Pagine: 1 2

Carmina Burana

Eddie









Rota fortunae



Fortuna imperatrix mundi



O Fortuna - corus



O Fortuna,
velut luna
statu variabilis,
semper crescis
aut decrescis;
vita detestabilis
nunc obdurat
et tunc curat
ludo mentis aciem,
egestatem,
potestatem
dissolvit ut glaciem.


sors immanis
et inanis,
rota tu volubilis,
status malus,
vana salus
semper dissolubilis,
obumbrata
et velata
mihi quoque niteris;
nunc per ludum
dorsum nudum
fero tui sceleris.


sors salutis
et virtutis
mihi nunc contraria,
est affectus
et defectus
semper in angaria.
hac in hora
sine mora
corde pulsum tangite;
quod per sortem
sternit fortem,
mecum omnes plangite!



O Fortuna - Coro
O Fortuna, cambi di forma come la luna, sempre cresci o cali; la vita detestabile ora abbatte ora cura a turno le brame della mente, dissolve come ghiaccio miseria e potenza. Sorte possente e vana, mutevole ruota, maligna natura, vuota prosperità che sempre si dissolve, ombrosa e velata sovrasti me pure; ora al gioco del tuo capriccio io offro la schiena nuda. Le sorti di salute e di successo ora mi sono avverse, tormenti e privazioni sempre mi tormentano. In quest'ora senza indugio risuonino le vostre corde; a caso ella abbatte il forte, con me tutti piangete!


Traduzione di Eddie
la Contessa


El sol atesora las cosas
puro y sutil el rostro de abril
hace nuevo al mundo
el espiritu febril
avanza hacia el amor
y sobre los gozadores
baila el joven dios
La renovacion de las cosas
con inmutable ley
autoridad del pensamiento
que nos ordena el gozar
conservame solitario en mis caminos
y en esa bella estacion
sea nuestra sepultura
Cuando estamos
en la taberna
no nos preocupa
nuestra sepultua
Amame fielmente asi,asi
el atomo es la fe
que inpregna mi corazon
cuando estoy lejos
estoy cerca de todo
pudricion y soledad
para el que ame de este modo
Eddie
Quote:
Originale di la Contessa



El sol atesora las cosas
puro y sutil el rostro de abril
hace nuevo al mundo
el espiritu febril
avanza hacia el amor
y sobre los gozadores
baila el joven dios
La renovacion de las cosas
con inmutable ley
autoridad del pensamiento
que nos ordena el gozar
conservame solitario en mis caminos
y en esa bella estacion
sea nuestra sepultura
Cuando estamos
en la taberna
no nos preocupa
nuestra sepultua
Amame fielmente asi,asi
el atomo es la fe
que inpregna mi corazon
cuando estoy lejos
estoy cerca de todo
pudricion y soledad
para el que ame de este modo .....

Lola la ringrazia per questo post Contessa, e le fa tanti auguri di buone feste, colgo l'occasione per unire a questi anche quelli che, insieme ai Suoi, manda a latoB. :)
la Contessa
Felices fiestas Lola y Eddie. Les dedico un poema aparentemente muy duro pero desde mi punto de vista muy lindo. Suerte.............



Dame tu mano principe sapo
vas a saber como muerde
un hijo de changarin ,un hijo de albañil
dame a tu puta rey de las pampas
vas a saber como dice
un judio drogado
un nazi drogado
un ninja drogado
quiero volver a nacer
pero esta vez en la luna
solo......

Hijo de puta vendiste tu esencia
al gringo negrero
que aprieta y apriieta
y yo ya no aguanto
tu pija en mi orto
prefiero explotar a servirte de forro
Son larvas inutiles,unos pobres pelotudos
el poder los deja ciegos y el culiau
se pone duro
dame tu mano principe sapo
y que me explote la hiel
si no te la arranco
Yo te digo hijo de remilputa...

Eddie
Quote:
Originale di la Contessa



El sol atesora las cosas
puro y sutil el rostro de abril
hace nuevo al mundo
el espiritu febril
avanza hacia el amor
y sobre los gozadores
baila el joven dios
La renovacion de las cosas
con inmutable ley
autoridad del pensamiento
que nos ordena el gozar
conservame solitario en mis caminos
y en esa bella estacion
sea nuestra sepultura
Cuando estamos
en la taberna
no nos preocupa
nuestra sepultua
Amame fielmente asi,asi
el atomo es la fe
que inpregna mi corazon
cuando estoy lejos
estoy cerca de todo
pudricion y soledad
para el que ame de este modo




Omnia sol temperat


Omnia sol temperat
purus et subtilis,
nova mundo reserat
facies Aprilis,
ad amorem properat
animus herilis
et iocundis imperat
deus puerilis.

rerum tanta novitas
in solemni vere
et veris auctoritas
iubet nos gaudere;
vias prebet solitas,
et in tuo vere
fides est et probitas
tuum retinere.


ama me fideliter,
fidem meam nota
de corde totaliter
et ex mente tota.
sum presentialiter
absens in remota.
quisquis amat taliter,
volvitur in rota.


