Salta i links e vai al contenuto

L’amore più Grande e Complicato della mia vita

di

Salve a tutti, ecco la mia storia.
Ho 35 anni e dopo 30 anni di storielle e fidanzamenti effimeri, trovai lei… per caso, all’improvviso! Nel bel mezzo di una pista da ballo, con sottofondo musica da bachata.
Come 2 cozze ci scontrammo venendo da direzioni opposte….
E fu colpo di fulmine, l’originale!
Lei Bellissima!
Tanto che ancor prima di parlare, sentivo che l’avrei stupita su coincidenze assurde che avevo io con la sua vita passata e che qualsiasi cosa mi avrebbe detto lei, sarebbe stato pesante per chiunque… ma non per me.
Io single e senza legami… Lei madre di due figlie, ancora sposata, 10 anni più grande di me e una casa in comune con il marito, andato via solo da due settimane dal nostro incontro a causa di anni e anni di corna da lui subite, sempre con la stessa donna, ma questa…è un’altra storia…
Mi chiese se secondo me aveva gli occhi tristi, io gli dissi che erano occhi colmi di tristezza dove aspettavano solamente la felicità. Ci lasciammo i contatti su Facebook e dopo sparì.
All’uscita del locale, mentre parlavo con una ragazza bionda, proprio in quel preciso istante, passò Lei, fulminandomi definitivamente con uno sguardo e leggendogli dagli occhi che sarei diventato solamente Suo.
Da li iniziammo a frequentarci e la chimica tra Noi saliva, saliva sempre più, tanto che volevo già vivere con lei, affrontando tutti gli ostacoli che esistevano, ma per me erano solo occasioni per convincerla che poteva fidarsi di me e che aveva trovato finalmente l’uomo della sua vita.
Già, perché scoprii conoscendola che a 20 anni venne abbandonata in dolce attesa dal suo primo uomo non riconoscendogli neanche la figlia e dopo 14 anni di matrimonio, venne appunto tradita dal marito, avendo un’altra figlia già in comune. Inoltre venni a sapere che anche suo padre la abbandonò, all’età di 14 anni.
I giorni passavano, a volte ci perdevamo per la sfiducia dei grandi problemi…ma i nostri cuori e la nostra chimica erano forti, più di qualsiasi cosa o persona che screditava la nostra possibile storia e futuro insieme.
Ma io ci credevo, tanto che la storia andò avanti come fosse un treno in corsa dove si fermò solo per un attimo in piccole stazioni.
Ma poi un giorno di settembre di un anno e mezzo dopo, arrivò il primo duro colpo:
decise di lasciarmi, senza un preciso motivo. Disse solo che non ero l’uomo giusto per Lei.
Due mesi di asfissianti perché, presi il coraggio e la chiamai e seppi l’immaginabile:
tornò insieme al marito nel momento in cui lui ci riprovò con Lei.
Rabbia, rancore, tristezza e cuore spezzato fecero il loro corso e iniziai di nuovo le mie storielle senza valore.
A Natale però, si fece di nuovo viva per gli auguri e, il 5 Gennaio giorno del mio compleanno si dichiarò che era tornata dal marito solo per la famiglia, ma che era ancora innamorata di me!
Già, quel giorno del mio compleanno che combinazione volle che fosse lo stesso giorno e mese del compleanno del marito…
Accettai il suo perdono e tornammo a vederci, ma stavolta come amanti, fino a quando non si decise di dire la verità al marito e chiese la separazione.
Conobbi i figli, la mamma che conviveva con lei e a Natale dell’anno dopo mi accolse a casa Sua.
Doveva essere una favola, tutto perfetto dal quel momento in poi….Ma poi comprai casa per andare a vivere da solo e separarmi dai miei, e da li iniziarono i veri problemi tra di noi.
Io ero innamorato tanto, ma feci diversi errori in quel tempo: la casa comprata e il litigio che scoppiò a capodanno davanti ai miei amici, a causa della mia gelosia del marito tenutami ancora dentro, tanto che si ruppe di nuovo la nostra storia.
Uno stop di un mese e mezzo, dove le cose si ribaltarono, feci di tutto per riconquistarla e alla fine il giorno del nostro primo incontro sulla pista da ballo, ci riuscii.
Buttiamo indietro il passato per il nostro presente e futuro! Fu questa la nostra promessa. E le cose andarono bene per qualche tempo.
Tempo dopo però, iniziai ad affrontare la vera realtà, tanto grande e spessa che a volte mi sconfortava, come la presenza della madre in casa, il padre dei suoi figli che rare volte si comportava da padre, le distanze da lavoro, le nostre case, la sua che in quegli anni non riusciva a venderla e momenti di sconforto dove io non ci credevo più.
Passato un anno e mezzo tra altissimi ricordi indelebili e bassissimi comportamenti dove oggi ricordo e mi feriscono l’anima, ci fu l’epilogo. Litigammo perché sentii sempre più distanza, ci ferimmo senza dignità e rispetto e in un giorno di questa mezz’ estate, dopo due mesi senza sentirci, mi decisi di dargli un appuntamento, per aggiustare tutto e definitivamente le nostre vite, dando coraggio a tutto me stesso, con decisioni che secondo il mio cuore avrebbero risolto i grandi problemi: vendere casa mia, convivere con lei, fregarsene di tutte le male lingue e vivere felici. Mi presentai con i fiori, in un giardinetto, ma niente lei era sparita e non si presentò. Mangiato dai rimorsi, dormii in auto, e la mattina seguente aspettai il suo arrivo.
A 4 anni e mezzo da quell’incontro fortuito, mi distrusse totalmente il giorno dopo ferragosto: incrociati per caso, dicendomi che non era più innamorata di me e che se non me ne andavo, chiamava i carabinieri…Senza logica e spiegazione, ancora oggi mi domando come sia arrivata a tanto da tentare di rovinarmi la vita, umiliandomi con parole di scaduto, immaturo e possessivo, ma più di tutto, prendendo possesso della mia anima e calpestandola.
Per tutta la vita, mi domanderò, come sia possibile che solo dopo due settimane senza vedermi, si è convinta che non provava più nulla per me, ritrovandomi davanti una donna irriconoscibile. Peccato….dovevo lasciarla io? Doveva finire così? So solamente che l’amore se è vero amore, supera tutti gli ostacoli più complicati, perché per me sarebbe stato così

