Salta i links e vai al contenuto

Andare via dall’Italia

di

Ciao a tutti, ho 25 anni e la mia ragazza ne ha 27, stiamo pensando di andarcene dall’Italia perché qui non vediamo un futuro molto roseo e di andare in Inghilterra per sperare in qualcosa di migliore! La mia ragazza sono 8 anni che lavora nel settore della moda ma da qualche tempo a mesi e ora ha il contratto fino a marzo e poi non si sa.. io invece sono 8 anni continui che lavoro e da 4 1/2 nella stessa ditta e faccio il meccanico gommista. Sarebbe oro trovare gli stessi lavori una volta arrivati la ma bisogna adattarsi quindi qualunque lavoro ben venga poi può sempre capitare un lavoro migliore (a trovarlo). Chi è già stato in Inghilterra come la trovata? Com’è il lavoro? Ho sentito un amico che ci vive stabile e non me ne ha parlato male (sta a Londra)… Il salto è grande, perché lascerei un lavoro sicuro da operaio e la famiglia oltre che investire soldi per viverci! Quindi deve esser una scelta molto ben ponderata perché altrimenti si mangiano euri e basta, per carità si torna con una bella esperienza acquisita magari però non sono tempi per fare le cose alla leggera.. Ci sto pensando molto bene e sto facendo un corso d’inglese a casa con libro e registrazioni per la pronuncia ed il parlato, sto recuperando l’inglese andato dei tempi della scuola!! Qui in Italia ormai non so come si può andare avanti.. vogliamo andare a convivere ma qui che futuro abbiamo.. ovvio da nessuna parte è magnifico ma tanti che ci sono andati si sono trovati bene e stabiliti. Vedremo come si sviluppa la situazione.

Grazie per l’aiuto e i consigli, molto ben accettati! 

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro - Me Stesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

12 commenti a

Andare via dall’Italia

Pagine: 1 2

  1. 1
    ets -

    Cioè hai un lavoro sicuro, onesto e dignitoso e non vedi un futuro? E chi un lavoro proprio non ce l’ha?
    Non è che è la tua fidanzata a non aver un impiego e a voler andare via e tu hai fatto tuoi bisogni alla fin della fiera suoi?
    Davvero vuoi mollare tutto e andare con lei in Uk? Per fare cosa? I lavapiatti? Perché se qui sei un operaio lì di certo non diventerai manager (scusa la franchezza)
    E quindi quali sarebbero questi pro?
    E se la tua fidanzata ti molla una volta arrivati in Uk?
    Secondo me ti stai scavando la fossa con le tue mani e non lo sai ancora, stai in guardia!

  2. 2
    nevealsole -

    Ets ha ragione… Se non convivete già qui in Italia, la vedo dura iniziare una convivenza da zero in un paese straniero di cui non conosci la lingua. Le persone non qualificate professionalmente non possono aspirare all’estero a qualcosa di più rispetto all’Italia, anzi… Non puoi fare il cameriere o il lavapiatti a vita. Lei probabilmente avrebbe più opportunità di te. Non pensare di trovare l’America… Spingi lei ad andare da sola, per fare un po’ di ricognizione, quando finirà di lavorare a marzo… Intanto tu continuerai a lavorare in officina. Poi, eventualmente, potrete andarci assieme in estate o quando avrai le ferie per fare un ulteriore giro di ricognizione, magari con l’aiuto del tuo amico. È giusto che lei si viva le maggiori opportunità che avrebbe in Inghilterra, ma tu non devi privarti del tuo lavoro fisso. A costo di restare separati per un periodo (ovviamente per metter su famiglia bisogna trovare un compromesso, ma a quello dovete pensare dopo averle provate tutte).

  3. 3
    iosonoio -

    Io vi sarei solo dei gran calci in cul@ che è quello che meritereste.
    Non avere un futuro vuol dire un altra cosa voi già lavete. È perché siete dei viziati assurdi che dovrebbero vergognarsi. Hai un lavoro sicuro e onesto e ti lamenti? Sei proprio ridicolo!! La tua lei avrebbe meno pissibilita’ di te a londra, poi figurati! !! Per molte cose a Londra sono peggio di noi

  4. 4
    Sofia -

    Iosonoio…miracolo!!! Sai che sono d’accordo con te?? Brava!!

    E ragazzo mi spiace..ma hanno ragione qua ..tu e la tua tipa state dicendo una marea di minchiate!
    Nel mondo della moda costantemente cercano sempre! E non è mai in crisi…tu un lavoro c’è l’hai già… Che cazzo andate a fare la’in Inghilterra???
    In un paese che non conoscete. .che parlano non la vostra lingua…

    No…è una cazzata!

    Si lascia il porto sicuro che si ha..ma non si sa cosa si trova!!

