Salta i links e vai al contenuto

Lui e il suo odio generalizzato verso il mondo intero

Sto insieme al mio compagno da molti anni, ormai più di sei. Il punto é che di recente si ritrova in una serie di brutte situazioni che si possono sintetizzare in un concetto molto semplice: mancanza di soldi. Il lavoro, per ora, ce l’ha (anche se gli han già detto che a Settembre non gli rinnovano il contratto perché ha il suo caratterino)…lavora presso una cooperativa e di conseguenza questo si traduce in malattie non pagate, e retribuzione da 5 euro all’ora. I soldi mancano sempre, ma sinceramente faccio un pó fatica a compatirlo. Forse sarà un mio limite, ma quando vedo che per 4 giorni non dá da mangiare al suo cane perché “non ha i soldi per comprargli il cibo perché la sua vita fa schifo”, ma poi spende 45 euro per l’abbonamento della palestra, mi cascano le braccia. Continua a lamentarsi, a dire che il lavoro in Italia non c é, che la sua vita fa schifo, che bisogna emigrare all’estero, quando non ci prova nemmeno a far andar bene qualcosa della sua vita. Lo chiamano dalle agenzie interinali per offrirgli un lavoro sui tre turni e lui dice di no “perché in fabbrica ci vanno solo gli immigrati”. Gli propongono altri lavori su giornata in ditta e dice che “lui non farà lo schiavo di nessuno, non per meno di 2.000 euro al mese”. In tutto questo, i soldi davvero scarseggiano, e si riduce a non pranzare nemmeno perché non ha i soldi per far la spesa (ma per la palestra sí, almeno fino al mese scorso). Ogni volta che vado a casa sua il suo frigo é vuoto, pertanto spesso gli porto qualcosa da stuzzicare o dei dolci fatti da me, e talvolta gli regalo anche la spesa. Ogni volta che usciamo pago io (senza però farglielo nemmeno notare, sennò ciao) e lui non si fa il minimo scrupolo. In passato era accaduta una situazione simile al contrario, per cui lui aveva dovuto pagare anche per me per tipo una decina di giorni perché ero proprio senza fondi, ma poi non solo glieli ho ridati,  ma durante quella settimana mi limitavo anche…..e invece lui prende cocktail, poi prende del cocco alle bancarelle e infine un gelatino a fine serata, mentre io nemmeno lo prendo perché so di non avere abbastanza per entrambi. Se gli tiro la battuta, fa l’offeso e non mi parla neanche più. Stiamo sempre a casa proprio per la mancanza di soldi (dato che non é che sia ricca nemmeno io purtroppo xD), e lui mi dice che facciamo sempre le stesse cose e non ne può più. Ha una bella casa e continua a dire che fa schifo perché é isolata dal mondo e poi le case senza giardino fanno schifo. Continua a dire di voler andare all’estero perché qui fa tutto schifo, e nemmeno ci pensa a me che sto studiando per diventare insegnante nel mio paese. Dice che lá magari trovo qualcosa, e al limite comunque il lavoro c é lo stesso se mi adatto… certo, mi manca un esame per laurearmi nel Paese che amo, e lui mi propone di far la cameriera (per carità, lavoro rispettabilissimo che faccio anche ora il weekend, ma non é il lavoro che sogno) in un Paese straniero. E continua a pressare sull’andare all’estero. Dice che anche se dovesse dargli i soldi per aprire un’attività, li rifiuterebbe perché in Italia non vuole aprire nulla per farsi mangiare i soldi dallo Stato. Quando per me che lo conosco, il succo si traduce nel fatto che non ha voglia di lavorare, e lo ammette anche senza troppe difficoltà. Il suo “piano” é quello di andare all’estero “per farsi mantenere da un altro Paese come noi qui manteniamo gli immigrati, senza lavorare” (caspita, che ideona. Possibile che sia il primo ad esserci arrivato. Un genio incompreso -.