Salta i links e vai al contenuto

Vorrei tanto non aver mai subito bullismo

di

Vorrei raccontarvi la mia esperienza e gli atti di bullismo che ricevevo quando ero a scuola. Io la scuola l’ho terminata l’anno scorso, mi sto preparando per entrare nel mondo del lavoro, ma non mi scorderò mai i torti, gli scherzi e le prese in giro che subivo quando ero a scuola. Io sono stato vittima di bullismo dalla 3 elementare in poi. In 3 elementare c’era un ragazzo ( chiamiamolo M) M che ha iniziato a prendermi in giro fino alla 5 elementare, poi questo M me lo sono ritrovato alle medie, oltre a lui mi sono ritrovato altri vecchi compagni delle elementari e questo M ha coinvolto gli altri vecchi compagni nel prendermi in giro. Mi faceva sempre scherzi, faceva battute su di me e quando succedevano queste cose io dicevo tutto a mia madre, poi succedeva sempre un casino perchè andavamo sempre dalla preside e venivamo coinvolti tutti ( famiglie comprese). Mia madre ne ha parlato più volte di questa situazione coi professori, ma loro dicevano che se mi prendevano in giro è perchè non socializzavo ( cosa non vera). Poi dopo che sono finite le scuole medie sono arrivate le superiori. Anche li pensavo che le cose cambiassero, ma invece mi sbagliavo. In prima superiore sono arrivati 2 miei vecchi compagni delle elementari, il primo anno con loro mi sono trovato bene, poi però dal secondo anno hanno iniziato a prendermi in giro per il mio aspetto fisico e anche per altre cose. Dopo sono stato bocciato e sono capitato ancora in seconda, all’inizio dell’anno con i miei nuovi compagni mi sono trovato bene, però poi come al solito hanno iniziato a prendermi in giro e me ne facevano di tutti i colori, poi hanno continuato dalla 3 superiore, poi in 4 e per fortuna in 5 hanno smesso. Io ho subito solamente bullismo psicologico, ho subito poco bullismo fisico. Mi prendevano in giro per il mio aspetto fisico ( e questa è una causa della perdita della mia autostima) facendo battute di cattivo gusto, spesso mi davano i pugni ( e questo succedeva in 2), mi insultavano e imitavano la mia voce. 

Ora la scuola l’ho finita, ma il problema è che mi sento molto insicuro del mio aspetto fisico ( anche se sto migliorando rispetto agli anni scorsi), non riesco a guardare in faccia nessuno e poi ho paura di essere giudicato dagli sconosciuti che incontro per strada. Che cosa posso fare per dimenticarmi del passato? Cosa posso fare per essere più sicuro del mio aspetto fisico? 

L'autore ha scritto 8 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso - Scuola
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

3 commenti a

Vorrei tanto non aver mai subito bullismo

  1. 1
    Rossella -

    Penso che dovresti fortificarti. Per fortuna io non mi sono mai isolata nel mondo dei miei coetanei… è anche vero che non sono una persona molto socievole e nessuno si è mai preso la briga di prendermi in giro. Mi è successo di peggio ma ho capito che sarebbe stato meglio lasciar correre perché quando una persona inventa di sana pianta delle bugie sul tuo conto ha dei problemi di personalità. O sbaglio? Se una persona non ha più voglia di intrattenersi a parlare con te non ha bisogno di affrontarti o di gettare fango sulla tua persona! I rapporti si raffreddano e uno capisce che non ci potrà essere più del saluto! Chi ti affronta non la conta giusta a nessuno. La famiglia gioca un ruolo fondamentale nella formazione del carattere: guardati intorno! Di gente illusa ne è pieno il mondo, io sono contraria alla parola bullismo perché si rivela funzionale a capovolge la realtà e a creare un mondo d’illusi… non sei una loro vittima! C’è gente che si ostina a negare la realtà: cosa dovremmo fare? Io non mi faccio prendere dalle manie di persecuzione perché i problemi se li tiene chi ce li ha.

  2. 2
    ella22 -

    Dimentica il passato anche se è difficile, anch’io ho dovuto affrontare Le tue stesse sensazioni venivo presa in giro,facevano della battute di cattivo gusto,ecc.ma si sa che la gente ha delle preferenze e se tu non sei uno come loro non considerano,ti picchiano,ti minacciano, ma sono convinta che tu ce la farai a superare questi brutti momenti . :-) ti auguro buona fortuna

  3. 3
    Paolina -

    Ti capisco perfettamente, io da ragazzina a 11 -13 anni ero timida e insicura, un pò sovrappeso, e i bulli piu grandi di me mi aspettavano in piazza, quando si usava fare il giro del paese il sabato o domenica, e mi urlavano Brutta!! Che orrore!! Eccola di nuovo, vai a casa!
    A casa nessuno sembrava che capisse la situazione, ti dicono difenditi, come se una ragazzina, bambina, sia in grado di subire una cosa del genere per mesi e mesi senza che ne venga affetta. E difendersi come poi? Ignorali. Si ma anche se ora sembro una donna decisa e autoritaria, in realtà temo sempre il giudizio degli altri tanto che se devo far valere i miei diritti o esprimere le mie opinioni mi sento tremare e devo cercare di contenere l’agitazione.
    Il bullismo segna le persone.
    Mia figlia ha avuto problemi a sua volta a scuola, in Italia, lì gli insegnanti mi ridevano in faccia se esponevo il problema,son andata a casa della bulla in questione e le ho detto di smetterla o parlavo con sua madre, è bastato poco. Qui in Inghilterra la prendono piu seriamente, ma il problema è enorme comunque. I genitori devono capire che la sofferenza psicologica nei bambini, e la richiesta d’aiuto non possono essere ignorate, perche non sempre le difficoltà rendono più forti,e pensare che un figlio se la debba cavare da solo contro la violenza , appartiene a menti di genitori pigri che non sanno prendersi delle vere responsabilità.

    Ti faccio tanti auguri per il futuro.

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.