Pagine: 1 2 3

L'immagine degli Italiani all'estero

Giove38
14-10-2000 09:06
Se qualcuno è stato fuori d'Italia quest'estate, ha notato quanto i nostri connazionali diventino cafoni e antipatici quando vanno all'estero ?
Magari in patria sono educati e gentili, ma appena escono dai confini si trasformano. Sempre attaccati al telefonino (magari solo per far vedere che loro ce l'hanno), parlano ad alta voce, si agitano e disturbano tutti.
Io sono stato una settimana a Barcellona ed ero arrivato a vergognarmi di farmi riconoscere per Italiano (ci ero riuscito benissimo vestendomi da tedesco, che poi era anche più comodo: colori chiari, bermuda e sandalacci; parlando a voce normale e lasciando in albergo il cellulare).
Forse sono io che sono troppo sensibile ? Per favore i vostri commenti.
tabubue
14-10-2000 10:44
Quest'estate è stata la Sua prima volta fuori dai confini nazionali ?
By the way, Barcellona è una città meravigliosa
Giove38
14-10-2000 15:08
Quote:
Lettera originale scritta da tabubue
Quest'estate è stata la Sua prima volta fuori dai confini nazionali ?
No, è stata l'ultima.
Ma sei d'accordo o no ?
loren76
15-10-2000 01:50
Per fortuna quando vado all'estero, mi scambiano per tedesco o scandivano ,nonche' una volta all'hard rock di parigi sono stato scambiato per americano da americani.
E ci tengo , perche' per qualche motivo all'estero abbiamo una brutta fama, shit.Perche'?
Dopo un anno passato a Los Angeles mi rendo conto che qui siamo troppo superbi e la maggioranza non comprende che il centro del mondo non e' qui nel mediterraneo, forse era al trempo delle repubbliche marinare, ma di temop ne e' passato. Insomma quando gli italiani vanno all'estero ci vanno col l'atteggiamento del confronto e bisogna sempre dire che da noi e' meglio. Insomma toglietevi il paraocchi e accorgetevi che viviamo nella fogna , piena di specchietti per le allodole. So che a molti figli di papa' fa comodo girare il mondo e poi non ammettere che quello che abbiamo qui e notevolemente inferiore all'estero, a parte il cibo. meno opportunita' , meno senso civico, meno onesta' negli affari quotidiani, meno lungiamiranza da parte dei politici, meno rispetto degli altri nei fatti di vita quotidiana,meno ostentare .Mi piacciono gli americani perche' , giovani come noi sono essenziali non hanno nulla di piu' di cio' che serve per vivere anche perche' se sono da soli non se lo possono permettere e non giudicano la gente per il vestito , per la macchina o per che' cambiano il cell una volta all'anno o perche' hai una bella morosa.
Spero di andare via da questo luogo pieno di superbi al piu' presto per andare dove mi sento apprezzato per quello che sono e non per come si appare.
Have a nice day.
Lorenzo
MI piace andare all'estero per che' ce sempre qualcosa da imparare che qualche parassita che vive qui in Italia dovrebbe farne tesoro.
Insomma per fortuna sono biondo e occhi azzurri, cosi' di italiano non ho nulla e non compiango il fatto.
cianuro
15-10-2000 06:50
Fatti fare un visto a tempo indeterminato per qualche paese che ti piace e non ci rompere piu' le gonadi. Specie con quelle tre frasi di inglese striminzito che parli. Apprezza di piu' cio' che hai e guardati meno telefilm, moccioso!
tabubue
15-10-2000 11:51
Sono d'accordo in parte. Gli americani sono i piu' rumorosi. Gli spagnoli si muovono come in un gregge. I tedeschi e gli inglesi all'estero sono molto arroganti e quasi sempre ubriachi. Non parliamo dei francesi.......saccenti, falsi snob, e puzzoni.

E' vero che bisogna registrare un forte degrado nel comportamento degli italiani. Oramai non esiste piu' un luogo dove si insegnano le basi del comportamento civico. Allora la colpa di chi è ?
Randagia
15-10-2000 14:05
Ciao a tutti...
sono approdata qui oggi per curiosita'...ma quando leggo certe cose non riesco a stare zitta...
Felice di non essere Italian looking ?..ma dai..