-“). I miei propongono di andare in affitto nell’appartamento di un mio parente che ci farebbe un buon prezzo, ma se fino a 6 mesi fa mi sarei catapultata lí dentro, ora ho i miei dubbi. Finora io l ho sempre aiutato a pulire casa sua, ma già ora mi dice che dovrò fare tutto io in casa, e non erano questi gli accordi. Mi dice che le donne servono per pulire, e che noi ragazzette delle ultime generazioni non siamo nemmeno la metà delle donne di un tempo, solo perché non ha voglia di alzare un dito. Lo porto a cena coi miei colleghi e, tornati a casa, li insulta tutti perché sono “degli sfigati” che vogliono rimanere in Italia. Perché sono degli sfigati che si accontentano. Dice che “noi” che la pensiamo in questo modo siamo la feccia del nostro Paese perché ci accontentiamo di uno stipendio inferiore a duemila euro. Come se non bastasse al delirio di ieri sera si é aggiunto che lui, se io non gli dessi un freno, sarebbe esattamente come un mio collega (che detesto sotto quel punto di vista), che puntualmente commenta pesantemente qualunque essere femminile che passa e che ogni sera fa serate folli nei locali della città. Dice che quella é la sua vita, ma quando gli chiedo che cavolo ci fa ancora con me, mi dice che “ormai é andata cosi”. Io tento di aiutarlo in ogni modo e di fare battute buffe, ma lui passa il tempo in silenzio quando stiamo insieme: che sia al parco, al ristorante, o al centro commerciale, pare una mummia che cammina. Se gli chiedo cosa c è, mi dice che la vita fa schifo e che l Italia fa schifo, e che tutte le persone che vede in giro gli fanno schifo. Che si lamentano tutti della crisi, ma poi comprano cazzate. Ha accumulato talmente tanto odio che non riesce nemmeno a trattenersi dal criticare perfetti sconosciuti anche davanti a loro. Se sono stranieri poi, ciaoooo, mi fa fare delle figure di merda allucinanti tanto che mi vergogno a starci vicino. Se mi offro di aiutarlo, mi allontana. Gli dico di uscire con gli amici per svagarsi, e comincia la solita lite perché io non voglio mai andare con loro (in passato ho avuto molti problemi con alcune ragazze del gruppo, quindi evito perché tanto andrei lá a fare la mosca bianca perché lui mi ignorerebbe). E’ odio allo stato puro. E’ diventato una brutta persona, insulta persino i miei genitori che in passato l hanno anche ospitato a casa nostra per quasi un anno, e talvolta é talmente idiota da farlo fuori casa con le finestre aperte. Il punto é che prima non era così. L anno scorso era perfetto, era l’esatto opposto di ora. Ma lui dice che la vita l’ha reso così perché i soldi non ci sono mai. Poi fa niente se nell’ultimo anno ha dovuto pagare più di 4.000 euro per riparare la sua auto tre volte poiché lui guida come Vettel de noi altri e si schianta da solo. E’ una persona negativa e cerca di rendere anche la mia vita uno schifo: dice che devo prima provarlo lo schifo per poter permettermi di parlare. Dice che mi starebbe bene trovarmi nella sua condizione, perché io che vivo ancora coi miei non capisco. Eppure io so per certo che con mille euro al mese ci starei alla grande: una volta vivevo da sola con 700 euro al mese. Mi dice che tanto non arriveró da nessuna parte anche dopo laureata, e finirò a fare ancora la cameriera. Mi sta affossando. Oltretutto fra poco dovrà pure lasciare il suo appartamento e non sa dove andare perché da solo i soldi non li ha. Se lo lascio da solo, allora sí che andrà a finire sotto i ponti….ma posso io sopportare ancora tutto questo? Lui poi, che se avesse tutti i soldi del mondo li butterebbe tutti in frivolezze……più ci passo il tempo assieme e più non lo riconosco più. Il punto è che era già successa in passato, la stessa identica situazione, ma poi si era ripreso, aveva trovato lavoro, e tutto era andato per il meglio per anni. Ma io ora non posso fare progetti con una persona che pianifica di andare all’estero. Il punto é che ho l impressione che se potesse, ci sarebbe già andato. Se glielo chiedo, mi dice di no…..se mi lamento dei suoi comportamenti, mi dice che non lo capisco e che non comprendo che lui non sta bene, ma io veramente ogni giorno arrivo da lui col sorriso, e puntualmente torno a casa nervosa. Stanotte addirittura mi son messa a piangere dal nervoso perché continuava a ripetermi che io sono sbagliata perché sono l’unica donna al mondo che ci resta male se il suo compagno fa battute su ipotetiche altre, mentre tutte le morose dei suoi amici sorridono quando capita a loro (grazie, anche io sorrido per non far le figure davanti agli altri, ma questo non significa che mi diverte). Sono davvero io che non lo comprendo? E cosa dovrei fare a questo punto? Se non fosse in questa brutta situazione l’avrei già mandato a quel paese… Io vorrei aiutarlo ma sinceramente non so nemmeno più se ne vale la pena…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

