Salta i links e vai al contenuto

Caro Direttore, con Vasco Rossi a San Siro superiamo i 75 Db

Caro Direttore,
siamo noi, il popolo del rumore, il popolo di quelli “senza più santi ne eroi”, siamo quelli liberi, quelli che s’incontrano per divertirsi, per salutarsi, per condividere nuove emozioni.
Siamo quelli dall’animo fragile, gli amici di sempre, che pur sconosciuti ci conosciamo tutti, perché siamo noi, uguali e maturi, forti e gentili, quelli che da tribù della musica e del rock, si muovono e come tribù difendono il proprio onore, perché portiamo rispetto per ricevere rispetto.
Siamo quelli che chiedono permesso, sperando che in educazione ci venga ricambiato il favore.
Siamo quelli che insieme facciamo le “ole” e ripudiamo il termine violenza; siamo quelli che fanno tremare gli stadi dalla gioia e con un battito di cuore comune amano la musica, e non ci riuniamo premeditatamente per spaccare le teste, ribaltare macchine od offendere o peggio ammazzare chi vuole l’ordine civile.
Siamo i disordinati dell’ordine, quelli che allo stadio portano canzoni ed amore, i ghettizzati dal quartiere di una “silenziosa città”, non spranghe od offese, siamo quelli allontanati e scrutati, odiati e ghettizzati, siamo uniti per la gioia e la musica, siamo quelli che, e ci scuserete, a San Siro porteremo la voce, per raggiungere all’unisono i 120 decibel di cori e canzoni… ma come faranno ad abbassarci la voce?

Rispettoso e fiero, Marco Musso.

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Attualità - Cultura
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.