Io tra gli scandinavi ci vivo, e per me e' come andare in giro con "made in Italy" tatuato in forte, bassa e mora come sono non c'e' verso di camuffarsi..ne' vorrei farlo.

Certo, abbiamo i nostri punti deboli: la polizia che mi ferma per eccesso di velocita' mi dice "Non siamo mica in Italia qui"...quando anche per sbaglio, passo avanti a uno in coda in pasticceria, magari mi sento rimproverare "Non siamo mica in Italia qui"...ma poi quando si parla di ospitalita', gentilezza verso gli altri, nelle relazioni interpersonali...i buoni scandinavi mi dicono con tono malinconico "Purtroppo non siamo mica in italia qui..." e questo mi ripaga di tutte le altre figuracce...
Questo per dire, che una fogna proprio non siamo...e neanche che siamo gli dei del mondo..ma dai a Cesare quel che e' di Cesare...

Pizza mafia e mandolino ci accompagneranno ovunque, la cosa e' radicata...ma superbi e parassiti sono novita' per me...e sinceramente spero che non siano in tanti a pensarla come Lorenzo....

Anch'io adoro andare all'estero, confrontarmi con altre culture...anch'io adoro l'america ( li' forse non ti giudicano per la macchina o per la ragazza perche' vanno diretti alla carta di credito ??? Non lo so eh, mi e' stato detto da chi ci vive)....tutto diverso, tutto interessante...ma comunque, non vedo l'ora di tornare in Italia, sara' che di suberbi e parassiti ne ho trovati anche all'estero ?

come a scuola, sono andata fuori tema ?

Saluti
Randagia


tabubue
15-10-2000 19:22
Cara Randagia, "non siamo mica in Italia qui" suona come un rimprovero, ma in fondo in fondo anche loro desidererebbero avere il ritmo di vita italiano, quel piacevole disordine che alimenta la vita, quella maniera di guardare il mondo. Ho capito che ci invidiano, e anche molto, credimi. Diciamo pure che da un svedese, con tutto rispetto per quel paese, questo rimprovero sembra una caricatura. Vivere in Svezia deve essere una rottura...

Benvenuta!
Affettuosamente


PS Loren 76, non ti preocuppare. Comincia con l'amare di piu' il tuo paese anche con l'umiltà che ti serve per migliorare.....you know "nobody is perfect!!!"

Randagia
15-10-2000 20:39
Ti credo bene, Tabubue...lo confessano bene di invidiarci e mi accusano di essere pazza a vivere qui invece che in Italia, ..cosa che prendo comunque per un complimento!

Grazie per il benvenuto,

Alla prossima
Randagia
spicy
16-10-2000 14:37
D’accordissimo con Cianuro, Randagia e Tutubue vorrei dire, a tutti coloro che VANNO IN VACANZA e pensano di essere nati nel paese sbagliato, che prima di passare a certe considerazioni, abbiatealmeno il buon senso di VIVERCI, solo per un po’, all’estero.
Vi assicuro che rimpiangerete l’italia, tutti i suoi pregi ed anche tutti i suoi difetti, e realizzerete anche che e’ ora di smetterla di essere cosi’ critici ed avere un po’ piu’ di autostima.
Alla fine, siamo piu’ amati degli americani e dei francesi (per non parlare degli scandinavi, e chi li conosce?), ve lo posso assicurare.
Viva l’Italia!
Spicy dal Canada.

