Aiuto… dallo stato italiano

di serena78

Buonasera mi chiamo serena, so a priori che questa lettera andrà a vuoto come le altre ma voglio avere un minimo di fiducia in un momento di buio totale. Ho 32 anni la mia storia comincia a 31 anni fino allora vivevo in una favola dopo 12 anni di fidanzamento ho coronato il nostro sogno, sposandomi con giovanni, ma il 21 novembre in un attimo la mia vita in rotoli mi chiamò mia madre dicendomi che giovanni aveva avuto un gravissimo incidente dopodiché i carabinieri con leggerezza richiamarono mia madre dicendoci che era morto.
Da li è cominciato il mio incubo, dopo un anno e passa ancora si aspetta x sapere come ha potuto una macchina prendere così fuoco da sola e soprattutto come è possibile che dopo più di 6 ore è stato tolto dalla strada e lasciato dentro così per ore e ore sul posto guida. Ma cosa hanno fatto allora i soccorsi se è rimasto fermo lì, in più oltre il gravissimo dolore mi sono ritrovata sola, accanto nessuno, senza lavoro con un affitto di 980 euro da pagare impossibilitata a farlo con ora uno sfratto esecutivo a giorni il 26 gennaio 2011, non so più dove andare a chiedere aiuto sono andata dall’assistente sociale del municipio 18 che mi ha sbattuto dai psichiatri del c. I. M di zona quando loro mi hanno detto che non è il luogo x me avendo una forte depressione dovuta al lutto improvviso avuto, sono andata a fare domanda x alloggi temporanei ma mi hanno risposto che non ci sono alloggi quando all’ex Bastogi sono la maggior parte occupate abusivamente da stranieri, badanti con vitto e alloggio, allora mi chiedo uno deve comportarsi così spaccare una porta per avere diritto a una casa? Non tutti siamo così ma chiedo enormemente aiuto ad avere una casa regolarmente e vivere dignitosamente quanto ormai possibile.
Vi ringrazio per l’attenzione datami e sperando in una vostra risposta grazie serena.

- L'autore ha scritto n.1 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione

Lettere attinenti a:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

Una lettera scelta dal caso proprio per te...

14 commenti a

Aiuto… dallo stato italiano

Pagine: 1 2

  1. 1
    morris90 -

    Ciao Serena78
    Ho letto la tua lettera e mi dispiace per la tua situazione. Non ti demoralizzare e vedrai che starai meglio. Vorrei fare qualcosa per te. Se a te va bene ti lascio il mio indirizzo e-mail (diavolo90@hotmail.it) così ci possiamo sentire e tu mi puoi contattare.
    Ciao

  2. 2
    p -

    Circa un anno fa mi sono rivolto allo Stato per avere aiuto dal fondo di prevenzione contro l’usura, e ho chiesto aiuto alla Chiesa… Non ho avuto nemmeno una risposta di circostanza. Oggi forse ho risolto grazie ad amici di famiglia… Il mio consiglio e’ quindi di chiedere ospitalita’ a zii, amici, genitori, chiunque, pur di avere magari una brandina d’emergenza ma che sia concreta e subito. Poi ti organizzerai…
    Per il resto che ti angoscia, se i soccorsi sono palesemente inutili, i soccorritori sono legittimati a non intervenire e devono anzi astenersi dal toccare alcunche’ se le circostanze non sono chiare finche’ un magistrato non li autorizza. Sono certo che se qualcosa fosse stato possibile, l’avrebbero fatto! Probabilmente in Procura c’e’ un fascicolo aperto ma il mio consiglio, avendo vissuto anche questo tipo di esperienza sulla mia pelle, e’ di cercare di pensarci il meno possibile, finche’ non riacquisterai lucidita’, tra un anno o due, altrimenti ti ci ammalerai…
    I modi che usano sono spesso a dir poco indecenti…
    Se posso far qualcosa, ti lascio anch’io la mia email ridicola:

  3. 3
    rosalba -

    cara fragile serena

    capisco che la tua situazione non è rosea, ma sei così giovane

    raccogli le forze e combatti per avere i tuoi diritti vedrai che

    riuscirai ad averli.

    se potessi ti aiuterei in concreto ma purtroppo al momento non sono

    in grado di poterlo fare. anche se ti sono nel cuore.

    se vuoi parlarne io sono quà

    un abbraccio forte

  4. 4
    serena -

    ciao vi ringrazio x avermi scritto rispondo a p. i soccorsi sono arrivati quando ancora mio marito era vivo e nn hanno fatto nulla mio marito è morto dopo un ora che la macchina aveva preso fuoco e nn lo posso accettare lasciare cosi una persona che aveva perso i sensi nn accetto una cosa del genere morire a 32 anni una vita davanti da 2 mesi sspettare un figlio e poi perdere anche lui dal dolore stare nella gioia piu totale…purtroppo nn ho l appoggio di nessuno e ho tanta paura xche il 26 gennaio è quasi arrivato e mi ritrovo in una strada