18 commenti a

Lui e il suo odio generalizzato verso il mondo intero

Pagine: 1 2

  1. 1
    Sofia -

    Cara ragazza.j..non ho letto la fine della tua lettera perché ne avevo già abbastanza….
    E avevo già capito la situazione del tuo ragazzo….

    Per prima cosa….a me basterebbe già che il mio ragazzo non da da mangiare al suo cane per 4 giorni….che lo denuncio alla protezione animali…primo! E glielo faccio portare via all’istante! Ragazzo o non ragazzo!
    Secondo…se il mio ragazzo si permettesse di insultare i miei gli salto addosso…e credimi con il carattere che ho io…non so credo ne uscirebbe un po a brandelli!

    Il tuo ragazzo è semplicemente un grande UOMO PIENO DI MERDA CHE SA SOLO DARE MERDA….fallito..fannullone… Menelcazzo…senza cervello…che spara una marea di minchiate e con un carattere di merda! Il classico fallito che bla bla bla bla…..parla parla parla…( dice una marea di stronzate perché il lavoro qua c’è ancora ! ) e se non accetta lavori sotto i 2000 euro o è perché ha già troppi soldi o perché è solo un coglione viziato che non sa ne’vivere ne’cosa sia l’umiltà!

    Criticare i tuoi amici o trattarti a te da merda…anche questo non esiste!

    Tutte balle che la vita l’ha ridotto così!
    Non ha nessun problema il tuo ragazzo!
    Ha bisogno di fare il barbone per strada così gli passa la puzza sotto il naso di non voler accettare lavori da 800euro al mese! Ha bisogno di perdere tutti!TE E IL CANE PER PRIMO!per capire l’importanza che avevate e la merda che è lui!

    Poi te vorresti andare all”estero con uno cosi!????
    Ma te sei fuori ragazza mia!
    TI AUGURO DI SVEGLIARTI E PIANTARLA DI ESSERS COSÌ ZERBINA E SENZA DIGNITÀ…

    DI LASCIARLO NELLA SUA MERDA ALL”ISTANTE! E CHIAMA LA PROTEZIONE ANIMALI…DIVENTI CORREA ANCHE TU DI MALTRATTAMENTO VISTO CHE LO COPRI!

    Svegliati ragazza! Sveglia!

  2. 2
    Sofia -

    Ama solo se stesso e le sue seghe mentali! Svegliati e sii VERAMENTE una donna! Non una zerbina senza dignità!

    Tanto lui manco ci pensa a te ne ti ama!
    Pianta la di volerlo aiutare o comprendere!
    Ha bisogno di perdere tutti e stare da solo!
    Sveglia ragazza!
    Snebbiati OK??

  3. 3
    confusa30 -

    MOLLALO, CHE ASPETTI?
    SEI TALMENTE CIECA DA NON VEDERE CHE LUI SI APPROFFITTA DI TE?
    E TI PRENDE PURE PER CULO IN AGGIUNTA!!!!
    MA CHE TEN E BUON?
    MAH

  4. 4
    Angwhy -

    Quindi ci sono agenzie che chiamano per offrire un lavoro?no perche io sono iscritto dal 2012 e le uniche 4 volte che mi hanno chiamato è stato per farmi gli auguri di natale

  5. 5
    Rossella -

    Un tempo questo aspetto premeva soprattutto alla famiglia. Oggi è giusto prendere su di sé le responsabilità del proprio futuro e discuterne insieme senza perdere di vista che quando c’è l’amore si può vivere dell’essenziale e di quello che arriva in aggiunta. Io ho conosciuto tantissime persone che quando si sono unite in matrimonio non pensavano che un giorno avrebbero fatto grandi progressi. Quando c’è una certa limpidezza, quindi zero retropensieri, tutto si supera. Le mie preoccupazioni sono sempre state di altra natura… riguardano la vita sentimentale e anche le amicizie, soprattutto quando queste coprono un arco temporale abbastanza lungo. Ad oggi anche i flirt mi mettono in soggezione perché ho avuto esperienze che mi portano ad essere un po’ diffidente. In questi casi faccio un passo indietro e sarà così fino a quando non incontrerò qualcuno che riuscirà a farmi innamorare. In realtà le mie delusioni erano nell’aria… (es.) fin dall’adolescenza ero a conoscenza del fatto che lui (l’uomo che avrei conosciuto)stava avendo, e aveva avuto, delle gratificazioni professionali attraverso un lavoro che lo faceva vivere nel ricordo di un amore. Ricordo che questa cosa ai tempi mi sembrò davvero molto romantica… che dire? Un giorno arriverà l’amore anche per me! Ti abbraccio :)

  6. 6
    Vic -

    Bastano gli altri commenti…

  7. 7
    Yog -

    Ha raggione Sofia, che bisogno hai di fare la zebra? Se vuo’ stà d’assolo vuo’ dì che stabbene cossì.

