Salta i links e vai al contenuto

Lo lascio dopo tanti anni…

Ho scoperto questa rubrica per caso, piena di consigli a dubbi e problemi. Scrivo per la prima volta poiché in questo momento ho davvero bisogno di uno spazio per sfogarmi. Ho quasi trent’anni tra pochi giorni sarà il mio compleanno. Da sei sto con un uomo che ne ha venti più di me, ma negli ultimi tempi le cose non vanno più. Dopo un’iniziale intensa e normale passione che mi ha travolta al punto da non pensare assolutamente alla differenza d’età, peraltro una persona giovanile, senza figli o matrimoni alle spalle, mi sono completamente annullata per lui. Dopo un paio di anni di relazione ognuno al suo posto, sono andata a casa sua, in genere il fine settimana in una pseudo-convivenza di bagaglio fatto e disfatto; viaggiavamo spesso, c’era affiatamento e desiderio di condividere le stesse cose. Mi riempiva di piccole attenzioni, regali anche banali ma sempre graditi da una romantica come me. Poi il nostro rapporto è andato via via raffreddandosi. Da tre anni non ci tocchiamo più, non abbiamo rapporti…sebbene io li abbia cercati ma sono stata respinta, così che ho smesso via via di cercarli anche io, abbiamo iniziato a dormire in stanze diverse; anche le coccole non ci sono più, non ci tocchiamo, i baci sono diventati fraterni, oltre a tutte le altre cose sacrosante che si fanno in coppia, come fare una serata in due, un cinema, un viaggio o una vacanza di pochi giorni, cose che non facciamo più, e per questo spesso mi sono trovata a star male anche tra altre coppie, dalle cene a casa degli amici che mi sembravano felici a progettare le loro vacanze in due, dalle convivenze fino ai loro matrimoni, ai figli tanto desiderati…io mi sentivo sempre frustrata e più è passato il tempo più mi sono depressa e chiusa in me stessa. Mi sento come se fossi solo un’amica affettuosa. Io so che mi vuole molto bene e che non mi ferirebbe mai. Anche io gli voglio bene ma ora non sento di essere più innamorata. Le volte che gli ho parlato di queste mancanze e insicurezze mi ha urlato contro che ero una ragazzina a pensare così, che le cose importanti in una coppia sono altre oppure si è chiuso nel silenzio e io per paura di averlo offeso, di perdere tutto, sono sempre tornata. Ammetto che non ho mai avuto il coraggio di lasciarlo fin ora, sebbene ci abbia pensato tante volte, ora mi mancano così tante cose che mi sento proprio infelice. Ho pensato che proponendogli di sistemare la casa e di vivere insieme, avere una famiglia, avrebbe potuto portare un cambiamento, magari un nuovo entusiasmo, ma mi ha risposto che ora come ora per motivi economici non è possibile. Insomma io vorrei una vita normale, sono stanca di andare da lui solo il fine settimana, e stare lì accampata con la borsa sulla sedia, come un cane da compagnia lasciato sul divano quando va a lavorare. Mi sono decisa di versare tutto quello che s’era accumulato nel vaso che è traboccato solo un paio di settimane fa. Mi sono fatta forza! Ho pensato che forse non aveva lui il coraggio di lasciare me. Gli ho parlato, gli ho scritto tanti messaggi nei quali cercavo di spiegare i miei sentimenti, gli chiedevo scusa se non riuscivo a parlargliene di persona, ma non mi andava più di farmi azzittire dai suoi soliti discorsi, che mi si rigiravano contro; mi ha risposto che si rende conto del problema e ammette le sue “colpe”, ma che è innamorato di me,e bla, bla che non si può buttare via tutto, che si sente ferito, che le cose cambieranno, che nemmeno a lui stanno bene così ed è solo un momento. Tante cose a parole che non ci sono nei fatti perché questo che lui chiama momento per me dura da anni! Sarà che mi sto rendendo conto solo adesso di che uomo sia, sarà che sono cresciuta, sarà che non mi sento una suora e vorrei una relazione sana fatta si di rispetto e fiducia, ma anche di sesso e passione. Non l’ho mai tradito, non ho mai detto bugie, poiché ho sani principi e sono una ragazza seria. Ma, se anche non sono più esattamente una ragazzina in cerca del principe azzurro, sono carina, ho un lavoro, un’istruzione, e mi sento di voler ancora sognare, di meritarmi qualcosa in più, una persona che mi faccia sorridere, che mi coccoli e mi dimostri l’amore anche in altro modo. Tutte le volte che mi guardo allo specchio mi chiedo invece perché mi rifiuta, cosa non va in me, ho un corpo normale, non sono cambiata in questi anni, perché allora non riesce a dimostrarmi l’amore che dice di provare! Se usciamo in genere è con gli amici, soprattutto i suoi e ultimamente le uscite sono solo di gruppo. Se usciamo da soli è per andare a fare la spesa o qualche commissione. Io non ho che poche amiche, molte delle quali vivono lontano o hanno figli e una loro vita. Sto male perché non voglio farlo soffrire lasciandolo, e sto male perché ho paura della solitudine, che sono troppo timida e introversa per rifarmi una vita. Ma sono anche tanto infelice in questa situazione in cui mi trovo, mi sembra che tra noi ci sia solo più l’abitudine di vedersi, quel sapere che l’altro c’è punto e basta; credo che le cose non possano più cambiare se non peggiorare, che non torneranno mai più come all’inizio quando ci siamo conosciuti. Allora mi chiedo perché mi devo sentire in questo modo, se mi sento anche peggio a continuare questa storia. Mi sembra di aver fallito e perso alcuni degli anni più belli della mia vita. In passato prima di lui non mi è andata meglio poiché sono stata tradita. Forse credevo di aver trovato le sicurezze di cui avevo bisogno, e che mi sarebbe bastato questo per essere felice. Invece mi sbagliavo. Sento di fare la cosa giusta a lasciarlo dopo sei anni ma sto male lo stesso!