Puro e leggero il Sole tutto riscalda, si schiude al mondo il volto nuovo di Aprile, l'animo nobile si affretta all'amore, e il dio fanciullo impera sui sereni. Tanto rinnovarsi nella sacra primavera e la sua possanza ci comandano di godere; schiude le vie ben note, e nella tua primavera fedeltà e onestà vogliono che tu sia stretto a chi ami. Amami fedele, guarda la mia fedeltà integra di cuore e di tutta la mente. Sono a te presente anche se vivo lontano. Chi ama in tal modo, è straziato dalla ruota.

T.d E.
Surfinia
Ma vai a letto Eddie, che mo' te finisce l'effetto della pera..

Bacinibacini

Surfinia
la Contessa






Estuans interius

Estatus interius
ira vehementi
in amaritudine
loquor mee menti:
factus de materia,
cinis elementi
similis sum folio,
de quo ludunt venti.

Cum sit enim proprium
viro sapienti
supra petram ponere
sedem fundamenti,
stultus ego comparor
fluvio labenti,
sub eudem tramite
nunquam permanenti.

Feror ego veluti
sine nauta navis,
ut per vias aeris
vaga fertur avis;
non me tenent vincula,
non me tenet clavis,
quero mihi similes
et adiungor pravis.

Mihi cordis gravitas
res videtur gravis;
iocis est amabilis
dulciorque favis;
quicquid Venus imperat,
labor est suavis,
que nunquam in cordibus
habitat ignavis.

Via lata gradior
more iuventutis
inplicor et vitiis
immemor virtutis,
voluptatis avidus
magis quam salutis,
mortuus in anima
curam gero cutis.


Ardiendo interiormente con ira vehemente,en mi amargura hablo conmigo mismo. De materia hecho, mi elemento es la ceniza,soy como una hoja
con la que los vientos juegan. En vista de que es lo propio para que un hombre sabio pueda colocar sobre la roca los cimientos de su morada, soy indómito,
como un río impetuoso, bajo cuyo curso nada perdura.
Soy arrastrado violentamente como una nave sin marinero, igual que por los aires vaga una ave extraviada. Las cadenas no me atan, una llave no me retiene; Busco a aquellos que son como yo, y me encuentro con la perversidad.
La languidez de mi corazón parece un asunto grave; bromear es agradable
y más dulce que los panales. Todo lo que Venus pueda ordenar es muy agradable, ella nunca habita en los corazones indolentes.
Sobre un escabroso camino voy, como cualquier hombre joven, sumergido en la depravación, olvidando la virtud, ávido de placer más que de salud,
muerto en espíritu yo cuido mi piel.


figo
Quote:
Originale di Surfinia
.....
Che fai Surfinia in piedi a quest'ora? Lascia perdere quell'allucinato di Eddie, spegni il computer e torna a letto.
Surfinia
..Eddistro..osson...si presentò sulla tolda con l'ago della pera che gli penzolava conficcato nell'avambraccio. Ed urlava come un ossesso: "L'avatar di Lolagozzir è quello di una bellissima donna e il suo collo sembra al massimo quello di una figura di Modigliani.!"
A chi gli faceva notare che si era scordato la siringa infilata nel braccio, fu aggredito violentemente e minacciato con offese e la siringa medesima che ora si era sfilato e brandiva come uno stiletto..Mentre continuava a urlare in faccia a tutti: " Chi è quel bas.ardo che ha stroncato quella delicata poetessa sicula che ci deliziava con i suoi strambotti e rispondeva allo pseudonimo di ForSepoetir?"..
Il Capitano per il momento non trovò altra soluzione che far immobilizzare l'invasato. E farlo legare all'albero maestro.

(Continua?)

Bacinibacini

Surfinia
la Contessa




In truitina

In trutina mentis dubia
fluctuant contraria
lascivus amor et pudicitia.
Sed eligo quod video,
collum iugo prebeo:
ad iugum tamen suave transeo
Eddie
Quote:
Originale di la Contessa




In truitina

In trutina mentis dubia
fluctuant contraria
lascivus amor et pudicitia.
Sed eligo quod video,
collum iugo prebeo:
ad iugum tamen suave transeo
.....


