Salta i links e vai al contenuto

Minacce al telefono da Consumit

Caro Direttore,
mi chiamo Maria Rita Cellamaro, le scrivo per raccontarle un fatto a me accaduto a novembre 2010. A causa della crisi sull’ edilizia, mio marito Andriotta Paolo è rimasto a casa senza lavoro da aprile 2010. Io il 13 dicembre del 2008 ho aperto un bar con un finanziamento chiesto alla mia banca Monte Paschi di Siena. Dopo un paio di giorni la banca mi ha dato il via e con i soldi del finanziamento di consumit ho potuto aprire il bar. Ho sempre pagato tutti i mesi la rata di 360,00 euro fino a quando sempre a causa della crisi non riuscivo a mantenere la mia situazione finanziaria. Dopo due rate non pagate di consumit iniziarono le telefonate da parte di consumit, a volte col numero visibile e a volte anonime…la prima volta mi chiamò una ragazza che dalla voce mi sembrava molto giovane. Mi chiese del signor Andriotta (mio marito) e io le risposi che poteva tranquillamente parlare con me. “Signora, suo marito non ha pagato due rate. Come la mettiamo? Pensa di pagarle lei.?” Io molto dispiaciuta informai la signorina che mio marito aveva perso il lavoro da 8 mesi e quindi non siamo riusciti a pagare l’importo mensile prestabilito. Aggiunsi che comunque a Gennaio iniziava in un altra ditta. Lei mi disse “A me non importa, domani lei trova i soldi!” Io rimasi un po’ turbata, e le dissi che non avevo idea di dove trovarli e che se consumit avesse aspettato avrei saldato il mio debito. Lei “Signora tutti abbiamo i problemi. Sa cosa vuol dire avere un debito con la banca? Lei ha dei beni intestati?” Io molto ingenuamente risposi “La macchina”, e lei ” Bene, domani mattina ce la veniamo a prendere!” mi chiuse il telefono. Ne parlai con mio fratello, disperata, e lui mi suggerì di pagare quando avessi avuto i soldi… Ero disperata mi stava cadendo il mondo addosso, con mio marito non ne feci parola. Lui soffre di una piccola depressione e non volevo farlo agitare ulteriormente visto che anche lui si sentiva inutile perchè non riusciva a trovare lavoro. Dopo varie telefonate di questo genere da parte di impiegati e impiegate di consumit mi ricontattarono il 24 dicembre 2010. Era un uomo “Signora le faremo passare un brutto Natale. Se lei non paga le togliamo tutto; anche il letto si vergogni!! Io a 25 anni mi vergognerei ad essere come lei. Se li faccia prestare, meglio un debito con un amico che con noi!! Mi creda signora mandiamo la pratica al legale. Peccato perche così giovane si ritroverà per strada” Io piangendo gli dissi di avere due figli una di 6 e l altra di 7 lui mi rispose “Non me ne frega, si venda qualcosa!” Comunque chiusi io il telefono perche non riuscivo piu ad ascoltarlo.. mi tremavano le gambe morivo dalla paura questi signori non avevano cuore mi trattavano male…ora capisco la gente che si ammazza per debiti …li portano alla disperazione..questo incubo è finito! Io ho venduto il mio bar, saldando il mio debito (più interessi). Mio marito ha iniziato a lavorare e siamo al 4 febbraio 2011. Vorrei fermare questi usurai legalizzati che pur di riavere di denaro minacciano famiglie in difficoltà. Grazie per l’ attenzione confido speranzosa in una vostra risposta.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Consumatori
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

248 commenti a

Minacce al telefono da Consumit

Pagine: 1 2 3 25

  1. 1
    shadow -

    Vuoi un consiglio?
    registra le telefonate che ti fanno minacciandoti, se ti tel col numero anonimo, fai in modo che si qualifichi, registra registra e registra e poi vai da un avvocato.
    Non piangere al telefono, perchè tanto per legge non possono fare nulla, anche se chiamano un legale! te lo dicono solo per metterti paura ma sanno benissimo che non possono fare altro, altrimenti lo avrebbero giù chiamato un legale.. non credi?
    i ragazzini vengono assunti in modo precario e gli viene detto che quanto recuperano frutterà loro delle provvigioni.
    Stai tranquilla, che nessuno ti verrà a prendere il letto a casa!
    ah scusa non avevo letto le ultime righe.. quindi hai venduto il bar? hai fatto male.. vabbè ti servirà d’esperienza per una prossima volta. buona fortuna!