    In ogni caso, la tua analisi e la tua rappresentazione del reale è nitidissima. Hai a che fare con, un cretino di prima scelta che non sa probabilmente distinguere una narda da un petrus. Da brava zebra quale sicuramente sei, sferragli un calcio nei cabasisi da parte mia.

  8. 8
    D-Ego -

    Chri_nna, hai mai fatto l’elettroencefalogramma? Te lo consiglio, perchè solo chi ha seri problemi mentali può stare con un tipo del genere.

    Trovati uno che può mantenerti, no? Mi unisco al coro dei lapidatori. :)

  9. 9
    Chri_nna -

    D-Ego ha usato un termine oserei dire perfetto: “lapidatori”. Lapidatori che non sanno nulla della mia storia, eppure mi danno “della zerbina”. Mi chiedo quanti di questi uomini e donne dall’alta autostima riescano a venire incontro ai problemi più o meno gravi che possono sorgere con i loro patners. Qui non sto dicendo che il consiglio di lasciare a piedi una persona come il mio compagno sia fuori luogo, anzi, lo penso anche io da qualche giorno come un martello fisso nel cervello che non mi permette di pensare ad altro, se non a sempre altri motivi per avvalorare questa tesi. Ciò non significa che sia così semplice, e non nel senso che è difficile dire “mi hai rotto, ciao e tanti saluti”. Questo lo potrei fare senza problemi anche oggi stesso. Eppure, voi grandi sociologi della situazione, non sapendo NULLA di me, mi date della zerbina e insultate. Della serie “massì dai, sparare sulla croce rossa deve essere da grandi patrioti”. Complimenti.
    Il motivo per cui sono un pò restia a lasciare questo pseudo-uomo che mi trovo di fianco, è che l’anno scorso ho avuto un bruttissimo incidente stradale, con tanto di operazione chirurgica di 10 ore annessa. Mi son svegliata col faccione gonfio e dolori lancinanti in ogni punto, tanto che passavo la notte ad urlare sino a quando non mi davano i farmaci. In tutto questo però una nota positiva c’era: lui con la sua presenza. Una volta tornata a casa, ero intrattabile: allo specchio vedevo un mostro, uno sgorbio martoriato, e mi facevo schifo. Ho avuto veramente un brutto carattere, sino a quando due mesi dopo mi hanno ri-operato ed ora ho un viso normale, forse anche senza alcuni difetti di prima. Ora però è lui ad avere problemi, lo posso abbandonare così? Non mi pare giusto. A parte che io ero intrattabile, ma di certo non insultavo nessuno… la mia domanda voleva essere: è questo uno dei momenti in cui serve unione nella coppia di fronte alle difficoltà? Oppure ha davvero esagerato e non merita questo aiuto?

  10. 10
    Chri_nna -

    Una volta era diverso in quasi tutto: se qualcuno gli chiedeva “come va” rispondeva “sempre bene!”. Aveva la battuta sempre pronta, tornava a casa e veniva a cercarmi per darmi un bacio. Lavava sempre i piatti da solo e puliva la casa da solo. Se avevo un problema, mi stava vicino. Era il mio orgoglio di fronte a tutti, soprattutto quando i soliti maschi idioti facevano battute su altre davanti alle morose, mentre lui diceva che ero più bella io, e tutte mi invidiavano. Faceva sempre cose idiote per me: al ristorante più di una volta faceva una finta proposta di matrimonio attirando l’attenzione di tutto il locale e ricevendo applausi. Il suo cane è sempre stato la sua gioia più grande, passava tutto il tempo libero con lui e dormivano abbracciati, lo portavamo insieme in montagna a fare le passeggiate… ma ora nemmeno quello riesce a dargli conforto. E’ per quello che sono titubante. Era Perfezione sino a 1-2 mesi fa, possibile che ora si sia trasformato in questo modo? Ed è giusto che io lo lasci in questa situazione di bisogno, nonostante le capperate che combina ogni giorno?
    ps. alla faccia della Zerbina. Vorrei vedere voi come venite trattate dai vostri compagni. Sicuramente non male, ma si è capito che intendo. Io ero trattata come una regina fino ad un mese fa, per questo mi viene difficile. Fosse stato un omuncolo qualsiasi, di dubbi non ce ne sarebbero stati, ma proprio zero.

Pagine: 1 2

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.