Affidamento dei minori e servizi sociali

di pppat

Gentile direttore, sono la mamma di un bambino di 6 anni, separata da tre anni. Vivo a Modena. Sto vivendo una storia pesantissima, in seguito all’allontanamento di mio figlio da parte del servizio sociale, investito dal padre del bambino per ottenere l’affidamento del figlio, in quanto a lui non riconosciuto dal tribunale civile. La mia storia è simile a quella di tante persone e denunciate alle varie associazioni da figli allontanati dai genitori, dal servizio sociale, dal tribunale minorenni, situazioni protratte anche per anni. La mia storia è forse più anomala in seguito a soprusi e violenze che sono state attuate sulla mia persona e sul bambino, in seguito alla libertà che ingenuamente mi ha spinto a denunciare gli operatori dei servizi, soprattutto gli psicologi interni, per fatti che nel nostro paese avvengono e di cui tutti tacciono. Per niente (e non c’erano assolutamente motivi che mi portassero via mio figlio), la gente non lavora. Nel corso delle varie denuncie e reclami operati anche dai miei legali e consulenti, il tribunale ha comunque scelto la strada dell’indifferenza, ignorando ogni nostro giudizio e prova del contrario, e affidando definitivamente mio figlio, dopo 1 anno e mezzo al servizio sociale del comune di Modena.
Ora vorrei chiederLe se non fosse un bene approfondire queste tematiche sui media, vista la quantità di disagi che codeste istituzioni pubbliche provocano, senza escludere comunque che esistono tanti casi in cui l’intervento è giusto per il bene di piccoli rovinati dal degrado sociale. Non nel mio caso e di tanti dove esiste la cultura, il benessere e l’affetto per i propri figli, voluti, l’istituzione presenta l’incapacità di gestire le famiglie, di rapportarsi ad esse, operando con l’immenso potere di cui dispone e abusando molto spesso degli stessi poteri.
I giudici ancora ascoltano le relazioni prodotte da questi assistenti i quali giudicano in base alla loro esclusiva esperienza personale e con una base culturale retrogada. Gli operatori appaiono frustrati da mansioni pesanti e confusi dinnanzi alla normalità, con stipendi bassi e moli enormi di lavoro. I colloqui che eseguono, mai alla presenza di testimoni, sono vessatori e ricattatori. L’umiliazione psicologica è l’arma migliore per manipolare e trasformare le persone secondo loro canoni non ben precisi. E’ incredibile come trasformano poi il principe in barbone e viceversa. A loro basta inviare due pagine appena in un Tribunale di relazioni che sembrano estrapolate da un mondo che non esiste. Pazzesco verificare di persona e sulla propia sofferta situazione, l’atteggiamento che spesso viene tenuto sulle persone deboli, come donne bambini, hanicappati. Le lamentele che giungono da tanti soggetti coinvolti riguardano inoltre il disgregamento dei nuclei famigliari, da loro operato con estenuante e logorroica strumentalizzazione del loro potere, vessanti illazioni e imposizioni di standard di vita che a non tutti competono.
Tra le tante cose che non vanno in Italia e il bisogno di rinnovarsi , questa deve divenire una questione da affrontare per il bene di famiglie e bambini, e non capisco come mai vengano denunciati in Italia ingiustizie ben minori, mentre l’opinione pubblica, la stampa, avvocati, medici, perfino la polizia, pur sapendo, al solo pensiero di colpire il servizio sociale prendano immediatamente le distanze.
La ringrazio dell’attenzione.

L'autore ha scritto n.1 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione

Continua a leggere: Controversie - Famiglia

Scrivi una Lettera    Ultime Lettere    Ultimi Commenti    Lettere Senza Risposta

713 commenti a

Affidamento dei minori e servizi sociali

Pagine: 1 70 71 72

  1. 711
    carmelo -

    Buon giorno a tutti vorrei sapere se fosse possibile il mio migliore amico una settimana fa gli sono arrivati a casa 2 fratellini di colore subito tutta la famiglia si è messa in codizione di aiutarli vestirli sfamarli ora vanno a scuola tutti insieme ma vengono i dolori perché x andare a scuola ci vogliono i libri hanno chiesto ai serv.sociali se possono rimborsare la spesa dei libri ed hanno risposto che questi bambini provengono dagli svariati sbarchi clandestini ora io chiedo a qualcuno…….possibile che non ci sia la possibilità di avere i soldi x i libri oppure è tutta una burla

  2. 712
    sara -

    Possono andare a sentire in comune all ufficio scuola, in base al reddito rimborsano una quota,ma non chiedete aiuto all assistenti sociali potrebbe essere un motivo per levare un bambino.

  3. 713
    roberta -

    BUONASERA SONO ANNI CHE LOTTO CON GLI ASSISTENTI SOCIALI I MIEI TRE FIGLI PULTROPPO ,SONO AFFIDATI AI SERVIZI SOCIALI DA 10 ANNI PRIMA PERCHE CERANO LITI CON IL MIO EX MARITO ADESSO CHE L HO LASCIATO CONDUCO UNA VITA NORMALE HO TROVATO UN LAVORO A TEMPO INDETERMINATO PERO QUESTO LAVORO MI FA STARE FUORI CASA ASSISTO DUE ANZIANE NON AUTOSUFICENTI,IL MIO EX MARITO NON VERSA GLI ALIMENTI E GLI ASSISTENTI SI LAMENTANO DI QUESTO LAVORO NON SO PIU COSA FARE RIVOGLIO I MIEI FIGLI AIUTATEMI .

Pagine: 1 70 71 72

Scrivi un Commento
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie.
Rispetta l’autore della lettera e gli altri utenti: resta in tema, non chattare, usa un solo nome, fai un uso limitato di abbreviazioni SMS e Maiuscole.
Puoi inserire al massimo 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Il server pubblica in via automatica i commenti alle ore pari (2, 4, 6, 8 ...).
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

 caratteri disponibili

Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.