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

6 commenti a

L’amore più Grande e Complicato della mia vita

  1. 1
    Yog -

    Occhio, perché se ti querela per stalking hai un’altra gatta da pelare. Non dai quante rogne ti sei risparmiato.

  2. 2
    ets -

    Dai ti è andata bene, a parte le sciocchezze che hai già compiuto stavi per commetterne di altre tipo vendere casa e andare definitivamente da lei.
    Suvvia, una donna normale non riesci proprio a trovarla?
    Perché complicarsi così la vita? Trova una donna della tua età o magari più piccola con cui forse potrai aspirare anche ad avere una famiglia tua, almeno finché dura.
    La signora è troppo grande per te, troppo vissuta e probabilmente ti ha sempre visto come un giocattolo.

    ciao

  3. 3
    Plutone77 -

    Personalmente non credo nell’amore eterno e incondizionato perchè tutto è relativo al contesto e alla combinazione di tanti fattori che cambiano continuamente (noi stessi compresi).
    Non credo che sia importante capire perchè lei si sia comportata così.
    E’ importante cosa ne fai tu di questa esperienza e come puoi andare avanti lasciandotela alle spalle.
    Focalizzati su questo Sonny…

  4. 4
    Sonny81 -

    Grazie del supporto.
    Farò di tutto per uscirne.
    L’unico mio dubbio razionale è: se dopo quattro anni e mezzo ed a 35 anni non avevo ancora capito che donna avevo al mio fianco, per colpa di essermi innamorato veramente, come farò a fidarmi veramente delle altre?
    L’unica soluzione forse è non esserlo mai più veramente ed accontentarsi.E dirò di più, la colpa è anche del sesso che fino all’ultimo c’era una sintonia totale, e di donne ne ho e continuo ad averne tante, ma con lei a letto era tutta un altra cosa. Accidenti a sta chimica di merda.ahahahhaha

  5. 5
    ets -

    @Sonny non è colpa delle donne; è che tu sei attratto da quelle sbagliate.
    Esistono (almeno spero) donne di cui potersi fidare; non è semplice, ma si possono trovare.
    Ovvio che se vai alle over 40 scavi la fossa con le tue mani; non so se mi sono spiegato.

  6. 6
    Plutone77 -

    “L’unica soluzione forse è non esserlo mai più veramente ed accontentarsi”

    …e secondo te nasciamo per accontentarci?
    Secondo te, dopo uno o più risultati negativi dovremmo abbatterci per vivere una vita scialba?
    Credo che la vera felicità non stia nel raggiungimento di un’obiettivo di per se ma nel cammino per raggiungerlo.

    Parola di mentalcoach ;)

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.