  2. 2
    vero -

    Verissimo e’ successo anche a me ti trattano malissimo!!!!!!!!!!!

  3. 3
    tigrotta65 -

    salve sono una signora di brindisi e leggendo gli altri commenti volevo agregarmi anche io perchè con consum.it mi sono ritrovata in crif senza aver avuto alcun avviso ne telefonicamente ne tanto meno una lettera l ho scoperto facendo degli accertamenti prima di presentare un mutuo, la rabbia mia e quella che i miei bollettini di soli 54 euro sono pagati tutti con soli 10 giorni di ritardo dalla scadenza ma questo, era solo per evitare di andare piu volte alla posta quindi mi sono rivolta ad un legale per la cancellazion crif ma consum.it a quanto sembra sta prendendo tempo per rilasciarmi la lettera liberatoria in modo che con quella possa avvenire la cancellazione dalla crif cosa bisogna fare con questa finanziaria perchè a quanto ho notato nn lo fa con tutti perchè ho dei conoscenti clienti consum.it che pagano bollettini in ritardo a due e tre la volta mi chiedo ma non c e nulla che si potrebbe fare contro questi (cosi li definisco io usurai fiscalizzati?) perchè cosi facendo portano alla rovina famiglie sopratutto quando si ha il marito con una attivita autonoma come il mio che e un costruttore edile e per giunta in crisi di lavoro comunque vi ringrazio per avermi ascoltato e mi auguro di arrivare ad una conclusione col mio legale salve e buona serata

  4. 4
    matis -

    mi sta accadendo la solita cosa. L’anno scorso ho pagato per sbaglio i bollettini di marzo e aprile 2011, quando me ne sono accorto, ho deciso di pagare anche quelli giusti. Il giorno dopo ho contattato la sede di consum.it per avvisare dell’avvenuto, sentendomi rispondere che non c’era nessun problema sono arrivato a concludere il pagamento delle restanti. Il fatto è che il 20 c.m. un incvaricato del recupero crediti,nel mio caso la ge.ri., mi ha telefonato alle nove della sera
    dicendomi, come negli altri casi prima letti, in modo molto sgarbato e sbrigativo, che dovevo al più presto provvedere a saldare le ultime due bollette tramite un bollettino postale, senza se e senza ma.
    NOn sò ancora come andrà a finire, ma non penso sia una cosa normale.
    Senzauna normale documentazione scritta, senza una notifica anche verbale da parte direttamente dalla consum.it, come è possibile?!?
    tanto più che pensavo di aver saldato il tutto.
    Ringraziando chi ha già lasciato un messagggio e anticipatamente chi lo farà, vi auguro Buona Psqua, e con la speranza che tutto si risolva nel migliore dei modi per tutti, teniamoci informati.

  5. 5
    Kasseln -

    @ Matis
    Se hai pagato non devi assolutamente preoccuparti. Infatti, se non ritenesse validi i pagamenti effettuati attraverso quei bollettini, la Consumit dovrebbe restituirti i soldi incassati altrimenti rischierebbe di dovere rispondere del reato di appropriazione indebita (art. 646 c.p.). Inoltre ti consiglio di richiedere alla Consumit, mediante lettera raccomandata A/R (non telefonare, tanto gli operatori non sanno e non capiscono nulla), un estratto conto relativo al prestito sul quale devono essere indicati i giorni dei versamenti effettuati. Ti consiglio anche di chiedere una visura al CRIF (è gratuita, basta che ti colleghi al sito – http://www.crif.it/Consumatori/Pages/Come-verificare-i-propri-dati.aspx – e che segui le istruzioni.Tale visura è importante se vorrai adire le vie legali.
    Per quanto riguarda la GE.RI, comunica al recuperatore che non hai alcuna intenzione di trattare la questione telefonicamente con lui ma solo davanti ad un giudice e, qualora dovesse essere insistente con le telefonate, minaccialo di denunciarlo all’A.G per molestie e violenza privata (manda sempre un racc. A/R). Sicuramente si calmerà. Per finire, sta’ tranquillo tanto non ti può succedere nulla.