"Sulla bilancia dubbiosa della mente oscillano contrari amor lascivo e pudore. Ma scelgo quel che vedo, porgo il collo al giogo; passo a un giogo ben soave."

Grazie Contessa, è stato, come al solito, un piacere transeare la notte in sua compagnia. "In truitina" è giunto ad hoc. :)
Buona... notte, immagino.
amelia
Quote:
Originale di Surfinia
.....
tra messaggio e firma direi surfiniotto che il natale ti ha atterrato del tutto
sbocchi bile ... fantastichi siringhe e c..zi in bocca a bei maschietti
direi che come crisi di astinenza ci siamo
uno psicolettico credo ti aiuterebbe mentre aspetti riapra il sert.

amelia
Eddie
Quote:
Originale di la Contessa









Estuans interius

Estatus interius
ira vehementi
in amaritudine
loquor mee menti:
factus de materia,
cinis elementi
similis sum folio,
de quo ludunt venti.

Cum sit enim proprium
viro sapienti
supra petram ponere
sedem fundamenti,
stultus ego comparor
fluvio labenti,
sub eudem tramite
nunquam permanenti.

Feror ego veluti
sine nauta navis,
ut per vias aeris
vaga fertur avis;
non me tenent vincula,
non me tenet clavis,
quero mihi similes
et adiungor pravis.

Mihi cordis gravitas
res videtur gravis;
iocis est amabilis
dulciorque favis;
quicquid Venus imperat,
labor est suavis,
que nunquam in cordibus
habitat ignavis.

Via lata gradior
more iuventutis
inplicor et vitiis
immemor virtutis,
voluptatis avidus
magis quam salutis,
mortuus in anima
curam gero cutis.

Sentendomi bruciare dall’ira veemente, amaramente parlo con me stesso: sono fatto di materia, di cenere e polvere, sono come una foglia con cui giocano i venti. Se è proprio dell’uomo saggio porre sulla roccia la base delle fondamenta, io mi paragono, stolto, a un fiume impetuoso che non scorre mai nello stesso alveo. Sono sballottato come una nave senza marinaio, come un uccello per le vie del cielo; nessun legame mi trattiene, nessuna chiave mi vincola; cerco gente simile a me e mi associo con gentaglia. Mi sembra pesante la durezza del cuore; il gioco è invece piacevole e più dolce di un favo di miele. Tutto ciò che Venere comanda è un lavoro soave, che non abita mai nei cuori ignavi. Cammino per una via larga, come in gioventù, mi lascio implicare dai vizi, immemore della virtù, sono avido di piacere più che di salvezza; morta è la mia anima, mi curo solo del corpo.
pivi
Carmian Burana medioevali o rivisitati da Orff ??
Eddie
Quote:
Originale di pivi
Carmian Burana medioevali o rivisitati da Orff ??

.....
Questi sono di Orff, le modifiche al testo non sono per niente devastanti e c'è il vantaggio che si possono ascoltare in musica. Di quasi tutti quelli originali non c'è spartito. Tradurli rende molto più piacevole l'ascolto, non è sufficiente conoscerne il significato, se se ne fa la traduzione si ascoltano bene le parole, altrimenti le voci diventano strumenti come gli altri.
pivi
Quote:
Originale di Eddie
Di quasi tutti quelli originali non c'è spartito.
.....e nei CD che vendono, e che io ho comprato, la musica da dove l'hanno presa?
Eddie
Quote:
Originale di pivi
.....e nei CD che vendono, e che io ho comprato, la musica da dove l'hanno presa?
Nel 1937, appunto Carl Orff, ha musicato i Carmina Burana, sono state prodotte anche altre versioni, anche ottenute senza modificare i testi, ma quella di Orff è quella che ha ottenuto il maggiore successo.
la Contessa




Tempus es iocundum

Tempus est iocundum,
o virgines,
modo congaudete
vos iuvenes.

Oh, oh, oh,
totus floreo,
iam amore virginali
totus ardeo,
novus, novus amor
est, quo pereo.

Mea me confortat
Promissio,
mea me deportat

Oh, oh, oh,
totus floreo,
iam amore virginali
totus ardeo,
novus, novus amor
est, quo pereo.

Tempore brumali
vir patiens
animo vernali
lasciviens.