  5. 5
    Angwhy -

    Certo che nemmeno fare il gommista a vita è una gran prospettiva,le gomme pesano e non si possono neanche masticare

  6. 6
    kim -

    porca miseria! che commenti terribili!Un ragazzo cerca di consigli da chi ha vissuto in Inghilterra, e invece riceve queste bombardamenti di patate! Mho! Io sono nata in Russia, da miei genitori di Corea, e si come sono sposata con uno italiano siamo trasferiti in Italia. Vi dico una cosa, Italia anni fa e Italia oggi..mamma mia! non ho parole! Sembra che italiani sono diventati zombi cattivi eh! Mamma mia! come si dice? La fame tira fuori il male? Cmq. Caro Jimmy! cerchi di fare la conoscenza in chat inglese. Vedi se trovi su internet italiani di Londra o in Londra o..e vedrai che li trovi più informazione utile. A quelli chi ti critica invece di dare una mano, vorrei dire, che non si comporta cosi. Non c’è il senso.

  7. 7
    Yog -

    Una che lavora nella moda con qualche possibilità di successo secondo te a Londra resterebbe assieme a un meccanico gommista??? Secondo me finite tutti e due a lavare i piatti nel solito ristorante etnico: il 90% degli italiani a Londra fa quel mestiere. Piuttosto andate a Pork che è in Irlanda, o forse si chiama Mork o qualcosa del genere, là pullula di multinazionali.

  8. 8
    Jimmy90 -

    @Iosonoio

    Viziati assurdi?? Aver iniziato a lavorare a 17 anni, aver fatto una bella gavetta di pulizie come ogni stagista appena entrato, trattato ovviamente come fossi nulla perché bambino, con i pochi soldi che prendevo mi son fatto la patente, poi mi sono comprato la macchina poi lavorando non pesavo più sui miei genitori giustamente.. e sarei viziato quindi.. ah già.. chi va a scuola fino ai 30 anni andando in vacanza con i soldi dei genitori, con la macchina comprata dai genitori, la patente spesata dai genitori e via dicendo tutto spesato quello va bene, mai dire che sono viziati anche se li vedi a spendere soldi (dei genitori) in giro a bar o in bei negozietti.. no quelli non sono viziati guai a dirlo.. un conto sono quelli che hanno un lungo studio per diventare esempio medico, ma da quello che vedo mi pare che faccia comodo aver tutto per dovuto per lungo tempo! E comunque non ho mica detto che lascio e scappo via senza preoccuparmi di niente! C’è un mare davanti prima di fare una scelta del genere! Appunto perché ho un lavoro sicuro! Uno non può neanche guardare un po più in là? Bisogna sempre stare rinchiusi mentalmente? Amen, grazie a chi ha risposto.

  9. 9
    Anna81 -

    Jimmy90, la situazione in Inghilterra, specie a Londra non è più quella rose e fiori di un tempo. E se L’Inghilterra esce dall’Unione Europea è un gran casino per tutti i connazionali e non che sono li… non è una bella situazione diciamo. Io rifletterei bene sul da farsi, non tanto per il tuo lavoro stabile, ma proprio su Londra in generale. Io sono d’accordo che l’Italia offre poco o quasi niente ai giovani, ma se proprio dovete emigrare io escluderei anche Londra. Anzi, se proprio te la devo dire tutta, escluderei proprio l’Europa in generale! Come scritto in un mio altro post, il Canada offre ancora sbocchi. Lo so è lontano ma il tenore di vita li è nettamente superiore. Forse in Europa gli unici rimasti sono i Paesi Nordici che possono offrire qualcosa, ma anche L’Inghilterra ormai è in down. Comunque esistono un sacco di siti internet dove ti puoi documentare, prova a darci un occhio… se hai bisogno ti indirizzo io… ne conosco a bizzeffe… e conosco anche tanta gente che è li a Londra o è stata li… credimi, pensaci bene… e facci sapere!

  10. 10
    iosonoio -

    Ecco perché da me ha piovuto! ! La sofietta è d’accordo con la verità.

    I sogni sono una cosa da realizzare il prima possibile, poiché è più difficile farlo da adulti. È il vostro non é un sogno ma un illusione.
    Inoltre, faccio la stilista da 15 anni, e il mondo della moda é uno dei più duri. A londra non ci camperesti, primo perché se non passi carnaby o piccadilly, non sei nessuno, secondo non importa l’esperienza ma il nome, e in questo mondo se non hai un nome, non campi. Io faticato 31 anni x averlo, e sono ancora semi sconosciuta. E terzo a londra vige solo lo stile royal.
    Tutti vorremmo fare un lavoro che ci piace e x cui abbiamo studiato, ma si deve anche campare.

    @ kim: sono due cose diverse. Tu vieni dall’europa dell’est e hai trovato l’America, perché sono molto indietro nell’ est, brutto da dire ma vero.

    Non parliamo del fatto che qualunque cosa tu abbia, ti danno un aspirina e via.
    Per assurdo noi co lamentiamo della ns sanità ma la loro é peggio.!!!

    Inoltre la parola viziato ha molteplici significati, non solo quello che intendi tu.

Pagine: 1 2

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.