  6. 6
    kasseln -

    @ Tigrotta

    Mi dispiace dirtelo, ma anche con una liberatoria che attesti l’estinzione del debito non verrai calcellata dal CRIF se non sono decorsi almeno 24 mesi dalla regolarizzazione. Il non volere andare più volte alla posta non costituisce una giustificazione per la società finanziaria.
    In conclusione, non spendere soldi con gli avvocati e attendi con pazienza lo scadere dei 24 mesi. Solo dopo potrai richiedere la cancellazione che comunque dovrebbe avvenire in modo automatico.

  7. 7
    IBERICO999 -

    Anche io in questi giorni sto passando gli stessi problemi con consumit e cerco persone per sputtanare consumit e i suoi recupero crediti in tv. Magari contattare le iene e chiaramente anche l’ufficio di controllo della banca d’italia.in quanto alle minacce perche non li denunciamo e anche non ci uniamo per andare a manifestare davanti la sede di consumit / mps?

  8. 8
    Stefano -

    Anche io ho problemi con i call center di Consum.it. Gente cafona e maleducata che ti chama a tutte le ore con il numero privato e minaccia di toglierti tutto se non paghi.
    A me hanno detto che se entro oggi non saldo le rate (faccio presente che per un prestito di 72 rate me ne restano 7) mi annullano il finanziamento. Cioè non accettano più il pagamento e passano al pignoramento.
    Comunque non bisogna avere paura, occorre fare la voce grossa al telefono. Dietro queste finanziarie, banche, assicurazioni si nascondo sempre i più DELINQUENTI
    Forza facciamoci sentire.
    BASTA CON QUESTI AVANZI DI GALERA

  9. 9
    ANGELOZZI ITALO -

    Sono iberico 999 e cerco chi come me ha ricevuto minacce dalla Consumit per trascinarli a Mi manda RAITRE
    potete contattarmi a :

  10. 10
    mariopozzi -

    Ora vi descrivo la situazione surreale nella quale mi trovo io.
    A giugno dell’anno scorso ho aperto una carta Mastercard Consum.it in quanto cliente Montepaschi.
    A settembre vado in Turchia e, dato che questa carta non funzionava, quando torno in Italia la disdico immediatamente.
    Non solo, a dicembre chiudo pure il conto corrente Montepaschi, dato che nel frattempo ho aperto un altro CC con relativi bancomat e carta di credito.
    A Maggio mi arriva un “estratto conto” da Consum.it con cui mi richiedono, per il periodo 1-30 aprile la somma di Euro 138 + interessi, bolli e spese per un totale di 145 Euro!
    A mia richiesta di spiegazioni, segue un ulteriore bollettino per un totale di 150,13 Euro!
    Ovviamente invio fax e raccomandata A/R sia a Montepaschi, sia a Consum.it chiedendo delucidazioni.
    Per tutta risposta mi arriva un SMS da Consum.it che mi esorta a pagare IMMEDIATAMENTE pena l’iscrizione nei registri dei cattivi pagatori!!!!!!
    Siccome sto richiedendo un mutuo, decido di pagare e poi chiedere spiegazioni ulteriori, per non correre rischi sul fronte mutuo.
    Oggi mi richiamano per dirmi che gli devo ulteriori 13 euro perchè ho pagato in ritardo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ovviamente la filiale Montepaschi di cui ero cliente, se ne lava le mani, perchè Consum.it è una “società diversa”…… Però il contratto per la carta di credito me l’avevano messo in mano loro, no?
    Come esco da questa situazione surreale?

Pagine: 1 2 3 25

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.