Salta i links e vai al contenuto

Le voglio ancora bene, ma indietro non si torna

L’ho lasciata dopo anni di lascia e prendi, non voglio che stia male. Lei scrive su di un forum gridando il dolore e il suo amore per me. Io le rispondo facendo finta di essere un altro e invitandola a dimenticare e ad andare avanti con la sua vita. L’ho amata tanto e le voglio ancora bene ma indietro non si torna più. Sto facendo male? 

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

10 commenti a

Le voglio ancora bene, ma indietro non si torna

  1. 1
    Angwhy -

    La vita è gia abbastanza dura,ma perchè ve la complicate in questo modo

  2. 2
    Rossella -

    Ogni donna ha la sua sensibilità. Nel confronto con l’altro sesso faccio affidamento rapporto sul che ho con mia madre. Bada bene: parlo di confronto. E’ mia madre. Il nostro rapporto al momento oltre ad essere intimo è anche confidenziale. Se andassi a vivere da sola i nostri rapporti migliorerebbero, anche se in verità sono già abbastanza buoni; in coscienza non patisco i nostri piccoli diverbi perché da donna mi sentirei troppo succube di un sentire che per i miei fratelli è semplicemente l’amore di una madre. E’ come se fossimo due chiese diverse. Più o meno. Nel percorso di crescita il mio punto di riferimento è stata la figura paterna perché tra le due era quella che meglio accarezzava il mio desiderio di movimento, nel movimento si è definita la mia identità di genere. Io volevo sempre correre dove andava lui, ma anche se non fosse stato presente lo avrei vissuto come Papà gambalunga dei cartoni animati. Sono pigra. In realtà mi sentivo stimolata dalla metafisica del costume. I miei fratelli hanno trovato la loro dimensione nella figura e sicuramente la casa è stato il loro centro di gravità fisica. Nella vita il rapporto con mia madre è quello che mi consente di entrare in relazione con il mondo senza per questo sentirmi “brutta, sporca e cattiva” (come si direbbe in gergo). Nessuno, tantomeno il marito, potrebbe fare leva sul senso di colpa. Lo lascerei nel giro di 24 ore. Amici come prima. Senza rancori.

  3. 3
    Rossella -

    PS Impostare il rapporto sul confronto aiuta a capire fino a che punto è possibile arrivare. Ci sono interessi di parte da preservare. Bisogna sforzarsi di conservare un certo autocontrollo. Rari sono i casi in cui per arginare un pericolo ti troverai a scegliere tra le apparenze e quella che secondo te è la verità.

  4. 4
    Confusa30 -

    SE CI TIENI A LEI E LA AMI TORNA INSIEME

  5. 5
    Itto Ogami -

    Per capire se fai male o bene la domanda è questa:

    – quando ti ci sei messo assieme era vergine ?

    Se si, allora fai male, perché lasci i tuoi scarti agli altri uomini.

    Se no, allora fai bene, puoi trovare di meglio.

  6. 6
    Piccola78 -

    Quando succederà a te avrai la risposta, ma lei si starà già bombando un altro.

  7. 7
    Marco2342 -

    Ma che razza di risposte date? Voi state veramente male!!! Sono proprio senza senso, inopportune, non c’entrano niente con l’argomento. Mah…

  8. 8
    J.J Bad -

    Eh…i consigli chiedili fuori dal web che qua ci sono solo leoni da tastiera…

  9. 9
    Yog -

    Marco, è inutile che cragni e ti indigni: ti hanno dato risposte chiare, esaurienti e assolutamente pertinenti. Sei tu quello che sta male.
    Comunque è vero, se la sta già bombando un altro (con gusto): se te lo dice Piccola78 c’è da crederci.

  10. 10
    Marco2342 -

    Ahahahah ok ok, messaggio chiaro, grazie J J e grazie Yog ;)

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.