ti vorrei consigliare un libro che io sto leggendo sperando che ti sia di aiuto si chiama: Non siamo nati per soffrire di Raffaele Morelli spero che lo troverai utile. Buona lettura

  6. 6
    Michele -

    Ciao Marco, innanzitutto hai già fatto un grande passo verso “la svolta” riconoscendo il problema e volendolo affrontare. Ti consiglio di rivolgerti agli psicologi dell’asl nel tuo comune di residenza, credo che hai la possibilità di qualche seduta gratuita e di continuare con altre per una cifra più bassa rispetto ai privati.
    Per i problemi relativi a tuo padre mi spiace, ma non è per Lui o per un suo gesto che avrai o meno la possibilità di crearti un futuro Tuo. Mio padre è sempre stato alcolizzato, ma di me nessuno parla male, con più fatica ma mi sono guadagnato di essere giudicato per chi sono io, e per chi vede diversamente che vadi a quel paese!
    Per il lavoro, è vero difficile fare gli avvocati, amici avvocati me ne hanno parlato, vedi se è la tua strada o se è percorribile, diversamente puoi anche percorrere o inventarti strade lavorative parallele, tipo consulente legale per aziende private o (prova a pensarci!!!) Un caro Saluto

  7. 7
    Marco _91 -

    Innanzitutto grazie a tutti per la comprensione e la bontà dei vostri consigli ! Vi rispondo uno ad uno:
    @ PLUTONE 77
    La strada che ho scelto non è stata imposta da nessuno, l’ho scelta io anche se mi sta sorgendo il dubbio che l’ho scelta perchè ormai mi sono trovato in ballo, da un lato ho sempre fatto bene, nel senso che ad esempio non ho pagato l’università raggiungendo sempre i requisiti per ottenere la borsa di studio e studiare legge non mi pesava più di tanto (quindi un minimo di passione ce l’ho nella materia), dall’altro sento però la difficoltà e il percorso che devo percorrere in questo campo e mi viene la nause e il vomito tutti i giorni per questo (con anche rimpianti di non aver fatto lette perchè amo scrivere poesie o medicina). Per raggiiungere l’obiettivo e cioè lavorare d’avvocato almeno campando dignitosamente è avere clienti e soprattutto diventare avvocato, ci vuole tanto studio (non è un problema) e conoscenze per poterlo diventare, almeno è quello che sembra perchè molti dicono che la bravura non basta.
    @ANNA81
    con i miei non ne parlo perchè sono messi male, il lavoro che hanno iniziato investendo i loro risparmi è andato malissimo, quindi con una figlia ancora piccola si trovano con rate da pagare e nessuna entrata mensile, inoltre non conoscono il mio mondo quindi non gliene parlo nemmeno anzi soprattutto mio padre mi prende per il culo per quello che prendo. Per i miei amici chi a tempo indeterminato chi non guadagnano sempre e comunque molto più di me, si tolgono i propri sfizi, vivono tranquilli, sono l’unico che è in questa merda.
    @CAMY
    Grazie per il consiglio ! io ho scelto la libera professione più che altro perchè mi permette di stare vicino a casa, abito in provincia ad un’ora e mezza da Milano via macchina, quindi non so dove trovare le occasioni lavorative che dici….per quello che ho studiato in provincia è una merda trovare qualcosa attinente a quello che ho studiato ?? consigli ?

  8. 8
    Marco _91 -

    @YOG
    Se per questo ne vedo pochi anche io, il problema è l’affossamento delle motivazioni che ricevo dall’esterno. Tutti che dicono: “ci sono troppi avvocati” “molla questa strada prima che ci perdi la vita” “se non hai già un padre avvocato o conoscenze sei finito in partenza”……….per la narda effettivamente è da tantissimo che ne bevo pochissima..forse dovrei farlo ogni tanto.
    @RAMONA 95
    Condivido la tua speranza e positività ! anche io la penavo come te quando studiavo ! il problema è che quando ti trovi in mezzo e vedi di persona le problematiche è difficile esserlo positivo ! grazie per il libero =)
    @MICHELE
    è bello potersi confrontare con qualcuno che ha delle cose in comune con me. Mi dispiace per tuo padre e so cosa hai provato. Il problema che il mio ha in corso un processo proprio nel tribunale dove passo a lavorare, quindi immagina come io possa stare ! lavoro per diventare avvocato e i mio padre èprcessato ! per quello che pensa la gente me ne frego e l’ho sempre fatto, più che altro mi preoccupo delle ripercussioni sul futuro e sul lavoro che affronterò. Sono allo sbando completo, preoccupato per il lavoro, per la famiglia, per i miei, per mio padre……….
    per il fatto se fare l’avvocato sia percorribile o meno questo mi preoccupa ! perchè non lo so ! sento di diventare vecchio, di perdere tempo, e se diventassi avvocato per poi non riuscire nemmeno a campare ? non so come sarà il futuro, come farò ad avere clienti senza un padre avvocato, senza conoscenze particolari e con mio padre che tutti sanno cosa ha fatto…

  9. 9
    Sofia -

    Si..ci sono tanti avvocati. ..ma tanti sono avvocati del cazzo! Squallidi e ipocriti e falsi da far schifo! Tanti sono colpevoli e difendono l’indifendibile!

    Lascia stare che non sei figlio di avvocato..lascia stare la vicenda di tuo padre! Pensa solo a te stesso e a farti conoscere! A distinguerti dagli altri e a cercare di fare onestamente questo lavoro non difendendo i delinquenti ma chi VERAMENTE merita!
    Presto ti farai conoscere e sapranno di te e i clienti…le persone arriveranno!
    Non farti venire l’ansia! Stai tranquillo e pensa alla tua vita!

  10. 10
    Sofia -

    Lascia stare tutte le cazzate che ti dicono gli altri…( non qua del forum ma le persone che conosci te dal vivo) VERI AVVOCATI c’è ne sono pochissimi….

    C’è il sottobosco marcio anche li si..AAA quello si che ne è pieno!
    Pensa a te..e provaci!
    Poi allora potrai giudicare!

Pagine: 1 2 3

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.