  5. 5
    alessandra -

    ciao! sono Alexandra,17 ani i sono rumena ,spero che riesci a capirme perche no so tanto bene scrivere italiana. sono in italia de 6 mezi, no celo residenza qui,mi ragazzo e portughe ,lui cela residenza, sono restata incinta qui ,celo 4 mezi di gravidanza,problema e che io no celo un lavoro i ni anchi una casa,abito con mio ragazzo in casa sua de la dita che lavora lui, sono preocupata perche no so como riesceamo a prender un afito i a vivir solo con soldi di lui. quelo che le voglio domandar ,i spero che ce colcuno che mi puo ajutare …. non ce nisun aiuto del stato per le mame straniere,minorene in gravidanta senza lavoro? vi prego aspeto risposte. scusa per no farme capire tanto bene,ma no sono di tanto tempo qua quindi no so scrivere bene. vi ringrazzio molto. i si avete risposte per me potete mandarme a mail .grazie

  6. 6
    Glenda -

    Neanche sai scrivere e già scrolli soldi allo Stato che ti ospita. Prova a chiedere in Romania. Lì è pieno di ditte italiane. Rubate il lavoro e venite qui a farvi mantenere…..

  7. 7
    symo -

    glenda ma questo si chiama razissmo,prova te a scrivere 2 parole in rumeno corete vedi se riesci,e nesuno a rubato lavoro a nesuno,ricordati che le rumene o pure le altre nasionalita le persone che veramente vuolevono lavorare anno fatto sempre i lavori che a certe italiane non piacevano pur di avere un pezzo di pane,vai a lavorare te come badante per 8 ani con una persona con problemi di azaimer,vediamo se ci riesci,prima di sputare il rospo pensaci un puo che veramente ce ne sono persone con dei problemi,non importa la loro origine tuttol mondo e un paeze.

  8. 8
    Glenda -

    Il giorno in cui deciderò di andare in Romania a scroccare soldi cercherò di documentarmi sulla lingua. Non fosse altro che per elemosinare in modo comprensibile. Per il resto: “Prova te, prova te, prova te” : 1) tu che ne sai di me 2) chi ti ha costretta 3) la ragazza a cui ho risposto non chiede lavoro…..chiede soldi. E li chiede in un Paese che sta affondando. Tutto il mondo è Paese? Un corno!

  9. 9
    symo -

    Glenda ma tu ti senti come parli,prima di butare delle risposte cosi a caso pensaci un attimo,la ragazza domandava se qualcuno li puo dare un consglio,e a chiesto pure scuza se non riesce a scrivere bene,pero visto la tua risposta lai capita perfetamente,e puoi cosa devo provare io,provare di cosa,2.non so niente di te mi basta legere la tua risposta per capire che sei un puo razista e sinceramente non va bene,ricordati che italiani sono stati frai primi emigrati al estero e non penso che piacerebe a qualcuno sentire la tua risposta,3.a chiesto se ci sono dei aiuti,e di siguro il paese non sta affondando perche questa ragazza a fatto una domanda,ci sono ben altri motivi per qualle sta affondando.Ora ti rispondo a te Alessandra non spaventarti delle parole di Glenda forse li a detto senza volere,ci sono delle persone che ti possono aiutare e ti possono dare dei bei consigli,devi andare dai asisstenti sociali nella zona dove abiti loro ti dano un picolo aiuto,per cercare di andare avanti,pero in fra tempo tu devi trovare qualche lavoro perche nessuno ti aiuta per sempre,e ce un bambino in arivo devi pensare a lui,la residenza adesso non tella fanno se non ai un contrato di lavoro,pero penso che il tuo compagnio ti puo fare l ospitalita cosi riuscirai a farti una tesera sanitaria visto che sei incinta senza quella non fai niente,ne sono sigura che se ai la buona volunta ce la farai,e puoi non sei proprio sola ce il tuo compagnio che ti aiuta,ti faccio tanti auguri e in bocca lupo.

  10. 10
    Glenda -

    1) Le cose che ho scritto le penso 2) non rispondo di ciò che fanno gli altri quindi poco mi importa che altri italiani siano emigrati. Io non l’ho fatto. 3) esistono i profilattici e quando non si è in grado di mantenere un figlio si può prevenire e farne uso senza avere la pretesa che questi diventi “figlio della patria (altrui, peraltro)”. Le strutture sociali costano. E come vengono mantenute? Con i soldi di tasse e imposte. Anche miei. Io mi faccio mille problemi per mettere al mondo un figlio per paura del suo futuro e devo, però, sovvenzionare le strutture che si occupano dei figli di chi copula senza discernimento a casa d’altri? Ridicolo e penoso và!

Pagine: 1 2

Scrivi un Commento
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie.
Rispetta l’autore della lettera e gli altri utenti: resta in tema, non chattare, usa un solo nome, fai un uso limitato di abbreviazioni SMS e Maiuscole.
Puoi inserire al massimo 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Il server pubblica in via automatica i commenti alle ore pari (2, 4, 6, 8 ...).
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

 caratteri disponibili

Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.