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

8 commenti a

Lo lascio dopo tanti anni…

  1. 1
    claudia -

    Posso solo dire che purtroppo ci dobbiamo rendere conto che l amore non fa miracoli e certi uomini non cambiano nemmeno con l età. Con il tempo si possono avvicinare a quegli uomini che noi conosciamo riconosciamo e definiamo come onesti affidabili e risoluti ma non saranno mai al pari in quanto hanno sempre avuto aspettative di vita diverse. E trovo molto difficile un grosso cambiamento a 50 anni anche se l’età in un certo senso lo impone. Non mi sento di giudicare il vostro amore e gli anni passati insieme nel bene e nel male sono stati molti e quindi importanti sicuramente anche per lui. Ma un uomo che alla sua età non fa progetti di matrimonio e figli perde del tutto di fascino, di animo e dimostra la sua incapacità di amare e di amarti. Cerca di lasciartelo alle spalle.

  2. 2
    Nathan -

    L’amore non è una parola, ma sono fatti concreti e tangibili. E quest’uomo a quanto pare ha tirato i remi in barca. Non è pensabile che a trent’anni una si metta a fare la dama di compagnia. Creati uno spazio che ti possa garantire indipendenza economica e sociale se puoi, e poi volta pagina. Altrimenti finirai col spegnerti anche tu vicino ad un vecchio. La vita è troppo breve per non cercare di inseguire i propri sogni..

    Andai nei boschi perché volevo vivere con saggezza e in profondità, succhiando tutto il midollo della vita. Per sbaragliare tutto ciò che non era vita e per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto

    Auguri

  3. 3
    Angelo 9 -

    Non credo che tu abbia perso degli anni. Li hai vissuti intensamente ed hai provato amore. Ora,pero’, e’ il momento di una decisione. Evidentemente quest’uomo non vuole una vita di coppia alla tua stessa maniera e non ha intenzione di assumersi un impegno serio. Come tu stessa ben dici, non e’ piu’ tempo di parole. Se non seguono immediatamente dei fatti, cosa di cui dubito, la decisione migliore, per quanto dolorosa, e’ di lasciarlo definitivamente, altrimenti perderesti sul serio del tempo.

  4. 4
    yata -

    Posso buttare lì un’ipotesi? Sono tre anni che non vi toccate, che non ci sono rapporti intimi?
    Potrebbe essere che lui ha qualche problemino di cui non ha avuto il coraggio di parlare?

