Salta i links e vai al contenuto

Aiuto. Come la dimentico?

di

È successo, alla fine. Le fatidiche parole sono uscite dalla sua bocca qualche giorno fa: “non credo di essere più innamorata di te”. Tre anni e passa di relazione chiusi per un mese di dubbio.
Io ho 33 anni, lei 27. Non è mai riuscita a far fronte ai suoi innumerevoli problemi nella vita (genitori separati, storia precedente affrettata e finita malissimo dove c’è rimasta molto male, rapporti intimi praticamente inesistenti nella sua vita, difficoltà a lasciarsi andare in tutto, molto rigida e chiusa in se stessa). 
Eravamo arrivati a un buon punto, lei era tornata ad essere felice, a stare bene. 
Eravamo insieme. 
Io ho sempre dovuto fare molti sforzi per stare con lei, dovevo accettare che lei poteva darmi “poco” per il momento, sono stato molto paziente e le ho dato tutto me stesso, lei è sempre stata molto incline a mantenere le sue abitudini anche se stupide e insignificanti, ma diciamo che non riusciva a diventare “di casa”. La storia era questa, io l’amavo, lei è la donna più bella che io abbia mai visto, esattamente il mio tipo, e tutto quello che le davo la faceva stare bene, distratta dai suoi problemi, il mare era calmo. 
Ma anche io sono un essere umano, e come tale succede che in seguito a un periodo difficile in ambito lavorativo, mi “deconcentro” un attimo da lei e iniziano i problemi, il tutto coadiuvato da problemi di salute di sua madre. Si allontana, la sento fredda, e la mia reazione (da persona che non riesce piu di tanto a zerbinare) è quella di pressarla, di cercare di smuoverla in tutti i modi, a volte dolci, a volte burberi, io sono fatto così. 
Il primo dubbio sorge a fine gennaio di quest’anno, dove mi chiede una pausa perchè non era convinta di quello che provava, diceva di stare benissimo con me, che le piacevo molto e che non mi mancava nulla come ragazzo, ma lei era confusa perchè “non le mancavo se non ci vedevamo”. 
Inutile dire che ci stetti malissimo, ero distrutto. Scrissi anche una lettera qui in questo sito. 
Ci tengo a rimarcare che non c’era nessun altro uomo nella sua vita. Molti in questo sito mi dicevano che aveva già il nuovo “montone”, sapevo che non era così, me lo hanno assicurato TUTTI e lei in primis mi ha detto che non era così e conoscendola c’è da crederle (è molto chiusa e non fa entrare persone nuove nella sua vita così facilmente).
Dopo un mese di pausa tornammo insieme. Stare con me la faceva stare bene dopo tutto, per cui decidemmo di riprovarci, e siamo stati nuovamente bene…ero convinto che avesse capito quali fossero i suoi problemi (almeno un pochino) e che fosse intenzionata a buttarsi. 
Da un paio di mesi sono ritornati problemi nella sua vita (problemi in famiglia e abbastanza pesanti), stress lavorativo per me e per lei… lei che si allontana, io che di certo non so nascondere molto bene il mio disappunto…insomma, stesse cose di prima. 
Questo giro in seguito a una mia sfuriata dovuta alla frustrazione di vedere che stava commettendo gli stessi errori di prima, ci troviamo a parlare e lei mi dice le fatidiche parole “non credo di essere più innamorata”. 
Le motivazioni sono sempre le stesse, non le manco se non ci vediamo. Dice di non sentire differenza quando si allontana da me. 
Le spiego che l’amore, dopo tre anni, non può essere ancora così “adolescenziale” e che si evolve in una complicità, in progettualità.
Le chiedo se possiamo provare a migliorarci come persone, io vorrei essere meno teso, e lei dovrebbe aprirsi con me riguardo ai suoi dubbi e alle cose che non le piacciono di me (in 3 anni non sono mai stato rimproverato, mai sgridato, mai richiamato) e smettere di essere passiva nella vita. 
Lei dice che ora come ora ci tiene tantissimo a me e mi ritiene una persona meravigliosa ma non come ragazzo, non vede le basi per continuare il rapporto, e che io non ho nulla che non va. Non si sente più di condividere tutto con me, e che anche se non sa se sarà sempre così, ora come ora non crede sia giusto riprovarci perchè non sarebbe sincera nei miei confronti e non sente la motivazione per farlo.