Oh, oh, oh,
totus floreo,
iam amore virginali
totus ardeo,
novus, novus amor
est, quo pereo.

Mea mecum ludit
virginitas,
mea me detrudit
simplicitas.

Oh, oh, oh,
totus floreo,
iam amore virginali
totus ardeo,
novus, novus amor
est, quo pereo.

Veni, domicella,
cum gaudio,
veni, veni, pulchra
iam pereo.

Oh, oh, oh,
totus floreo,
iam amore virginali
totus ardeo,
novus, novus amor
est, quo pereo.

la Contessa
Quote:
Originale di pivi
.....e nei CD che vendono, e che io ho comprato, la musica da dove l'hanno presa?
la Contessa



Si puer cum puellula

Si puer cum puellula
moraretur in cellula,
felix coniunctio.
Amore suscrescente
pariter e medio
avulso procul tedio,
fit ludus ineffabilis
membris, lacertis, labii.






Si un muchacho y una muchacha

Si un muchacho y una muchacha,
yacen en una pequeña habitación,
feliz su unión.
A medida que el amor aumenta,
y desde su intimidad,
el tedio es lanzado lejos,
y empieza un inefable juego
en sus miembros, sus brazos, sus labios.


Carmen de Ronda
Quote:
Originale di la Contessa
.....
Grazie Contessa.

Questo soneto di Quevedo è per lei:



A fugitivas sombras doy abrazos;
en los sueños se cansa el alma mía;
paso luchando a solas noche y día
con un trasgo que traigo entre mis brazos.

Cuando le quiero más ceñir con lazos,
y viendo mi sudor, se me desvía,
vuelvo con nueva fuerza a mi porfía,
y temas con amor me hacen pedazos.


Voyme a vengar en una imagen vana
que no se aparta de los ojos míos;

búrlame, y de burlarme corre ufana.
Empiézola a seguir, fáltanme bríos;
y como de alcanzarla tengo gana,
hago correr tras ella el llanto en ríos.
pivi
Quote:
Originale di Eddie
Nel 1937, appunto Carl Orff, ha musicato i Carmina Burana, sono state prodotte anche altre versioni, anche ottenute senza modificare i testi, ma quella di Orff è quella che ha ottenuto il maggiore successo.
Bettina Hoffmann, direttore e al tempo stesso musicista dell’ensemble, ci spiega con cortesia ed entusiasmo che un vero e proprio spartito musicale originale dei "Carmina Burana" non esiste. Sul manoscritto medievale di queste poesie si trovano, in corrispondenza di alcune parole, i ‘neumi’, ossia i segni convenzionali di notazione musicale di quel tempo, diciamo gli antenati delle note. Questa scrittura musicale non era però precisa e doveva essere interpretata dagli stessi musicisti che volevano eseguirla. Così hanno dovuto fare anche i musicisti di Modo Antiquo, potendosi comunque riferire nel loro intento filologico a copie successive dei "Carmina Burana" che riportavano indicazioni musicali a volte più ricche e precise.

La ricerca di questi musicisti non si è fermata qui. Infatti hanno dovuto ricostruire con le loro mani, grazie all’aiuto di maestri liutai, gli strumenti musicali del Medioevo, recuperando informazioni dai disegni e dalle descrizioni esistenti. Ed ecco che sul palco dello Zandonai rivivono la gironda, strumento musicale a corde azionato con una manovella, e il salterio, strumento antico di origine orientale, a forma triangolare, con corde tese da suonarsi con le dita o con un plettro. I giovani musicisti, tutti italiani, durante l’intervallo invitano il pubblico vicino al palco, mostrando gli strumenti e spiegando, per esempio, che la ciaramella e la bombarda (due specie di flauto diritto) sono gli antenati dell’oboe, e che la tromba marina è uno strumento… a corde!

M
a allora, com’era questa musica medievale?
Di certo molto diversa dalla nostra, poiché
ogni strumento di quel tempo non possedeva timbri o sonorità diverse. Era l’insieme di questi che creava la musica. Così le varie formazioni denotavano il carattere voluto in una data melodia. Nei "Carmina Moralia et Divina" il salterio ed una piccola arpa accompagnano la voce femminile che prega la Vergine Maria ("Ave nobilis" CB 11), campanelli e tamburi scandiscono ritmicamente la declamazione di menzogna e reato ("Ecce torpet probitas" CB 3), mentre in "Dic Christi veritas/Bulla fulminante" CB 131/131a si alternano la voce femminile accompagnata da liuto e ribecca e un coro maschile accompagnato da percussioni, strumenti a fiato e sonagli, seguendo l’alternarsi di verità e ingiustizia.