  5. 5
    Francesco1978 -

    Cara Ali di Aria, bellissimo nickname…..prendi il volo e respira aria di mare

  6. 6
    beatris01 -

    Io in realtà credo che non é detto che si tratti della fine.
    Il vostro rapporto ad oggi risulta sicuramente inappagante e completamente inadatto alla vita di coppia che giustamente vorresti avere. Lui ti dice che é solo un momento, ma un momento non dura anni. Dice che cambierà…ma i cambiamenti non si vedono. Credi davvero che altre parole potrebbero scuotere la situazione che si é creata? Io credo che ormai sia impossibile…hai già detto tutto, e nulla é cambiato. Se uno mi dice che cambierà, mi aspetto un cambiamento tangibile già dal giorno dopo, segno che almeno ci ha provato. Io credo che veramente a questo punto l’unico modo per smuovere la situazione sia lasciarlo. Fra l’altro dici che solo ora sei giunta ad ipotizzare questa possibilità…ottimo, sfrutta il momento prima di cambiare idea e condannarti ad altri anni di infelicità. Lascialo, ma prima ripetigli di nuovo tutto tutto il discorso dicendogli che é importante che non ti interrompa. Ripetilo di nuovo, per l’ennesima e ultima volta, che tu lo ami ma l’amore non é sufficiente, soprattutto se detto soltanto a parole e non a fatti. E poi vattene, di colpo, e all’istante. Se davvero ti ama come dice, farà un esame su se stesso e sul suo comportamento, e FORSE allora sì che cambierà!!! Altri modi ormai non ce ne sono, non dopo anni. L’unico modo é dare una scossa potente alla vostra storia, quella scossa che manca da troppo tempo. Io credo che questo possa essere l’unico modo per poter tornare a stare bene insieme….e se lui non torna… Beh, non ti amava davvero. Ed allora anche in quel caso avresti fatto il meglio per te stessa: meglio perderlo ora che fra anni, buttando via ancora tempo prezioso per te e per la tua felicità. Non che tutti gli anni passati con lui sinora siano stati tempo sprecato, ma sicuramente ogni singolo giorno passato a sperare di avere una vita diversa senza provare a fare qualcosa per cambiarla, é un giorno perso. Buona fortuna

  7. 7
    ali_di_aria -

    Grazie per le vostre parole, le ho davvero apprezzate in questo momento. Stamattina sono andata a riprendere le mie cose, con grande forza d’animo gli ho restituito le chiavi di casa e gli ho parlato. Le cose dette, sempre le stesse, ripetute e ripetute da parte mia. Mi ha detto che non se lo aspettava, come ho potuto lasciarlo così in pochi giorni, che lui pensava che dopo averne parlato le cose sarebbero cambiate, che in questi giorni in cui io mi ero allontanata stava cercando una soluzione ai problemi anche per sistemare casa, che certe mancanze le sentiva pure lui, che non poteva andare avanti così e che però bisognava ricominciare di nuovo, guardare al futuro e bla bla. Io gli ho risposto che ho smesso di credere nel futuro poiché non c’è nemmeno un presente, che le volte che ho desiderato le sue attenzioni anche fisiche mi sono sentita respinta e quindi anche io ho smesso di cercarle per mantenere almeno un minimo di orgoglio, che non è il caso di ricominciare proprio nulla, se si è dovuto arrivare al punto che fossi io a rovesciare il vaso pieno vuol dire che le cose avrebbero potuto anche continuare in eterno a restare così per lui, che se si era accorto che le cose non andavano poteva anche fare qualcosa prima per noi due. Mi ha detto che nemmeno io le ho fatte, quindi gli ho risposto che non sono più innamorata, che gli voglio bene e che gli interessi che condividiamo sono da amici affettuosi ma non da amanti, e che quindi non intendo rimettere a posto dei cocci rotti quando invece ho solo voglia di stare da sola a rimettere insieme i pezzi di me stessa, perché mi sono sentita non voluta e infelice tanto a lungo. Mi ha risposto che non se ne era accorto, non pensava, non immaginava tutto questo, e ho visto nei suoi occhi una grande tristezza. Non ho fatto in tempo a varcare la porta che ha iniziato a tartassarmi di messaggi e telefonate, ho messo le chiamate in blocco poiché io tutto quello che dovevo dire l’ho detto e continuare a parlare non credo abbia senso se non ferire più.La decisione è stata mia, mi sento di aver fatto bene ma provo anche un gran senso di colpa. Lui è solo, con una sorella maggiore che vive con lui e che ha iniziato a chiamarmi anche lei. Mi sento come assediata. Non sto rispondendo a nessuno e ho staccato il telefono di casa. M’imbarazza anche farmi vedere così da mio padre. Comunque mi sento un gran vuoto dentro e sono triste. Spero mi passi, non voglio ritornare indietro ancora una volta solo per compassione e…

  8. 8
    Lana -

    Brava ali di aria. Tu non lo sai ancora, ma fra qualche anno ti ringrazierai per aver preso questa decisione.

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.