Sarà pur vero che non stavo più bene nemmeno io ultimamente, lei non mi faceva piu stare bene. 
Sarà pur vero che mi stava imbruttendo dentro in una maniera non salutare. 
Sarà pur vero che anche io stavo incominciando a pensare che forse la nostra storia non poteva stare in piedi…

Ma sono a pezzi. La sogno, la penso, ogni mattina è una coltellata alla pancia. è come se nonostante tutto, io ci credessi in una maniera spropositata rispetto a lei. 
La questione è che avevamo, insieme ad amici, programmato una vacanza tutti insieme. 
Non so se dovrei andare o meno. Alcuni mi dicono di andare e di essere spensierato, di usarlo come un banco di prova, anche per farle capire che non ha più potere su di me, per non perdere gli amici, e per costringermi a mettermela via, per essere indifferente.
Alcuni amici mi dicono che sarebbe una tortura e basta, di sparire. 
Io non voglio perdere gli amici, su di lei sto ancora soffrendo, anche se meno di quando ci eravamo messi in pausa, sto razionalizzando molto. 

Chissà se magari vedendomi spensierato e sorridente, non si faccia qualche domanda anche perchè c’è chi continua a dire che non è vero che non mi ama, solo non riesce a capirlo perchè insegue quel sentimento da adolescente. 
Io non do credito a tutto questo e voglio andare avanti. Per me stesso. Da voi vorrei capire come si fa a stare meglio? Come si fa a dimenticare una persona, come si fa a trovare le energie per sorridere di nuovo ed essere spensierato? 

Grazie. 

L'autore ha scritto 6 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

2 commenti a

Aiuto. Come la dimentico?

  1. 1
    Marius -

    Ormai è finita fattene una ragione.Andarci in vacanza insieme mi sembra pura pazzia, ti faresti ulteriormente male. E per cosa? In fondo 3 anni sono pochi, pensa che c’è chi butta anche 10 anni della propria vita per poi subire un epilogo come il tuo. A me queste persone così passive e insensibili come la tua ex fanno paura. Ti lasciano senza un perché. Ti vogliono bene ma non ti amano, cosa significa? E pensare che non è una ragazzina, dovrebbe avere un’idea di cosa volere dalla vita. Non escludo che abbia problemi gravi a livello psicologico e forse anche una depressione che sta emergendo. L’ultimo gesto di amore nei suoi confronti sarebbe quello di consigliarla a farsi visitare. E poi cerca di rifarti una vita. Lo so che ti sembra impossibile ma a volte ci si riesce.

  2. 2
    Rossella -

    Io penso che, per quanto doloroso ti possa sembrare, dovresti sforzarti di rispettare la sua decisione… infondo ha scelto anche per te… quando vi siete conosciuti immagino la cosa ti facesse piacere. Di tanto in tanto capita. Magari negli anni quando l’altro sceglie per te (cosa poi… un viaggio? Il gusto dei gelati? la pizza?), in quel momento, la cosa potrebbe starti stretta: capita a tutti di tracciare un bilancio della propria esistenza e razionalmente si sente il bisogno di ossigeno. In genere, spesso e volentieri, pensando di fare cosa gradita, si tenta di dare una sferzata di vita al rapporto di coppia… l’entusiasmo il più delle volte viene riconosciuto. Anche la costanza genera entusiasmo… ogni persona si gestisce in base al suo carattere. Potrei quasi dire che è il carattere che lo orienta perché nella vita non abbiamo neanche il tempo di pensarci… gli esiti non sono sempre dei migliori. Basta una parola per farti sentire che la passione è viva. Secondo me le storie finiscono quando la persona realizza di trovarsi all’interno di un tipo di rapporto in cui il desiderio non trova un corrispettivo sulla considerazione che l’altro ha di lei o di lui… ma magari lui o lei sono le persone migliori di questo mondo. In quel momento si rischia. Secondo me in quel caso la separazione è un bene per entrambi. Che dire? Mi rendo conto che non è facile gettare al vento i ricordi di un pezzo di vita che si è condiviso con qualcuno che si amava. Bisogna prendere atto della realtà e mettere da parte per un istante una cultura di matrice platonica… io penso che anche un uomo innamorato non dovrebbe essere esente da certe suggestioni del Postivismo. Non ti scoraggiare. Ti auguro buona serata e buone vacanze!

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.