enrico
16-10-2000 14:53
Non riesco proprio a capire, non mi sembra che vi siano
vizi o virtu' nazionali. Ho vissuto in USA Canada Francia
Scandinavia Spagna Portogallo e vado spesso per lavoro in
Germania, e ovunque ho trovato persone gentili e sgarbate,
intelligenti e meno, corrette e disoneste.
Gli stereotipi sui vizi nazionali mi sembrano tipici di
chi conosce gli altri paesi solo attraverso la TV o qualche
settimana nei villaggi vacanze.
Non siamo ne' migliori ne' peggiori degli stranieri.
Purtroppo l' immagine che all'estero molte persone ignoranti
si fanno dell' italiano e` rovinata dai molti emigranti
che hanno esportato il loro basso livello intellettuale e
il loro scarso rispetto per le regole della vita associata.
Cerchiamo dunque noi italiani all'estero di migliorare
quest'immagine con una condotta esemplare!
Giove38
16-10-2000 18:41
Scusate, vorrei richiamarvi al tema, che era: perchè gli italiani, QUANDO VANNO ALL'ESTERO, diventano così stro..i e antipatici, mentre in Italia non sono peggio degli altri ?
E' un fatto di costume, non una tara nazionale.
enrico
16-10-2000 18:44
Caro sig. Giove,
come italiano che vive all'estero, dovrei sentirmi offeso dei suoi epiteti di stro..o e antipatico, immagino..
cianuro
16-10-2000 19:08
Quote:
Lettera originale scritta da Giove38
Scusate, vorrei richiamarvi al tema, che era: perchè gli italiani, QUANDO VANNO ALL'ESTERO, diventano così stro..i e antipatici, mentre in Italia non sono peggio degli altri ?
E' un fatto di costume, non una tara nazionale.
Giove generalizzi troppo secondo me. Qui' tutte le estati ad agosto arrivano "gli italiani". A volte sono beceri e cafoni e a volte sono educati e rispettosi della cultura e dei luoghi. E' capitato anche a me di vedere italiani in vacanza all'estero e di essermi vergognato per loro, ma spesso sono ragazzini alle prime uscite fuori dai confini che si ubriacano o che fanno gli spavaldi perche' "in branco". Alla fine non credo che siamo peggio di altri, come in tutti i paesi del mondo l'educazione e' un fatto di cultura.
spicy
16-10-2000 19:19
ma perche' a voi sembrano cosi' stro..i e antipatici?
io non la vedo cosi', l'unica "pecca" e' che noi non siamo abituati alle mance, anzi, chiediamo lo sconto...!
insomma, anche qui, tutto dipende forse dall'esperienza fatta...
Giove38
16-10-2000 19:49
Quote:
Lettera originale scritta da enrico
Caro sig. Giove,
come italiano che vive all'estero, dovrei sentirmi offeso dei suoi epiteti di stro..o e antipatico, immagino..
Scusa, comunque mi riferivo ai turisti.
Kid
16-10-2000 21:35
scusate sono provinciale!!!!

finora l'estero per me sono stati san marino e il vaticano, anche in questi posti c'erano dei maleducati, ma non conoscendo le lingue non so da dove venivano!!!!!!

enrico
17-10-2000 09:41
Dalla mia esperienza non sembra che gli Italiani all'estero siano antipatici.
I luoghi dove ho vissuto e vivo di piu' sono la Costa Azzurra e la California del nord. Gli italiani che vi ho incontrato sono sempre stati educati e cortesi.
Non la stessa cosa posso dire degli inglesi ad esempio.
raggiodisole
17-10-2000 11:01
Quote:
Lettera originale scritta da Giove38
Scusate, vorrei richiamarvi al tema, che era: perchè gli italiani, QUANDO VANNO ALL'ESTERO, diventano così stro..i e antipatici, mentre in Italia non sono peggio degli altri ?
E' un fatto di costume, non una tara nazionale.
RISPOSTA.
Personalmente penso che di gente simpatica o antipatica, educata o maleducata, colta o ignorante, gentile o cafona, sia pieno il mondo.
Ho vissuto nelle piú grandi capitali europee ed ho girato l'Europa in lungo e in largo, per lavoro e per piacere (ok, non sono mai stata in club-vacanze), e dovunque ho incontrato persone interessanti, italiane e non, con molte delle quali sono tutt'ora in contatto - persino dopo anni.
Di italiani che esibiscono il cellulare appena possono o che parlano ad alta voce per farsi notare ne é piena l'Italia e non occorre andare in Spagna per trovarli.
È troppo facile generalizzare.
In Germania, dove vivo e lavoro da un anno (con una laurea in tasca) gli italiani sono rispettati piú di quanto immaginassi al mio arrivo qui. I tedeschi sognano la Toscana e le librerie pullulano di riviste e di libri sull'Italia, sulle sue tradizioni e sulla sua cucina. Allo stesso modo ho scoperto che tanti luoghi comuni sui tedeschi sono infondati o sono legati alla vecchia generazione.
In pratica, sono perfettamente daccordo con Enrico e con Randagia.
Sono orgogliosa di essere italiana e faccio di tutto per lasciare una buona idea in quanto italiana all'astero, ma ci tengo a sottolineare che se fossi in Italia agirei comunque allo stesso modo: é semplicemente una questione di dignitá personale.
In ogni caso posso garantire che gli italiani che lavorano all'estero sono apprezzati e stimati e contribuiscono a dare dell'Italia un'immagine che va ben oltre a quella stile "Spaghetti-Mafia-Mandolino".