Va bhe hai detto una c..zata.

Non e' così grave..........
shelburn
Quote:
Originale di pivi
.....
Interessante quello che hai scritto.
Ma ho faticato assai per leggerlo :(
Posso pregarti di usare un colore più visibile, per favore ?
Sai, già porto gli occhiali, già ho un'età... già ce vedo poco... già per lavoro sto sempre a guardà nei monitor degli altri, e spero tu capisca senza che io dica...
Insomma, se tu potessi agevolare il lettore con una tinta più scura, te ne sarei grato :)
Eddie
Quote:
Originale di pivi
Bettina Hoffmann, direttore e al tempo stesso musicista dell’ensemble, ci spiega con cortesia ed entusiasmo che un vero e proprio spartito musicale originale dei "Carmina Burana" non esiste. Sul manoscritto medievale di queste poesie si trovano, in corrispondenza di alcune parole, i ‘neumi’, ossia i segni convenzionali di notazione musicale di quel tempo, diciamo gli antenati delle note. Questa scrittura musicale non era però precisa e doveva essere interpretata dagli stessi musicisti che volevano eseguirla. Così hanno dovuto fare anche i musicisti di Modo Antiquo, potendosi comunque riferire nel loro intento filologico a copie successive dei "Carmina Burana" che riportavano indicazioni musicali a volte più ricche e precise.



La ricerca di questi musicisti non si è fermata qui. Infatti hanno dovuto ricostruire con le loro mani, grazie all’aiuto di maestri liutai, gli strumenti musicali del Medioevo, recuperando informazioni dai disegni e dalle descrizioni esistenti. Ed ecco che sul palco dello Zandonai rivivono la gironda, strumento musicale a corde azionato con una manovella, e il salterio, strumento antico di origine orientale, a forma triangolare, con corde tese da suonarsi con le dita o con un plettro. I giovani musicisti, tutti italiani, durante l’intervallo invitano il pubblico vicino al palco, mostrando gli strumenti e spiegando, per esempio, che la ciaramella e la bombarda (due specie di flauto diritto) sono gli antenati dell’oboe, e che la tromba marina è uno strumento… a corde!


M

a allora, com’era questa musica medievale?
Di certo molto diversa dalla nostra, poiché
ogni strumento di quel tempo non possedeva timbri o sonorità diverse. Era l’insieme di questi che creava la musica. Così le varie formazioni denotavano il carattere voluto in una data melodia. Nei "Carmina Moralia et Divina" il salterio ed una piccola arpa accompagnano la voce femminile che prega la Vergine Maria ("Ave nobilis" CB 11), campanelli e tamburi scandiscono ritmicamente la declamazione di menzogna e reato ("Ecce torpet probitas" CB 3), mentre in "Dic Christi veritas/Bulla fulminante" CB 131/131a si alternano la voce femminile accompagnata da liuto e ribecca e un coro maschile accompagnato da percussioni, strumenti a fiato e sonagli, seguendo l’alternarsi di verità e ingiustizia.




Va bhe hai detto una c..zata.


Non e' così grave.......... .....
Non solo non SAREBBE grave, ma non è neanche una c..zata. Non mi ci rompo neanche le dita su gogle per trovarti la prova che quella immondizia che hai postato tu non ha niente a che vedere con le prove di una mia c..zata, e non mi metto certo a farti un copia incolla della prova che le c..zate le dici tu. Ti posto direttamente un link, nel quale troverai addirittura, molto probabilmente, la copertina del CD di cui parlavi nella tua richiesta di chiarimento:

http://www.harmoniae.com/cd_carminaburana.cfm

Ma questo è solo uno dei tanti link che parlano di quanto tu sia imbecille. :)

Questa schifezza di copia incolla che hai postato tu qui sopra senza neanche specificarne la dubbia provenienza, invece, puoi stampartela e farne l'uso per il quale è più appropriata: pulirtici la bocca invece di usare la solita carta igienica.
Bene Pivi, quanto sei cretino lo sapevamo gia, non ho avuto alcun dubbio che stavi per darne un'ulteriore dimostrazione quando mi hai chiesto qualcosa che chiunque non fosse stato in malafede sarebbe andato a cercare su google, ora la dimostrazione l'hai data, raccogli i tuoi stracci e levati dalle palle.
Carmen de Ronda
La Alhambra, el Patio de Comares



Pagine: 1 2

Home

vBulletin Copyright ©2000 - 2011, Jelsoft Enterprises Limited.