Salta i links e vai al contenuto

Laurea, disoccupazione e altri problemi

Ciao a tutti,

Vorrei brevemente raccontare la mia storia in questo ultimo anno che mi ha buttato molto giù di morale, in modo da sfogarmi un po’.

Mi sono laureato ad un corso magistrale lo scorso luglio (110 e Lode, media del 30), a 27 anni, in un noto Politecnico del nord. Anzichè pensare subito al lavoro, decisi che avrei voluto proseguire con il dottorato, come han fatto dei miei amici, nonostante loro lo sconsigliassero, mettendomi in guardia su”baronismo”, raccomandazioni e ricerca “spazzatura”, oltre al fatto che senza il calcio in c..o non si entra. Bene, dopo aver atteso fino ad adesso, senza redditi ed anzi avendo speso alcune centinaia di euro per sostenere esami che avrebbero dovuto “alzare il punteggio”, sono stato escluso dal concorso, vedendo passare in graduatoria candidati anche meno qualificati. Con il lavoro non va meglio, perchè dopo innumerevoli CV inviati e circa 5 colloqui che ho sostenuto, non sono stato preso, principalmente per via che quello fatto in università è molto distante da quello che richiede il mercato. 

Scusate lo sfogo, se qualcuno ci è passato mi piacerebbe sentire la vostra storia. 

Buona serata.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro - Scuola
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

18 commenti a

Laurea, disoccupazione e altri problemi

Pagine: 1 2

  1. 1
    Pax -

    Per te è cosa fatta, ma per chi intende la laurea come strumento di lavoro e non culturalr, occorrerebbe verificare il mercato del lavoro.

    A volte 5 colloqui non bastano, e se non sono per una posizione legata al curriculum è inutile contarli. Servono solo come preparazione a quelli veri ed importanti.

  2. 2
    Rossella -

    Secondo me è naturale avvertire una sensazione di straniamento. Ma questo dipende dal fatto che in alcune persone la vocazione matrimoniale è sentita in maniera talmente forte da escludere mentalmente tutto il resto. Ma si tratta di un sentimento ancestrale più che di una chiamata specifica. Una volta appagato si ritorna sulla propria strada e questo talvolta accade anche quando le persone si sposano. Non c’è un rapporto di causa-effetto che porta verso la materia, si tratta di un fatto spirituale. Le scelte richiedono grande consapevolezza perché questo sentimento ancestrale potrebbe portare a mettere in secondo piano anche la famiglia. Per quanto potrebbe essere brutto da dire il matrimonio è soprattutto da vedere come un punto di partenza. Il baronismo di cui mi parli è un’invenzione letteraria; nel senso che, sì, dal punto di vista che ti ho descritto potrebbe sembrare così, ma in ogni ambiente conta la dimensione umana e chi è naturalmente più predisposto a stare insieme agli altri, mi riferisco soprattutto all’uomo, perché non vive quella sosta come un tradimento alla sposa riesce a naturalmente ad essere più collaborativo e socievole. Ma questo capita anche alla donna. Ci sono ragazze che spinte dagli eventi hanno dato alla loro vita una certa piega e non riescono a perdonarsi scelte che in sé non hanno niente di peccaminoso e quandanche ce l’avessero sarebbero comunque perdonabili. A noi è domandata questa fede: fede nel disegno d’amore che c’è su ciascuno i noi.

  3. 3
    Rossella -

    PS Il resto non cambia se non deve cambiare, ma almeno nella rassegnazione troveremo la pace e una sistemazione che con il tempo impareremo ad apprezzare. Umanamente è naturale sentirsi scoraggiati, ma non vale la pena affannarsi perché esiste una comunicazione che va oltre i sensi che spinge gli altri a non apprezzare la nostra buona volontà. Ci troveranno finti e penseranno che siamo delle persone poco sincere. Tanto vale accogliere quello che viene con la gioia nel cuore. Ti auguro di avere delle risposte positive!

    Buon fine settimana ;)

  4. 4
    Piccola78 -

    Caro ragazzo, ti consiglio di fare un’esperienza all’estero e poi, dopo aver perfezionato la lingua ed aver fatto riconoscere i tuoi titoli di studio, potrai decidere di prolungare la tua esperienza ed anche di restarvi, se si prospetta la possibilità di un lavoro stabile e giustamente retribuito. Puoi andare in Australia o fare tu stesso una ricerca del Paese che offre maggiori opportunità, creando relazioni di amicizia già da qui con chi è lì. Qui in Italia non c’è nulla, credere con insistenza alle illusioni porta solo alla perdita di sé stessi. Reagisci ed agisci!

  5. 5
    Yog -

    Celarge, guarda che i tuoi compagni di politecnico erano avanti a te parecchio. Il dottorato dovrebbero darlo a loro.
    Fai un gesto eclatante di protesta: rendi il diploma, storcendo il labbro inferiore in modo grottesco per far capire che sei imbronciato della sòla clamorosa che ti hanno tirato. Tanto hai capito a che serve. Il tuo diploma, dico.

  6. 6
    Mario80 -

    Caro ragazzo io sono passato da qualcosa molto simile una decina di anni fa.
    Sai come ho risolto?
    Ora ti scrivo dalla Svizzera…

  7. 7
    Delarge2 -

    Caro Pax,
    in realtà erano per posizioni pertinenti, di cui due vere e proprie occasioni in grandi aziende (stage pagato molto bene, con finalità di assunzione praticamente certa). Va be, spero di trovarne ancora.

    Piccola78 e Mario80,

    Ci penso spesso.. Credo che sia veramente l’unica alternativa.
    Certo che avete avuto coraggio.
    Secondo voi anche a 28 anni si può pensare una cosa del genere o è già tardi?
    Grazie per i consigli.

    Delarge

  8. 8
    suzanne -

    Se ti può consolare, la tua laurea rimane ancora una delle più spendibili sul mercato. Pensa ai porelli come me con lauree umanistiche che servono giusto a darsi un tono con gli amici dei nonni! Ho un’amica ingegnere delle materie plastiche che ora, avendo dovuto lasciare il lavoro, si deve rimettere sul mercato, ma essendo in età per filiare risulta molto dura. Tu sei pure uomo, quindi non ti abbattere!

  9. 9
    Yog -

    Anche in Germania assumono parecchio. E la paga è ottima, così come l’orario. Basta che vai al ghete istitut e fai un corso intensivo di tedesco, tanto sei giovane e la pensione prima dei 70 non te la danno perciò tempo ne hai per pagare contributi.
    Da noi il dottorato non serve. O meglio, serve alle Università per fare cassa.

  10. 10
    Piccola78 -

    A 28 anni è d’obbligo farlo: è l’età giusta, che poi non torna più.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.