Siate orgogliosi di essere Italiani!
Ciao, Raggiodisole.
enrico
17-10-2000 11:14
Grazie raggiodisole,
mi sembra che siamo un po' tutti d'accordo che gli italiani all'estero o in patria non sono ne' piu' ne' meno antipatici degli stranieri.
Dunque, se il sig. Giove non ha altro da ribattere, possiamo anche chiudere il tema.
tabubue
17-10-2000 12:58
Condivido pienamente le tue opinioni esposte. In Italia, c'è proprio di tutto. E'logico che i tedeschi amino la Toscana....Prova a guardare una domenica mattina la TV tedesca e capirai la disperazione di questo popolo.
E' agghiacciante.

Cortesemente benvenuta

Tabubue

luca
18-10-2000 00:40
un saluto dall`Olanda
Per loren76 e a tutti i partecipanti alla discussione.
Non credo che dobbiamo generalizzare. ci sono italiani e italiani,come ci sono olandesi e olandesi, inglesi e inglesi.
I classici turisti italiani sono un po` arroganti ed effettivamente si fanno riconoscere (e spesso non in positivo)quandi sono in altri paesi,sembra che siano fatti con lo stampino,sono tutti uguali ma ci sono anche altri italiani che non hanno nulla da invidiare e anzi sono migliori,credo solo che sia un fatto culturale(anche se quando faccio la fila in qualche negozio a Amsterdam e` difficile trovare una persona che ti vuole passare avanti in Italia capita spesso).
Io sono italiano e mi vanto di esserlo anche se qualche volta preferisco non farmi riconoscere come tale (generalmente capita in estate quando c`e` l`invasione turustica dalla penisola).
A livello lavorativo ci sono molti stati migliori,e dove seipiu` apprezzato e incentivato a migliorare,ma non sono tutte rose e fiori,a esempio c`e` piu` stress e poi loren,hai mai lavorato veramente all`estero o conosci gli altri paesi perche`ci vai in vacanza?
Io ho praticamente contatto solo con gli olandesi,tedeschi,americani e inglesi e ti posso dire che anche loro hanno i loro punti negativi;
Gli inglesi; Non sono stati ancora informati che le colonie le hanno perse e che gli altri popoli non sono sudditi,e di conseguenza non sono obbligati a capire (non dico l`inglese comune)alcuni loro indecifrabili dialetti.
Ai Francesi qualcuno (e non so chi)gli ha detto che sono i migliori,e anche su questo si potrebbe aprire un dibattito.
Gli Americani: Pensano principalmente ai soldi e alla cariera (ci sono di quelli che dopo 5/6 anni devono ancora prendere le ferie) e giudicano le altre nazione come un qualcosa fuori dagli USA (qualcuno dovrebbe darle qualche ripetizione storica e culturale)dato che ci chiamano comunemente ROW ,cioe` il resto del mondo.
Come possiamo vedere la perfezione (da cui anche Io ne sono molto distante)e` ancora lontana.
Saluti a tutti.
Giove38
18-10-2000 08:15
Va bene, va bene, ho capito.
Non mi resta che dire che quando vado all'estero divento stro..o e antipatico. Questo almeno vi sta bene ?
francy
18-10-2000 23:24
sono daccordo con giove38 ,secondo me per fare in modo che questa Italia migliori,bisognerebbe che l'italiano andasse almeno una volta all'anno all'estero,osservando "in silenzio" per poi imparare.
Giove38
19-10-2000 19:27
Quote:
Lettera originale scritta da francy
sono daccordo con giove38 ...
Scusa, con quale delle mie lettere ?

Pagine: 1 2 3

Home

vBulletin Copyright ©2000 - 2011, Jelsoft Enterprises Limited.